Alexa Unica Radio
mp2 1

Nel sito di Mont’e Prama la straordinaria scoperta dei Giganti

Il ministro della cultura Dario Franceschini: annuncia “Imminente l’avvio di un’ulteriore intervento, pari a 600.000 mila euro, destinato ai nuovi cantieri”

Alla riscoperta dei Giganti. Oggi il festival si sposta nel Giardino del Museo Civico Giovanni Marongiu con la conferenza spettacolo dedicata al mare e al relitto di Màlu Entu. Ospite d’eccezione Christian Greco.

È un viaggio affascinante nella storia della Sardegna quello intrapreso dal Festival Internazionale dell’Archeologia. Dopo il villaggio Nuragico di Barumini, l’Isola dei Giganti ha vissuto la sua seconda giornata nel sito. La storia delle scoperte archeologiche nel Mediterraneo si è arricchita di nuovi elementi che hanno attirato l’attenzione della comunità scientifica mondiale. Il direttore artistico Giorgio Murru, che ha ricordato come Mont’e Prama sia il luogo simbolo della manifestazione.

Per tutta la serata si è avvertito il respiro dei giganti. Molti dei quali, è stato ricordato, giacciono ancora sotto terra in attesa di essere svelati dalla nuova campagna di scavi. La giornalista Giovanna Zucconi, che ha coordinato la conferenza spettacolo, ha ribadito l’importanza e la magia di realizzare un festival in un’area “dove si sentono forti le presenze dei giganti”.

Le parole del ministro

Il ministro della cultura Dario Franceschini ha rivolto un messaggio ai presenti ricordando l’avvio della nuova attività di scavo. “È imminente l’avvio di un’ulteriore intervento, pari a 600.000 mila euro che vedrà Soprintendenza e Segretariato Regionale del Ministero della Cultura intervenire di concerto con la Fondazione Mont’e Prama”.

Il ministro ha poi sottolineato come il ministero abbia stanziato 2,8 milioni di euro per la gestione del progetto di restauro. A queste risorse, oltre i 3 milioni di euro per ampliare il Museo Archeologico di Cabras, si aggiungono 4,15 milioni di euro per il sito di Tharros. Anch’esso infatti in fase di passaggio sotto la gestione della Fondazione. “Si tratta di un impegno significativo – ha concluso Franceschini – per tutelare un patrimonio che non ha eguali”.

La riscoperta dei giganti

Dalla viva voce di Carlo Tronchetti, Raimondo Zucca, Emina Usai e Alessandro Usai, che nel tempo si sono avvicendati nelle ricerche, il pubblico ha potuto scoprire il vero significato della scoperta dei Giganti e l’emozione che i ritrovamenti volta per volta hanno trasmesso. Un percorso scientifico e di ricerca assai lungo. Inoltre, non privo di difficoltà e che soltanto oggi si manifesta in tutta la sua importanza.

Patricia Olivo (Direttrice del Segretariato Regionale del MiC in Sardegna e componente del Cda della Fondazione Mont’e Prama) e Monica Stochino (Soprintendente ABAP per la Città Metropolitana di Cagliari e le province di Oristano e Sud Sardegna) nei loro interventi hanno fatto il punto della situazione. Dalla gestione dei cantieri di scavo alle strategia più corrette per la conservazione e valorizzazione del bene. Fino alla definizione del sito come “un luogo aperto, come tema centrale dell’esperimento che qui si sta facendo”. Tutto questo in un’area dalla straordinaria valenza storica, archeologica e anche umana.

Le launeddas di Luigi Lai e di Marcello Floris e il sax di Gavino Murgia hanno creato la giusta atmosfera. La serata si è conclusa con l’evento enogastronomico “Gusta il Territorio”.

Stasera al Museo Marongiu

Oggi, giovedì 30 giugno, il Festival sarà nel Giardino del Museo Civico Giovanni Marongiu, ore 20:30, con la conferenza spettacolo “Il mare racconta: Il relitto di Màlu Entu e il prezioso carico di lingotti di piombo”. Un viaggio appassionante tra immagini, filmati e racconti da parte dei protagonisti di una delle più straordinarie scoperte dell’archeologia subacquea. Ma i lingotti del relitto di Mal di Ventre sono tornati prepotentemente in auge con un ruolo nuovo, offrendo un servizio alla scienza e in particolare alla Fisica nucleare e subnucleare e trovando una nuova casa, oltre quella dei Musei archeologici di Cabras e di Cagliari: quella dei Laboratori Nazionali del Gran Sasso, dove ora ne sono custoditi un numero importante.

Intervengono Monica Stochino (Soprintendente ABAP per la Città Metropolitana di Cagliari e le province di Oristano e Sud Sardegna), Ignazio Sanna (Archeologo subacqueo, tra i protagonisti della scoperta del relitto e del recupero dei lingotti), Attilio Mastino (Storico ed Epigrafista, specialista di storia mediterranea in età romana), Ettore Fiorini (Fisico nucleare, Autore di studi specialistici sui lingotti custoditi ai Laboratori Nazionali del Gran Sasso, in diretta streaming), Massimo Marras (Direttore dell’Area Marina Protetta “Penisola del Sinis”) e Christian Greco (Direttore del Museo Egizio di Torino).

La serata verrà presentata e condotta dalla giornalista Donatella Bianchi, una specialista del mare e amante del mare, che ci guiderà nell’intimo di questa storia e ci condurrà poi alla festa. Alla musica e al canto, ai sapori del progetto “Gusta il Territorio”.

About Renato Cabras

Studente di Scienze della Comunicazione

Controlla anche

cagliari

Dottorati di ricerca, boom delle borse di UniCa

Get Widget Attivati ben 14 Dottorati di interesse nazionale, cui l’Università degli Studi di Cagliari …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.