Alexa Unica Radio
children 1807511 1280
children 1807511 1280

Across Asia Film Festival a Cagliari

Dal 7 all’11 dicembre 2022 torna a Cagliari, con la nona edizione, l’appuntamento con Across Asia Film Festival

Cinque giorni di proiezioni e incontri, oltre 20 film inediti tra cui molti in anteprima italiana ed europea,
diverse location nel cuore della città.
Il festival internazionale dedicato al cinema asiatico si rinnova con una edizione che guarda all’intero continente con un focus sulle produzioni indipendenti, il cinema al femminile, la distruzione dei generi, il mondo queer, il pop e il politicamente scorretto.

Va in scena dal 7 all’11 dicembre 2022 a Cagliari la nona edizione di Across Asia Film Festival, il festival cinematografico internazionale incentrato sui linguaggi indipendenti del cinema asiatico contemporaneo. Con un’accurata selezione di oltre 20 film inediti provenienti da tutto il continente asiatico, tra cui diverse anteprime italiane ed europee, la kermesse propone cinque giorni di proiezioni e incontri in diverse location del capoluogo sardo.

Across Asia Film Festival rinnova quest’anno il suo format proponendo un programma di ampio respiro che abbandona il precedente focus dedicato a un singolo Paese o area geografica per abbracciare l’intero continente asiatico. L’attenzione si rivolge in particolare verso le produzioni indipendenti ed emergenti, il cinema al femminile, i giovani, la distruzione dei generi, il pop, l’universo queer e del politicamente scorretto che in ogni Paese ruota su differenti assi proprietari.
Yuni, Kamila Andini.

La produzione

Tra le produzioni al femminile presentate in questa edizione di Across Asia Film Festival c’è Yuni, film diretto dall’indonesiana Kamila Andini e premiato al Toronto International Film Festival 2021 che racconta i taboo culturali e le restrizioni subite dalle donne nel più grande Paese musulmano del mondo attraverso lo sguardo di un’adolescente piena di progetti per il futuro.
Tra le produzioni di matrice politica e sociale saranno presentate Autobiography, opera prima e matura del regista indonesiano Makbul Mubarak che tratta la banalità della violenza e il sadismo delle dipendenze psicologiche sul solco tracciato dalle dittature, il pluripremiato Myanmar Diaries, firmato a nome collettivo, che racconta dall’interno il golpe militare del febbraio 2021 tra documentario e autofiction e A Night of Knowing Nothing della regista indiana Payal Kapadia che documenta le rivolte degli studenti contro il sistema delle caste utilizzando found footage e una struttura che accarezza la fiction narrativa.

L’evento

Non mancheranno le bizzarre incursioni del cinema di stampo surreale con il thriller allegorico House of Time dei registi indiani Rajdeep Paul e Sarmistha Maiti e con il revenge-movie malaysiano Stone Turtle diretto da Ming Jin Woo, un viaggio emozionale verso l’inaspettato che affonda le sue radici nel folklore, tra forze ctonie e paesaggi magici. Hip-Hop, fantascienza e manga sono, invece, i linguaggi che fonde il giapponese Hoya Seiyo nella sua delirante opera prima Alien Artist.
Il covid e la relativa sensazione di paranoia sono i temi trattati dal maestro indiano del documentario no-budget Don Palathara nel film Everything is Cinema, che racconta il processo di creazione di un documentario da parte di un regista, in reazione a quello a opera dell’occidentale Louis Malle, Calcutta, quando all’improvviso il virus lo costringe al lock-down, trasformando il suo film in qualcosa d’altro.
Ci sarà anche un omaggio al giovanissimo autore coreano Park Syeyoung, premiato come miglior regista di fantascienza al BIFAN, con le proiezioni del suo primo lungometraggio dal titolo The Fifth Thoracic Vertebra – una produzione al limite dell’horror che strizza l’occhio a Lynch, Cronemberg e Dupieux – e dei suoi lavori Cashbag e Luxury Staycation.

Across Asia Film Festival

Nato con l’obiettivo di sviluppare scambi culturali internazionali e di favorire una maggiore prospettiva interculturale, Across Asia Film Festival approfondisce di anno in anno la conoscenza della produzione cinematografica asiatica, mostrando la grandezza del suo apporto sul panorama mondiale in termini di sperimentazione, ricerca e innovazione. Dal 2013 a oggi, Across Asia Film Festival dedica la sua programmazione alle scene indipendenti e al cinema arthouse, mostrando la prolifica produzione del cinema asiatico per diffonderne la conoscenza ad un pubblico internazionale. Il festival rappresenta una finestra sul mondo e un modo non stereotipato di guardare l’Asia e le sue rappresentazioni. È anche un luogo di relazioni internazionali, un contesto per connettere scene artistiche lontane stimolando occasioni di sinergia e coproduzione.

About Irene Pes

Studentessa in Scienze della comunicazione. Amo tutto ciò che riguarda le tradizioni della mia terra. Adoro viaggiare, ascoltare musica, catturare momenti indimenticabili e scoprire cose nuove. Mi prendo cura di me stessa andando in palestra e negli anni con le mie esperienze lavorative ho acquisito molta creatività, tenacia e abilità comunicative.

Controlla anche

Il prezzo delle abitazioni in crescita a Cagliari

Get Widget A Cagliari il prezzo delle abitazioni in crescita rispetto all’anno scorso: più 3,6% …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *