Alexa Unica Radio
Acli congresso 1 1

Termometro Sardegna Congresso Sassari

La ricerca SWG IARES evidenzia gli effetti negativi della pandemia ma con segnali di una leggera ripresa.
La Pandemia ha fatto profondi danni nella socialità e nel tessuto della società sarda, non solo sul piano economico ma anche su quello sociale.

Dal rapporto di ricerca presentato questa mattina a Sassari emergono segni di ripresa che appaiono però fragili e sono da consolidare.
Il rapporto SWG Iares presenta dati raccolti durante il triennio 2020/2022, dall’inizio della pandemia all’attuale fase post pandemica con oltre 1000 interviste raccolte in tutta la Sardegna per ottenere dati dai quali emergono anche le peculiarità delle singole province.

L’analisi dei dati

Emerge una Sardegna che ha sofferto la pandemia in maniera molto profonda, anche rispetto ad altre aree del Paese: si sono rotti legami fiduciari, le persone si sono isolate e spesso hanno trovato rifugio nell’impegno a favore del prossimo attraverso il volontariato e l’associazionismo.
È proprio questo il segnale di ripresa visibile: dopo un azzeramento dei rapporti la gente si è divisa tra la paura verso il prossimo (80% di sfiducia con un crollo di oltre 40 punti rispetto al periodo pre-pandemico), e l’impegno nel terzo settore, verso il quale ripone fiducia molto più elevate rispetto alle istituzioni regionali e comunali.


Questi dati costituiscono la base per la definizione del capitale sociale e mostrano che proprio il capitale sociale è drasticamente diminuito nel periodo pandemico con effetti maggiormente negativi nell’area metropolitana di Cagliari rispetto alla Provincia di Sassari e a quella di Nuoro.
Il capitale sociale non è soltanto un valore che misura la quantità e la qualità delle relazioni tra le persone nella comunità ma è la base dello sviluppo economico e della sua strutturazione. In questo contesto Sassari appare come una realtà fragile ma con segni di ripresa in particolare tra i giovani e tra gli adulti in età lavorativa.

Un’Isola sofferente

Su questi dati si sono confrontati alcuni protagonisti della comunità e della società sassarese.
Secondo l’Arcivescovo Monsignor Gianfranco Saba appare evidente, anche nella comunità ecclesiale, la necessità di ricucire la quotidianità delle relazioni, chiamare alla partecipazione, superare l’indifferenza.

Il presidente della Fondazione di Sardegna Giacomo Spissu ha osservato come si tratti di dati che devono essere utilizzati nelle scelte istituzionali. Emerge una forte credibilità del terzo settore che è in grado di affrontare sfide inedite purchè trovi il modo per aggregarsi ed unirsi nelle sfide più importanti.

La Fondazione guarda a questo mondo e a questa direzione di marcia con attenzione e la Sardegna, e Sassari in particolare, deve ripartire da questo impegno e questa disponibilità per essere attrattiva.
Raffaella Sau, docente di Filosofia Politica all’Università degli Studi di Sassari, ha sottolineato come il capitale sociale sia uno strumento importante per lo sviluppo e la qualità della società. Per il Deputato Silvio Lai è preoccupante il calo del capitale sociale nell’isola e vanno immediatamente assunte iniziative istituzionali per rafforzarlo. Il Vice Presidente nazionale delle Acli Antonio Russo ha plaudito all’iniziativa dell’Istituto di Ricerca delle Acli con SWG e ha ne ha sottolineano l’innovatività e la profondità.

About Michela Corona

Studentessa in Scienze della Comunicazione, diplomata in Scienze Umane. Appassionata di musica, sport e fotografia. Esperienza lavorativa in vendita assistita, animazione e delivery. Nel tempo libero amo andare al mare o in montagna.

Controlla anche

La solitudine dellanima la fotografia di Silvia Sanna approda sabato 4 febbraio allo Spazio e Movimento di Cagliari.

Silvia Sanna: “La solitudine dell’anima” allo Spazio e Movimento

Get Widget “La solitudine dell’anima”, la fotografia di Silvia Sanna approda sabato 4 febbraio allo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *