Alexa Unica Radio
sanità

Sanità in Italia: neonatologi, “emergenza culle vuote, ridisegnare rete punti nascita”

“C’è in Italia da anni una emergenza ’culle vuote’, per questo dobbiamo ridisegnare completamente la rete dei punti di nascita per renderli più performanti e in grado di dare una assistenza migliorare alle donne. Ancora oggi questa rete è organizzata come se avessimo 200mila nati l’anno ma non è più cosi. Ancora nel 2020 abbiamo in Italia più di cento centri sotto i 500 parti l’anno e 200 sotto i 1000. Troppo pochi per una struttura. Ma nulla è stato fatto. Oggi l’età media del primo figlio si è alzata e le donne hanno necessità di avere risposte nei centri che siano all’altezza delle aspettative e delle patologie correlate ad una maternità anche tardiva”.

Lo ha spiegato all’Adnkronos Salute Luigi Orfeo, presidente della Società italiana di neonatologia a margine degli Stati Generali della natalità a Roma.

“Nella revisione del Dm 70 su cui si sta lavorando, c’è la proposta da parte della sanità e delle società scientifiche di ridurre i punti nascita. La scelta però poi è politica e sappiamo che molti sindaci sono contrari alla chiusura dei punti nascita ma in Italia non ci sono 100 isole con punto nascita”, chiosa Orfeo.

“Questi Stati generale mettono insieme le parti sociali; la politica; la sanità e la scuola per affrontare un problema complessivo sotto tanti aspetti – prosegue Orfeo – qualcosa è stato fatto con il Family Act; ma aspettiamo i decreti attuativi. Occorre anche affrontare il tema della genitorialità che oggi in Italia è poco al centro delle discussioni. E aiutare i nostri ragazzi ad accelerare il passaggio all’età adulta perché la salute riproduttiva non dura tutta la vita“.

E proprio in questi giorni si è svolta la seconda edizione degli Stati generali della natalità. La due giorni dedicata al problema della crisi delle nascite si svolgerà all’Auditorium della Conciliazione a Roma il prossimo 12 e 13 maggio con l’obiettivo di coinvolgere l’intero sistema Paese sull’allarme culle sempre più vuote. Il 2021 ha segnato un nuovo record negativo: in Italia sono nati meno di 400mila bambini, oltre 176mila in meno rispetto al 2008.

About Nicolò Murru

Amante del calcio, del cinema e di uno sport finto come il wrestling

Controlla anche

man g5f7b2b4d0 1920

Boom di truffe e frodi informatiche nell’Isola, +89%

Get Widget Report Confartigianato, Sardegna sesta in Italia Nell’ultimo decennio, in Sardegna i reati informatici denunciati dalle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.