Janas
telescope
telescope

Innovazione del Sardinia Radio Telescope

Leonardo contribuisce all’innovazione del Sardinia Radio Telescope in Sardegna.

Vitrociset si è quindi aggiudicata due gare INAF. Per il potenziamento dell’SRT. Integrerà i sistemi elettromeccanici al servizio dei ricevitori. E fornirà anche un sistema metrologico per il Sardinia Radio Telescope.

La collaborazione tra Vitrociset e INAF su SRT. E’ stata dunque avviata nel 2015. E inoltre si arricchisce oggi di ulteriori attività. Finalizzate a migliorarne le capacità scientifiche. Nel monitoraggio dei detriti spaziali.

“Sardinia” in prima linea per lo sviluppo di tecnologie. E servizi strategici per lo spazio.

Leonardo conferma le sue capacità nel Sardinia Radio Telescope. A supporto della Space Situational Awareness, contecnologie. E competenze altamente complementari.

Leonardo, attraverso la sua controllata Vitrociset si è aggiudicata due gare. Per il potenziamento dell’infrastruttura del Sardinia Radio Telescope (SRT).

Gestito dall’Osservatorio Astronomico di Cagliari. Dell’Istituto Nazionale di AstroFisica (INAF).

A seguito di un finanziamento assegnato all’INAF. Dal Ministero dell’Università e Ricerca (MIUR). Per il miglioramento delle capacità scientifiche dell’SRT. E della sua infrastruttura. Vitrociset si occuperà dell’integrazione dei sistemi elettromeccanici. Al servizio dei ricevitori sull’SRT. E fornirà di un sistema metrologico avanzato per l’SRT.

Tale potenziamento consentirà di integrare e validare la nuova strumentazione scientifica nel Sardinia Radio Telescope. Predisporre l’infrastruttura per gli sviluppi tecnologici e scientifici. Razionalizzare le attività di manutenzione e gestire e migliorare l’affidabilità.

I nuovi sviluppi permetteranno di ottenere una diminuzione del downtime del telescopio. Aumentandone così la produzione scientifica.

Alto circa 70 metri, dal peso di oltre 3000 tonnellate. E con una parabola (lo specchio primario) di diametro pari a 64 metri. L’SRT è un radiotelescopio con caratteristiche innovative. Per applicazioni radioastronomiche e spaziali. Fino a frequenze superiori ai 100 GHz. Realizzato dall’INAF in collaborazione con l’Agenzia Spaziale Italiana. 

L’antenna parabolica, strumento dall’altissimo valore tecnologico.

Scruta il nostro cielo ininterrottamente alla ricerca. E per lo studio di corpi celesti. Sistemi planetari con pianeti simili alla terra, sistemi stellari. Pulsar e oggetti o corpi dalla forte emissione radio. (Nuclei galattici attivi, radiogalassie, quasar, buchi neri). Ma anche alla ricerca di forme di vita extraterrestri.

About Ilaria Bandini

Ilaria Bandini
Ilaria Bandini, nata a Cagliari il 7 novembre 1997. Studentessa di Scienze della Comunicazione. Presidente dell'associazione ONLUS a tutela degli animali, chiamata La strada verso casa.

Controlla anche

mobile 4320136 1920

Come realizzare il nuovo ecosistema di messaggistica 5G e potenziare la nuova economia digitale

Oltre 300 dirigenti ed esperti di governi, operatori e aziende di tutto il mondo hanno …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *