Alexa Unica Radio
Foto Su Nuraxi

Expo del turismo in Sardegna, appuntamento a Barumini

L’expo del turismo storico culturale della Sardegna, in programma nella cittadina sarda il 2 e il 3 luglio, è uno dei più importanti eventi per la promozione del turismo culturale della nostra isola.

Il rilancio del turismo isolano non può prescindere dalla spinta propulsiva della cultura, della storia e dell’archeologia. Per ripartire in questo difficile momento post pandemia, l’esempio più virtuoso può arrivare da uno dei principali modelli consolidati in Sardegna. Si tratta di quello di Barumini, che da tempo è punto di riferimento per il turismo storico-culturale nell’isola. Ecco perché assume ancora più valore uno degli appuntamenti più attesi per veicolare le politiche territoriali di rete in questo settore, l’Expo del turismo storico culturale della Sardegna.

Organizzato dalla Fondazione Barumini sistema cultura e dal Comune di Barumini, con il patrocinio della Regione Sardegna e della Direzione Musei Sardegna. E’ arrivato alla sua settima edizione e andrà in scena il 2 e 3 luglio prossimi.  L’appuntamento è uno degli eventi più importanti per la promozione del turismo culturale in Sardegna. Rappresenta inolte un’occasione per la commercializzazione dell’offerta turistica sarda in Italia e all’estero.

ESCLUSIVE DELL’EXPO DEL TURISMO

L’evento porterà con sé tantissime novità, sulla scia del lavoro della Fondazione. Essa punta, ogni anno, a rinnovare l’offerta degli appuntamenti. Per questo lo scenario scelto per ospitare gli stand espositivi, sarà per la prima volta l’area di fronte al sito Unesco, Su Nuraxi.

Ma Expo del turismo vuol dire anche legame con le altre realtà nazionali e internazionali. Tutto in quel sistema di rete che vuole unire la Sardegna agli altri siti archeologici del paese e non solo.  Da qui l’altra grande esclusiva 2021, la mostra: “Humanum. Sardegna e Campania, da Su Nuraxi a Pompei“. Nata grazie alla collaborazione tra la Fondazione, il Museo Archeologico di Napoli, la Soprintendenza Archeologica per la Città Metropolitana di Cagliari e il patrocinio delle Province di Oristano, Sud Sardegna e Università di Cagliari, la mostra fa sbarcare nell’isola materiali inediti provenienti dagli scavi di Pompei e dalle città vesuviane.

Altro momento di primo piano sarà, sabato 3 luglio (dalle ore 19.30), l’appuntamento con il Wine Festival. A fare da sfondo all’edizione 2021 sarà Su Nuraxi, perfetto connubio tra archeologia ed enoturismo. Durante la serata sarà possibile degustare le eccellenze di dieci cantine isolane. Con le loro etichette diffondono la cultura enologica sarda. Il Wine festival sarà l’anteprima di un’altra grande attesa, quella delle visite notturne a Su Nuraxi, (ore 21.30), rese possibili grazie al nuovo impianto di illuminazione. Questo darà l’opportunità ai visitatori di scoprire i segreti che si celano all’interno di Su Nuraxi, in uno scenario mozzafiato grazie al suggestivo percorso notturno.

LILLIU (FONDAZIONE), GIULIERINI (MANN) E MUSCOLINO (MUSEI SARDEGNA).

“Dopo i rinvii a causa dell’emergenza sanitaria, finalmente si rinnova uno degli appuntamenti più importanti per il confronto e condivisione del modello di turismo archeologico e culturale di Barumini – commenta il presidente della Fondazione Barumini sistema cultura, Emanuele Lilliu – il grande impegno profuso dalla Fondazione ha permesso di organizzare la settima edizione di un evento che punta a rafforzare la rete di turismo territoriale, a creare nuove opportunità di collaborazione con altre realtà nazionali e internazionali, ma anche a proporre un’offerta ancora più diversificata per aprire nuovi flussi turistici e consolidare quelli esistenti”.

Per Paolo Giulierini, direttore del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, “l’archeologia ha ben chiarito la posizione baricentrica della Sardegna. Questo per tutti coloro che, fin dall’età del Bronzo, dovevano intraprendere rotte o scali commerciali da Oriente a Occidente. Fossero essi mercanti Micenei, Fenici, Ciprioti e, più tardi, Cartaginesi, Etruschi o Romani – sottolinea – la straordinaria capacità di accogliere stimoli esterni da parte dell’isola unita ai tratti identitari che resistono ed emergono nel tempo sono l’espressione più profonda del Mediterraneo, aperto ai meticciati ma restio ad ogni globalizzazione. Di questo si parla nella bella mostra voluta dalla Fondazione Barumini e dal Mann”.

Expo, occasione anche per la ripartenza. “Dopo la forzata pausa dello scorso anno, è importante che, in concomitanza con la ripartenza delle attività culturali, riprenda anche l’ormai tradizionale appuntamento dell’Expo del Turismo Culturale in Sardegna – commenta Francesco Muscolino, direttore della Direzione Regionale Musei Sardegna – sarà l’occasione per presentare, il 2 luglio, il nuovo impianto di illuminazione del sito Unesco di Barumini. L’impianto è realizzato a cura della Direzione Regionale Musei della Sardegna. Il tutto nell’ottica di una sempre migliore fruizione dello straordinario complesso nuragico”.

ALTRI APPUNTAMENTI.

Ricco il programma degli appuntamenti. La due giorni dell’Expo si aprirà con la tavola rotonda (ore 10 Centro G. Lilliu) intitolata: “Musei e luoghi della cultura a Confronto. I nuovi strumenti di comunicazione”, un’occasione per approfondimenti sull’identità culturale e confronto fra i popoli e le civiltà che hanno animato la storia dell’Italia, ma anche sul mondo delle nuove tecnologie, gaming, realtà aumentata, story telling digitale, intelligenza artificiale, strumenti innovativi applicati ai beni culturali. Interverranno: Emanuele Lilliu, Paolo Giulierini, Valentino Nizzo, Francesco Muscolino, Maura Picciau, Ludovico Solima e Elisa Bonacini, moderati da Claudio Bocci direttore di Federculture. .

Per tutto l’Expo i visitatori potranno visitare gli stand di artigianato e agroalimentare, allestiti di fronte all’area archeologica, partecipare ai Laboratori didattici della Fondazione Barumini e a quelli “del Gusto” curati da Slow Food Sardegna o assistere agli eventi di animazione per bambini. Sabato 3 alle ore 10.30, il webinar sui valori Unesco, approfondirà il tema del Management del patrimonio mondiale per lo sviluppo culturale a cura dell’Unit. A fine serata gli appuntamenti di intrattenimento. Venerdì 2, dalle ore 21.30, il concerto ‘Nuragika’, con Gavino Murgia, Marcello Peghin, Alessandro Garau, Luigi Lai e tenore Gòine di Nuoro, mentre il giorno dopo (dalle ore 19.30), spazio al ‘Photowalk al tramonto’.

Ancora visitabile, al centro G.Lilliu, la mostra “Mario Cesare, dalla tela dipinta alla forma scolpita“. Sabato 3 luglio, dalle ore 17.30, verrà presentato il catalogo della mostra.

About Mattia Atzeni

Amo addentrarmi negli infiniti universi creati dal Cinema. Respiro agonismo seguendo e praticando vari sport. Amo la musica vintage e lo stile retrò.

Controlla anche

G. mondiale migrante e rifugiato

Giornata mondiale del migrante e del rifugiato

Giovedì 16 settembre il webinar “Verso un noi sempre più grande”   Al via la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *