Alexa Unica Radio

Amnesty International via da Hong Kong per la legge sulla sicurezza

Amnesty International ha annunciato la chiusura dei suoi uffici


Amnesty International Hong Kong, fondata 40 anni fa, si occupava principalmente di sensibilizzare la città e le scuole su temi riguardanti i diritti umani. Era finanziata prevalentemente da donazioni individuali di cittadini locali.

L’ufficio regionale, insieme alla sua sede gemella di Bangkok, conduceva ricerche e campagne in Cina e sulle isole del Pacifico.
Questa decisione viene determinata dalla Legge sulla sicurezza nazionale di Hong Kong, che ha reso effettivamente impossibile a un’organizzazione per i diritti umani operare liberamente, ha dichiarato Anjhula Mya Singh Bays.

Per molto tempo Hong Kong è stata la sede regionale ideale per le organizzazioni internazionali della società civile. Le recenti campagne repressive contro gruppi per i diritti umani e sindacati hanno mostrato l’intenzione delle autorità di spazzare via dalla città ogni voce dissidente.

La legge del governo di Hong Kong

La legge è promulgata con l’obiettivo di punire ogni presunto atto di “secessione”, “sovversione dei poteri dello stato”, “terrorismo” e “collusione con forze esterne”.

Da allora, la definizione di “sicurezza nazionale” è utilizzata come pretesto per limitare i diritti alla libertà di espressione, di associazione e di manifestazione pacifica così come per reprimere il dissenso e l’opposizione politica.

Una lunga serie di arresti e processi ha mostrato come la vaghezza e la genericità di quella norma vengano manipolate per fabbricare indagini contro chiunque.

Dall’entrata in vigore della legge hanno chiuso almeno 35 organizzazioni della società civile, tra cui alcune delle più importanti associazioni sindacali.

Dal 2020 al 2021 la polizia di Hong Kong ha arrestato od ordinato l’arresto di almeno 138 persone (tra incriminati e detenuti preventivi).

La prima condanna è emessa contro Tong Ying-kit, giudicato colpevole di “incitamento alla secessione” e “atti di terrorismo” per aver sventolato una bandiera con slogan politico.

About Redazione

Nata l'8 ottobre 2007 da un progetto di tre studenti universitari. Unica Radio vuole raccontare il territorio, la cultura e le attività dell'hinterland attraverso la voce dei protagonisti. Unica Radio racconta la città che cambia

Controlla anche

divieto di indossare segni religiosi e simili

Corte Ue: divieto di indossare sul luogo di lavoro segni religiosi e simili

Divieto di indossare sul luogo di lavoro qualsiasi forma visibile di espressione delle convinzioni politiche, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *