Unica Radio App
regione

Finanza d’Impatto: il ruolo della Regione Sardegna

Una piattaforma italiana per la finanza d’impatto 

Il Convegno è Organizzato dal Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali dell’Università degli Studi di Cagliari. Non manca la collaborazione con il Dipartimento di Management dell’Università “Sapienza” di Roma. Insieme al Center for Positive Finance di Unitelma Sapienza e di Social Impact Agenda per l’Italia. L’evento in programma vuole essere un’occasione di discussione e di approfondimento tra i vari attori interessati sul tema della Finanza d’Impatto Sociale. Un tema che potrebbe rappresentare un’opportunità per la Regione Sardegna. 

Recente è la costituzione del fondo di Social Impact Investing. Attraverso questo la Regione Sardegna è tra le prime tra le amministrazioni pubbliche italiane ad aver manifestato concretamente e pubblicamente la volontà di promuovere gli investimenti a impatto sociale.

Pertanto la Regione Sardegna intende avviare progetti con impatto sociale positivo nei settori che vanno dall’inclusione di lavoratori espulsi da comparti produttivi. Nelle intenzioni non mancano interventi di politica attiva destinati ai giovani trai 15 e i 20 anni con difficoltà a inserirsi nel mondo del lavoro e a rischio di esclusione sociale nonché interventi di inclusione attiva di detenuti ed ex detenuti

Al convegno interverranno, tra gli altri: Social Impact Agenda per l’Italia, Ente Nazionale per il Microcredito, Esperti di Finanza ad Impatto Sociale, Rappresentanti delle Istituzioni Nazionali e Regionali 

Per ricevere maggiori informazioni si prega di contattare la Dott.ssa Rosella Carè all’indirizzo e-mail [email protected]

Rassegna Significante

About Tore Seduto

Tore Seduto
Classe 1989. Appassionato cinefilo a 360°, degustatore di birre e di pizze. Amante dei bei film, ma anche di quelli brutti, davvero brutti. Si è cimentato come regista in lavori discutibile fattura. Irriducibile cacciatore di interviste agli addetti ai lavori della settima arte.

Controlla anche

Attività aperte per crisi

Ad agosto 55% attività aperto “per crisi”

Confesercenti, agosto: negozi aperti per recuperare le perdite causate dalla crisi per il coronavirus. Il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *