Alexa Unica Radio
Monopattino elettrico 638x425 1
Monopattino elettrico 638x425 1

Vola l’elettrico (e i monopattini). Ecco la nuova mobilità

 
Crollano le immatricolazioni di veicoli diesel, benzina, Gpl e metano. Nel 2020 registrano il dato peggiore dagli anni ’70. Volano quelle dell’elettrico: +250% tra full electric e plug in hybrid. 
 

A causa della pandemia, si contrae il settore della mobilità condivisa ma c’è da registrare il fenomeno sotto gli occhi di tutti, quello dei monopattini

Partiamo dal ‘tradizionale’. Nel 2020 sono crollate le immatricolazioni di veicoli, che hanno registrato un -28%. Il dato peggiore dagli anni ’70, una contrazione pari a 535.000 vetture, di cui -40,2% diesel -38,7% benzina, -31,1% Gpl, -18,1% metano. L’altra faccia della medaglia, però, è rappresentata dalle immatricolazioni dei veicoli elettrici (full electric e plug in hybrid): Bev e Phev insieme hanno visto 59.900 nuove immatricolazioni contro le 17.065 nel 2019. In termini percentuali, l’aumento complessivo del 2020 per entrambe le categorie è del 250% rispetto all’anno precedente, anche grazie agli incentivi governativi e regionali. Raggiunte le 9.709 stazioni di ricarica, con 19.324 punti, +39% di installazioni. Ma in rialzo troviamo l’utilizzo dei monopattini.

Capitolo mobilità condivisa: noleggio e car-sharing, nel 2020, hanno registrato una forte contrazione dovuta alla crisi del turismo e alle restrizioni alla mobilità cittadina mentre l’incerto quadro economico ha limitato la mobilità aziendale. Migliora però la micro-mobilità condivisa, con il monopattino che spicca, grazie al balzo dalle 4.900 unità del dicembre 2019 alle 27.150 del dicembre 2020, valore destinato a crescere nei prossimi tempi. Insieme al bikesharing, per oltre il 15% elettrico, è il servizio di micro-mobilità più in crescita nel periodo post lockdown 2020.

E a proposito di pandemia, tra gli effetti sociali c’è anche quello che riguarda la mobilità e le nuove modalità̀ di fruizione dei veicoli. Il 34% dei cittadini italiani sostiene di aver modificato le proprie modalità di spostamento a causa delle restrizioni: l’auto diventa il mezzo preferito, con oltre un italiano su due (56,7%) a ritenerla il mezzo più̀ sicuro, mentre i mezzi pubblici vengono scelti solo da 2 italiani su 5 (22,5%).

About Martina Corgiolu

Appassionata di musica, in particolare quella classica, dell'arte e della lettura. Studentessa di Beni Culturali e Spettacolo presso l'Università degli studi di Cagliari.

Controlla anche

Jester Club palco la crociata dei senza fede

“La Crociata dei senza fede” al Jester Club di Cagliari

Al Jester Club la nuova versione de “La crociata dei Senza Fede”un elogio all’intolleranza”. Sul …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *