Alexa Unica Radio
band gc06ab98d1 1920
band gc06ab98d1 1920

Ada Montellanico: tocca all’artista domani a Berchidda

Un’altra grande e intensa settimana di musica già saprofita all’orizzonte. Si comincia domani, mercoledì 23 novembre alle ore 19 e alle ore 21 sul palco del Cinema Teatro Santa Croce in piazza del Popolo a Berchidda. Ospite del palcoscenico/progetto Insulae Lab – Centro di Produzione Musica sarà l’Ada Montellanico quintetto. Ospite assieme a lei ci sarà Giovanni Falzone con “Canto proibito”. Appuntamento, come di consueto, al Cinema Teatro Santa Croce in piazza del Popolo a Berchidda.
Una nuova produzione del Centro Adriatico Produzione Musica di Pescara, in cui suoni e parole rimodulano il mondo della “canzone” medio tardo barocca, donando al tutto una chiave jazzistica. Paolo Fresu,il direttore artistico e mixatore di produzioni originali assieme agli ospiti è la punta di diamante dell’evento.
Ada Montellanico è cantante e autrice tra le più importanti e originali dell’intero panorama italiano. Sceglie alcune tra le magnifiche composizioni dell’epoca e le ricama attorno ad una trama per farne il “Canto proibito”. Per affrontare un progetto così ambizioso e complesso e renderlo speciale, Ada affida gli arrangiamenti al grande Giovanni Falzone (tromba e arrangiamenti), artista tra i più innovativi sulla scena attuale. Al suo fianco dei musicisti che rappresentano la nuova espressione del jazz italiani: Filippo Vignato (trombone), Jacopo Ferrazza (contrabbasso) e Ermanno Baron (batteria).
Prezzi popolari per l’evento: 5euro all’ingresso e 8 online. Gradita la prenotazione da effettuare attraverso chiamata o WhatsApp al numero 3426476726.

Pillole su Ada Montellanico

Canto proibito nasce da un’idea di suono di gruppo sempre molto innovativa, e sulla scelta di repertori di grande interesse musicale e socioculturale. Negli ultimi progetti artistici la Montellanico si è soffermata sull’espressività femminile. Nell’album Suono di donna del 2012, l’attenzione è rivolta alle artiste che si sono dedicate alla composizione, alla direzione d’orchestra, all’arrangiamento, ruoli storicamente desueti per le donne. Sono di spicco Billie Holiday e Abbey Lincoln , quest’ultima rappresentativa anche del movimento per i diritti civili della popolazione afroamericana e, più estensivamente, di colore.

Ada ha una forte predilezione per l’aspetto narrativo e il mondo della “canzone” rielaborato sempre in chiave jazzistica, e ora si è concentrata sull’epoca del medio-tardo barocco. Era florida e significativa della storia della musica in cui però, soprattutto a Roma esisteva una forma di censura ecclesiastica. Il teatro era considerato luogo di perdizione, gli spettacoli furono vietati. Addirittura alle donne (considerate da sempre esseri perturbanti e pericolosi) fu proibito di esibirsi pubblicamente sulle scene. Per i ruoli femminili subentrarono i castrati, ragazzi a cui in età pre-puberale veniva inflitta una atroce violenza.

La musica scompare?

La musica continua a riusuonare nei saloni dei palazzi dei nobili aristocratici e fioriscono pagine di scrittura straordinarie cariche di sensualità e ricche di qualità e vigore. Da ciò nasce il nome Canto Proibito.Handel, Scarlatti, Caldara, Cesti, Carissimi, Cavalli e Barbara Strozzi, meravigliosa e rara compositrice di quei tempi, sono alcuni degli autori scelti per questo magnifico spettacolo.

Non ci resta che presentarci all’ingresso e investire il nostro tempo in un’ esperienza unica.

About Giovanni Dessì

Giovane e intraprendente, appassionato di calcio nonché grande tifoso dell' AS Roma, curioso verso il mondo che mi circonda, cercando nuovi orizzonti.

Controlla anche

tik tok calendario cultura eventi weekend

Scopri il Weekend in Sardegna con Unica Radio su TikTok

Vieni con noi alla scoperta del weekend perfetto! Unica Radio ti guida attraverso le migliori …