Alexa Unica Radio
acqua
acqua

Perdite idriche del 50% in Sardegna, punte del 63% a Sassari

In Sardegna si perde oltre il 50% dell’acqua complessivamente immessa in rete. La rete idrica sarda è un colabrodo e non garantisce un’acqua di buona qualità.

Prova ne sia il fatto che il 12% della popolazione isolana si lamenta e addirittura il 50% non si fida di berla e ricorre all’acqua in bottiglia. È quanto emerge da un recente dossier del Centro studi della CNA Sardegna che analizza l’ultimo censimento dell’Istat.
In base ai dati elaborati dall’associazione nell’isola la differenza tra i volumi d’acqua immessi in rete e i volumi erogati è altissima. Le perdite sono attribuibili solo in parte ad una perdita fisiologica e in parte da prelievi abusivi (3-5% in media). Il resto, invece, è dovuto al volume di acqua che fuoriesce dal sistema di distribuzione a causa di vetustà degli impianti, corrosione, deterioramento o rottura delle tubazioni ancora presenti in quantità di cemento-amianto o giunti difettosi. La situazione è addirittura peggiore nei capoluoghi. Dai dati pubblicati da Istat, in occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua 2022, emerge che le perdite idriche nei comuni capoluogo sono superiori alla media regionale, fino a sfiorare il 63% nel comune di Sassari.

La Cna Sardegna

“I 13.450 km di rete acquedottistica regionale si trovano dunque in pessime condizioni di manutenzione e avrebbero necessità di consistenti investimenti ma non è semplice effettuarli”. La Cna stima, infatti, che ricostruire a nuovo la rete acquedottistica regionale costerebbe circa 2,7 miliardi di euro. “l sola manutenzione così come è condotta attualmente non è più sufficiente. La Sardegna è la regione con un più alto numero di bacini artificiali destinati alla produzione di acqua potabile. Questo causa un importante calo della qualità dell’acqua prodotta. Spiega Cna. “Il 30% delle famiglie sarde non è soddisfatto del servizio idrico. Quasi il 10% non lo è per niente, tre volte di più della media nazionale che si attesta a 2,9%. Quasi il 12% della popolazione sarda lamenta una pessima qualità dell’acqua erogata dal rubinetto e il 50% dei sardi non si fida di bere acqua dal rubinetto. Se a livello nazionale la spesa per l’acquisto di acqua minerale è di 12,56 euro al mese per famiglia. In Sardegna questo valore sarà proporzionalmente più alto”.

Luigi Tomasi e Francesco Porcu, presidente e segretario della Cna

“In un contesto di sempre maggiore scarsità della risorsa idrica, specialmente in Sardegna. Commentano Luigi Tomasi e Francesco Porcu, rispettivamente presidente e segretario regionale della Cna Sardegna.

E’ prioritario affrontare il problema dell’infrastruttura idrica regionale per ridurre gli sprechi, abbassare il costo a carico delle famiglie per il consumo di acqua in bottiglia, limitare i consumi di plastica e i rischi ambientali connessi al loro riuso e smaltimento”.

About Valentina Matzuzi

Sono una studentessa in Scienze della Comunicazione all'università di Cagliari. Ho 22 anni e vivo a Cagliari.

Controlla anche

man g5f7b2b4d0 1920

Boom di truffe e frodi informatiche nell’Isola, +89%

Get Widget Report Confartigianato, Sardegna sesta in Italia Nell’ultimo decennio, in Sardegna i reati informatici denunciati dalle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.