Janas
102104984 75903e62 1ab4 4aba a45c c67aec76915e
102104984 75903e62 1ab4 4aba a45c c67aec76915e

Coronavirus, è davvero utile disinfettare le superfici? Lo studio su Nature

Disinfettare le superfici serve a poco, contro il coronavirus meglio aprire le finestre. Lo evidenzia un nuovo articolo pubblicato su Nature che ha fatto il punto sulle vie di trasmissione del virus, indicando come il contagio per contatto con le superfici avvenga molto più raramente rispetto alla via aerea.

Più ricerche abbiano dimostrato che il Coronavirus virus Sars-Cov-2 può persistere su plastica e acciaio inossidabile anche per giorni. Le prove che si sono accumulate nel corso di questi mesi hanno indicato che la maggior parte dei contagi avviene per via aerea.

L’ articolo ha fatto il punto sulle conoscenze attualmente disponibili. “la trasmissione del virus attraverso il contatto con superfici contaminate, sebbene possibile, non sia considerata un rischio significativo”.


L’attenzione degli esperti si è concentrata sul reale pericolo rappresentato dalle particelle virali che si depositano sugli oggetti, mettendo in guardia dal trarre conclusioni assolute. “Anche se alcuni esperimenti indicano che il coronavirus può sopravvivere sulle superfici, ciò non significa che le persone contraggano l’infezione dalle superfici” dicono gli studiosi.

Tra questi, i risultati di studio condotto dai ricercatori lla Tufts University di Medford, nel Massachusetts. Sulla base dei livelli di contaminazione e della frequenza con cui le persone toccano superfici, come le maniglie delle porte e i pulsanti ai passaggi pedonali, ha stimato che il rischio di infezione dal contatto con una superficie contaminata è minimo (5 su 10.000) ed inferiore alle stime di contagio tramite aerosol. 

“La trasmissione dagli oggetti contaminati è possibile, ma sembra essere rara. Affinché avvenga, devono concorrere più circostanze”. Sono le persone, non le superfici, a dover essere la principale fonte di preoccupazione. Le prove degli eventi di super diffusione, indicano chiaramente che la via di trasmissione è quella aerea”.

Contro il coronavirus meglio aprire le finestre


Benché il lavaggio delle mani sia fondamentale, perché la trasmissione del virus attraverso le superfici contaminate non può essere esclusa, gli studiosi sottolineano che “è più importante migliorare la ventilazione degli ambienti o installare depuratori d’aria rispetto rispetto allo sterilizzare le superfici. Se abbiamo già prestato attenzione all’aria e abbiamo ancora un po’ di tempo e risorse extra, allora sì, pulire quelle superfici che vendono toccate più frequentemente può essere utile”.

Allo stesso modo, anche le famiglie potrebbero “rilassarsi” indicano gli studiosi. “Mettere in quarantena la spesa o disinfettare ogni superficie significa spingersi oltre, ti porta a fare un sacco di lavoro e probabilmente non riduce la tua esposizione al virus”. D’altra parte, una ragionevole igiene delle mani, così come l’uso corretto della mascherina, il rispetto della distanza dalle altre persone e il frequente ricambio d’aria negli ambienti “sono le attività migliori in cui concentrare gli sforzi”.

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Martina Corgiolu

Martina Corgiolu
Appassionata di musica, in particolare quella classica, dell'arte e della lettura. Studentessa di Beni Culturali e Spettacolo presso l'Università degli studi di Cagliari.

Controlla anche

prodotti omeopatici

Cresce acquisto prodotti omeopatici online, trend spinto da pandemia

Sempre più italiani acquistano prodotti omeopatici online. A dirlo è un’indagine condotta da Doxapharma per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *