Alexa Unica Radio
Cuncambias

Cuncambias 2018: È tutta un’altra storia. Millant’anni ai confini della normalità

Appuntamento a San Sperate dal 25 al 29 luglio con Teresa De Sio, Paolo Nani, Altamira Studio Teater, Teatro Atlante, Massimiliano Medda, Francesco Abate, Cristina Caboni, Bachisio Bandinu, Bruno Tognolini e tanti altri per Cuncambias 2018.

Torna alla fine di luglio uno degli appuntamenti più attesi dell’estate culturale isolana: il festival di cultura popolare Cuncambias, in programma a San Sperate da mercoledì 25 a domenica 29.
“È tutta un’altra storia – Millant’anni ai confini della normalità” è il titolo di questa edizione, la numero quindici, a testimonianza di un longevo e prolifico impegno del festival nella diffusione di storie, idee, passione civile, spettacolo e divertimento. Non solo, il Paese Museo quest’anno festeggia cinquant’anni di muralismo e venti di attività di Antas Teatro, che di Cuncambias cura la direzione artistica e organizzativa. Un filo rosso lega questi tre compleanni: essere inclusivi e aperti, come aperta e inclusiva è da sempre la comunità di San Sperate che grazie a Cuncambias festeggia se stessa e soprattutto l’incontro con gli altri.
Molti gli ospiti in programma per questa edizione 2018, che si apre mercoledì 25 luglio con un dialogo tra il giornalista e scrittore Francesco Abate e l’autrice del best seller “Il sentiero dei profumi” Cristina Caboni. A partire dalle 20,30 allo Spazio Antas si parlerà di “Torpedone Trapiantati” (Einuadi, 2018), l’ultimo libro di Abate che racconta la storia scalcagnata e commovente della sua «comitiva di sopravvissuti». Alle 21 protagonisti gli attori dei Teatri Uniti Sud Sardegna (Antas Teatro, Botti du Schoggiu, Teatro del Sottosuolo), che insieme ai colleghi di Altamira Studio Teater e Teatro Atlante daranno vita a uno spettacolo itinerante per le vie del paese. Alle 22 in piazza San Giovanni l’apertura ufficiale del festival con È tutta un’altra storia: riflettori puntati sull’attore più anziano del mondo, Tziu Giuliu Podda, 105 anni e nessuna intenzione di smettere di divertirsi. Insieme a lui Gilberto Collu, Ida Pillitu, Pietrina Atzori, Giuseppe Dessena (assessore regionale alla Cultura), Giampaolo Mameli, Andrea Serra e Nino Landis. Alle 23 chiusura in musica con Malignis Cauponibus in concerto.

La serata di giovedì 26 luglio si apre, a partire dalle 20,30 allo Spazio Antas,  con un incontro con l’antropologo e scrittore Bachisio Bandinu. Alle 22, sul palco di piazza San Giovanni, va in scena Il tempo delle mele – Revival, con Giorgio e Dino Pinna (Teatro Olata), Mario Faticoni, Emma Pucci e Bachisio Bandinu. Musiche eseguite da Altamira Studio Teater e conduzione di Giulio Landis e Germano Mascia. Chiusura in musica alla 23,15 allo Spazio Antas a cura di Leonardo Gallato e Chiara Effe.
Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Redazione

Nata l'8 ottobre 2007 da un progetto di tre studenti universitari. Unica Radio vuole raccontare il territorio, la cultura e le attività dell'hinterland attraverso la voce dei protagonisti. Unica Radio racconta la città che cambia

Controlla anche

Francesco Abate

Cittadinanza onoraria di San Sperate per Francesco Abate

Giovedì 30 luglio alle 22.15 in piazza San Giovanni a San Sperate, lo scrittore Francesco …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *