Alexa Unica Radio
davide 3a O8D4318.jpg Primo piano

Davide Catinari presenta “White Light”

Davide Catinari presenterà il suo romanzo White Light giovedì 26 Maggio nel Foyer del Teatro Massimo di Cagliari.

White Light” (Camena Edizioni – 2022) è il romanzo d’esordio di Davide Catinari, cantante e frontman dei Dorian Gray e collaboratore di Linus. Protagonista giovedì 26 maggio alle 18.30 nel Foyer del Teatro Massimo di Cagliari in dialogo con Andrea Fulgheri. Si tratta di un nuovo appuntamento con I Giovedì Letterari del CeDAC Sardegna. In collaborazione con la Libreria Edumondo nell’ambito di Legger_ezza 2022.
Il fascino della “luce bianca” che scandisce il tempo sull’isola, temporaneo approdo in una vita travagliata. “White Light”  è il tema ed il titolo del romanzo d’esordio di Davide Catinari. Artista poliedrico, musicista e scrittore, fondatore e frontman dei Dorian Gray e collaboratore di Linus. Il romanzo è pubblicato da Camena Edizioni (2022).

La parola all’autore giovedì 26 maggio alle 18.30 nel Foyer del Teatro Massimo di Cagliari.

L’autore sarà coinvolto in una conversazione con Andrea Fulgheri (scrittore ed editore, docente all’Accademia d’Arte di Cagliari). Un nuovo appuntamento con “I Giovedì Letterari” organizzati dal CeDAC / Circuito Multidisciplinare dello Spettacolo dal Vivo in Sardegna. In collaborazione con la Libreria Edumondo sotto le insegne di Legger_ezza 2022 / Promozione della Lettura.
La voce narrante è quella del protagonista, un musicista dedito agli stupefacenti. Inserito in un programma di riabilitazione e recupero sociale, riceve una singolare proposta di lavoro. Commisurata, in particolare, alle sue inclinazioni e debolezze. Un’opportunità di sfidare le tentazioni e i fantasmi del passato. Trasferendosi nella (im)perfetta solitudine di una terra circondata dal mare, come guardiano del faro. Un’esistenza segnata dall’abuso di droghe e alcool, un matrimonio fallito alle spalle. Dopo aver gettato via soldi e amicizie. Ma si apre uno spiraglio di paradossale libertà proprio in una condizione stranamente somigliante alla prigionia. Con un alloggio spartano, rigide regole d’ingaggio e tanti divieti. In primis quello di utilizzare computer e altri strumenti informatici e di avere contatti con il mondo esterno. Tranne che per le comunicazioni di routine, con l’unico compito di sorvegliare le preziose apparecchiature e tanto tempo per pensare.
Un incarico stravagante ma non troppo per chi ha affrontato situazioni estreme e ben altre forme di allucinazione. Ma anche un’offerta non ricusabile, pena la perdita del sussidio, oltre a tutti i rischi di una probabile ricaduta.

«La fantasia alimenta l’arsura dei demoni».

Specialmente nella monotonia del quotidiano, quando quel facile oblio è a portata di mano. La fuga da una realtà ormai quasi insostenibile può essere la soluzione. Un modo per mettersi alla prova e misurare la propria temperanza. Isomma un passo verso l’ignoto, confidando in un equilibrio interiore alquanto precario. Trasformandosi – per un breve periodo – nell’unico abitante di uno scoglio battuto dai flutti, custode di quella preziosa e salvifica “luce bianca”.
Un’esperienza interessante, forse, per chiunque, qui rappresenta l’extrema ratio per un uomo che ha ormai superato i limiti e tagliato i legami con il passato. Impegnato a rimettere insieme i pezzi, ma che suo malgrado varca i confini di un altro universo, prendendo in consegna i ricordi di uno sconosciuto.

“White Light” è il racconto di un incontro.

Quasi un dialogo a distanza tra il protagonista e il suo predecessore, un ex bibliotecario, che ha lasciato sull’isola i suoi “Diari dalle periferie dell’infinito”. L’opera prima del cantante e scrittore cagliaritano è un romanzo avvincente. Il quale porta il lettore ad immedesimarsi con il musicista, o meglio «ex musicista ex tossicomane» . Si tratta quindi di un ambiente che l’autore conosce “dall’interno”, con tutte le sue contraddizioni e i meccanismi feroci dello show business. Tra sogni e ideali, successi e disincanto. Il lettore affronta con il protagonista il suo viaggio interiore alla ricerca di se stesso. Sulle tracce di quel guardiano del faro misteriosamente scomparso.
«La realtà è che non esiste la realtà. La realtà è che non esistono altre porte. Ma quelle da aprire sono infinite. La realtà non è che quello che vedete, è solo l’inizio di un’altra illusione, ma forse non ve ne siete accorti». Nell’esiguo lascito fatto di documenti, stampati e fotografie, queste parole suonano come un invito al notturno esploratore. Un uomo che non sa resistere alle confessioni, tanto più se «leggere quelle altrui può alleggerire le proprie, evitando di scavare nuove ferite».
Un eroe al contrario, che per essere stato troppo (o troppo poco) indulgente con se stesso sconta a caro prezzo le proprie debolezze. E non ha più quasi nulla da perdere. Può essere il destinatario ideale dei segreti custoditi in quella cartella, chissà perché dimenticata nell’accurata cancellazione di ogni segno della presenza del bibliotecario, prima dell’arrivo del nuovo guardiano. Una trascuratezza che potrebbe celare un tentativo di verificare l’affidabilità dell’uomo, comunque tale da suscitarne la curiosità. Tanto che quasi a voler placare le proprie inquietudini, finisce con l’immergersi nei ricordi di un’altra vita.

Sul filo e sul ritmo dei pensieri, tra divagazioni e libere associazioni, “White Light” si tinge di suspense.

Conduce i lettori oltre la soglia di quelle “periferie dell’infinito” in cui si inoltra, riga dopo riga, il protagonista, proiettandosi idealmente nelle atmosfere evocate da un ritratto. Visitando città remote, pur senza muoversi da quell’isola di cui inizia già a subire la malìa. «Questo luogo trattiene la percezione del tempo, intrappolandola in un fascio di luce che ne scandisce il ritmo, conservando il battito di un cuore invisibile, antico. Una pulsazione costante, un vertice che si sposta di continuo, troppo veloce per essere inseguito, altrettanto per essere fermato. Un crescendo di accenti che si moltiplicano, annullandosi in una marea bianca che tende all’infinito. La realtà è l’ultimo dei pensieri, un ospite indesiderato nella visione della purezza».
White Light” alterna il crudo realismo con il sottofondo amaro di una vita devastata a momenti di puro lirismo, in un sapiente gioco di chiaroscuri. Tra simboli arcani e riflessioni filosofiche sul significato dell’esistenza, in cui l’isola diventa anche metafora di quel silenzio e quella distanza necessari per compiere un cammino interiore, sfuggendo al flusso degli eventi. Senza dimenticare che – come sottolinea il protagonista – così anelata, o temuta, «La solitudine è l’acceleratore malinconico del desiderio, ti spinge a considerare ogni cosa sotto una prospettiva diversa».

L’autore

Davide Catinari – musicista, autore, terrorista emozionale, scarso in cucina. Premio Lunezia 1999 e premio PIMI 2009, è il fondatore dei Dorian Gray, la band con cui ha pubblicato sette album e frequentato palchi di tutto il mondo, dalla Cina al Canada, isole comprese.
Laureato in Scienze Politiche con un documentario di argomento storico, scrive di musica per Linus ed è direttore artistico di Vox Day, cooperativa di produzione eventi live e festival tematici.

About Laura Piras

Studentessa della facoltà di Scienze Politiche. Vivo a San Sperate, un paese a circa 20 minuti da Cagliari. Mi piace seguire l'attualità e discuterne. Sono impegnata nel mondo del volontariato da circa 4 anni presso un'associazione di soccorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.