Alexa Unica Radio
incognito m

Gli Incognito in concerto a Cabras

Gli Incognito in concerto venerdì 12 alle ore 22 a Cabras, per l’unica tappa in Sardegna del tour italiano

Si avvicina al termine del suo cammino la ventiquattresimaedizione di Dromos, un viaggio partito lo scorso 23 luglio da Fordongianus e proseguito nelle settimane successive facendo tappe a Oristano e nei diversi centri della sua provincia sotto il segno dei “Saltimbanchi”. A Cabras grande attesa per il concerto degli Incognito, tra i più importanti progetti e gruppi dell’acid jazz di matrice britannica, in Sardegna per l’unica tappa del tour italiano organizzato dalla società Ponderosa Music & Art.

Sul palcoscenico di piazza Stagno (ore 22) il leader e fondatore Jean-Paul “Bluey” Maunick (alla voce e chitarra) sarà affiancato dalle vocalist Natalie Duncan, Vanessa Haynes e Tony Momrelle, Paul Booth al sassofono e alflauto, Sid Gauld alla tromba, Lorenzo Campese alle tastiere, Charlie Allen e Max O’Donnell alla chitarra, Francis Hylton al basso, Francesco Mendolia alla batteria e João Caetano alle percussioni. Il concerto è promosso dall’associazione culturale Dromos in collaborazione con il Comune di Cabras.

Gli Incognito

Gli Incognito nascono in Inghilterra nel 1976 diventando in breve tempo assoluti protagonisti nella scena internazionale. Dopo la creazione del gruppo da parte di Maunick e Paul “Tubbs” Williams, pubblicano il loro primo album, “Jazz Funk”, nel 1981, prima di prendersi una pausa lunga dieci anni, fino al 1991, quando esce “Inside Life”, registrato insieme a vari altri artisti della scena groove britannica: una caratteristica presente in tutti i dischi successivi, come “Tribes, Vibes and Scribes” (1992), con il contributo della vocalist Maysa Leak, “Positivity” (1993), o “100° and Rising” con Joy Malcolm e Pamela Anderson, il cui brano “Everyday” raggiunge la posizione numero ventitré della classifica inglese.

Successivamente a “Remixed” (1996), “Tokyo Live” (1998) e “No Time Like Future” (1999), gli album che inaugurano gli anni Duemila, “Life, Stranger Than Fiction” (2001) e “Who Needs Love” (2002), si caratterizzano per l’assenza di Maysa Leak sostituita dalle voci di Tony Morelle e Joy Rose. Ancora una volta emerge la caratteristica fluidità nella composizione del gruppo che tuttavia non ne pregiudica lo stile musicale ben definito.

I successi dei primi anni Duemila vengono confermati nel 2010 dalla pubblicazione di “Live in London: the 30th Anniversary Concert” e “Transatlantic R.P.M.”, arricchito dalle performance di artisti come Chaka Khan e Mario Biondi. Nel 2012 gli Incognito pubblicano “Surreal”, seguito da “Amplified Soul” (2014) e “In Search of Better Days” (2016). È del 2019 il loro ultimo disco “Tomorrow’s New Dream” pubblicato per l’etichetta Bluey Music/Absolute, con la partecipazione di numerosi musicisti e cantanti e ben quattordici nuovi brani inediti.

Chiusura

Con il concerto degli Incognito il ventiquattresimo festival Dromos si avvia verso i titoli di coda: sabato 13, la cornice naturale del bosco di Mitza Margiani, nei pressi di Villa Verde, ospiterà il penultimo appuntamento: di scena il progetto afrofuturista Khalab, nome d’arte del musicista e produttore Raffaele Costantino, nato per promuovere la musica black di matrice afroamericana, le sue infinite contaminazioni, influenze e declinazioni. Ad accompagnarlo ci saranno Tamar Osborn alsax baritono, flauto ed effetti, David Paulis al basso elettrico e synth ed Enrico Truzzi alla batteria.

About Marta Collu

Appassionata di storia dal 1996, amo scrivere da quando ho memoria. Quando non ascolto i podcast di Barbero ascolto le playlist più disparate in base all'umore del giorno (e ovviamente Unica Radio). Lavoro come animatrice in una casa di cura e provo ad affrontare il mondo con gentilezza.

Controlla anche

istockphoto 1312766354 170667a

Nora Jazz Festival, rinviato concerto Cristina Branco

Get Widget Nora Jazz Festival, rinviato in data 3 Agosto 2023 il concerto dell’artista portoghese …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.