Alexa Unica Radio

I sapori della Marmilla a Cagliari

I sapori della Marmilla hanno invaso il castello di San Michele a Cagliari: un evento collaterale dell’esposizione di foto “12 Reportages dalla Marmilla”.

Da domenica scorsa non più solo 240 foto, che raccontano la terra dei nuraghi, delle Giare, dei centri storici e di tradizioni tramandate da secoli, ma anche le leccornie, i piatti tipici di una cucina del passato, mai dimenticata e tutelata nelle piccole comunità locali.

L’esordio domenica 13 novembre con i piatti a base di legumi preparati e offerti dai volontari e dalle volontarie della Pro loco di Albagiara.

L’iniziativa

Il cartellone “Sapori e immagini della Marmilla” proseguirà sino a dicembre grazie all’organizzazione del Consorzio Due Giare e della società Orientare e con la collaborazione delle Pro loco della stessa Marmilla. Ogni appuntamento, al costo di 6 euro, prevede l’ingresso al castello, la visita guidata alla mostra “Dodici reportages dalla Marmilla” e la degustazione dei prodotti tipici.

L’esordio

Primo appuntamento col botto con i legumi della Pro loco di Albagiara. Lenticchie, ceci bianchi e neri conditi con finocchietto selvatico, sedano e cipolle. E ancora pane carasau e pistoccu con olio nuovo. Il progetto Olympias è nato da una ricerca ultradecennale del Consorzio Due Giare sul recupero della memoria del gioco tradizionale della Marmilla grazie a un’idea della dottoressa Roberta Muscas e si è poi esteso ad altri territori della Sardegna. Per anni i bambini e i ragazzi di tante piccoli paesi sono stati coinvolti per alcun mesi in laboratori sui divertimenti del passato dei propri genitori e dei propri nonni, fatti di materiali poveri come legno e canna, per poi confrontarsi in una manifestazione finale e mettere in pratica quanto imparato giocando in uno dei comuni delle Due Giare. Grazie ad Olympias il Consorzio Due Giare ha anche avviato un fattivo rapporto di collaborazione e interscambio con gli Emirati Arabi.

12 Reportages della Marmilla

Nelle stesse sale del castello San Michele è allestita l’esposizione “12 Reportages della Marmilla”. 240 scatti realizzati negli ultimi tre anni da dodici giovani fotografi in altrettanti centri dell’Alta Marmilla grazie al progetto “Fotografia Contemporanea in Marmilla”, del Consorzio Due Giare e dell’associazione “Su Palatu Fotografia”. Progetto arrivato ora al castello di San Michele a Cagliari grazie alla società Orientare e all’assessorato alla cultura e spettacolo del Comune di Cagliari.

Dal lavoro di questi esperti di scatti sono nate dodici mostre di foto, ospitate per un mese nel paese, diventato un piccolo set fotografico. Tiziano Canu è stato a Baradili, Marianna Ogana a Baressa, Francesca Macis a Senis e Guglielmo Cherchi a Villa Sant’Antonio. Ancora Ad Assolo Pierluigi Dessì, a Gonnosnò Ambra Iride Sechi, a Sini Isabella Muzzu e ad Usellus Simone Deidda. Infine Gianmarco Porru a ad Albagiara, Mario Saragato a Curcuris, Emanuela Meloni a Pompu e Valentina de Santis a Villa Verde. Le esposizioni potranno essere visitate al castello di San Michele sino al prossimo 4 dicembre.

I prossimi sapori

Domenica 20 novembre, sarà il turno della Pro loco di Baressa con i dolci di mandorle. Domenica 27 l’associazione turistica di Curcuris con i suppasa, il pane raffermo cotto e poi condito col sugo e i volontari di Baradili con i loro ravioli. Infine, domenica 4 dicembre la Pro loco di Gonnosnò con petza ‘e sattizzu. 

Per effettuare prenotazioni bisogna scrivere a [email protected]. Per informazioni è possibile chiamare il numero 070 15240479.

About Michela Corona

Studentessa in Scienze della Comunicazione, diplomata in Scienze Umane. Appassionata di musica, sport e fotografia. Esperienza lavorativa in vendita assistita, animazione e delivery. Nel tempo libero amo andare al mare o in montagna.

Controlla anche

Sabato 3 dicembre seconda tappa a Cagliari del tour di Daniele Silvestri

Get Widget Dopo il sold out di venerdì 2 dicembre C’è ancora qualche biglietto per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *