Alexa Unica Radio
nuraghe suelli

Suelli, il nuovo sistema turistico locale incanta anche Budapest

Un lungo studio ha portato alla realizzazione del Sistema Turistico Locale di Suelli – con l’apertura a febbraio della mostra dei reperti archeologici e antropologici

Sabato 11 gennaio dalle ore 9 alla Biblioteca Comunale di Suelli, in via Provinciale, si parlerà di questa apertura, durante la conferenza sulle prospettive di sviluppo di questo tipo di sistema turistico (locandina in allegato, ndr).

Il Sistema Turistico Locale di Suelli è stato realizzato attraverso lo studio del patrimonio culturale, dei beni archeologici, passando poi al cibo a km zero, alla ricerca scientifica e alle migliori forme di ospitalità e gestione dei flussi turistici.

Oltre ai soggetti isolani e nazionali coinvolti, c’è anche l’Università di Budapest e l’Hungarian Natural History Museum, il museo ungherese di storia naturale di Budapest, risalente al 1802, che ospita le più grandi collezioni di storia naturale dell’Ungheria e della regione, a prestare massima attenzione al modello di sviluppo turistico proposto da Suelli.

“L’Ungheria è stata coinvolta nel progetto – ha detto il sindaco Massimiliano Garau – in virtù di un accordo di studio congiunto di antropologia tra Comune, Soprintendenza e Cnr, specie sulla parte di ricerca che riguarda i reperti ossei della tomba campaniforme di Pranu Siara”.

 La geografia del sistema turistico locale di Suelli. Obiettivo è custodire, valorizzare e promuovere, l’identità dei luoghi: partendo dal neolitico con la necropoli di Pranu Siara, si passa per la valle dei nuraghi da PISCU e si prosegue con la necropoli di Ruin’e figu e infine, attraverso un suggestivo excursus nel primo secolo dell’anno mille quando Suelli divenne sede di diocesi con San Giorgio Vescovo di Suelli, e mantenne quel titolo per quasi cinquecento anni.

E ancora, sono inclusi il Parco dei Santi Cosma e Damiano – con la chiesa edificata su un sito archeologico di grande rilievo – nella vecchia regione di “CIXI”, che insieme rappresentano la testimonianza di cinquemila anni di storia. 

“A questi “gioielli” identitari e culturali – ha precisato il sindaco – è affiancato il Museo, per la tutela e la valorizzazione dei reperti archeologici, oggetti di arte sacra, e altro. E ancora un Ufficio Turistico capace di comunicare e veicolare le corrette informazioni alle visite. Ci sarà – a corredo di tutta l’offerta – un ampio e innovativo Mercato delle Produzioni agricole che regalerà ai visitatori l’esperienza degli antichi sapori della nostra terra, attraverso degustazioni e vendita diretta dei prodotti a km zero”.

 Il Museo. Sarà dotato di nuove vetrine espositive e un arredamento più moderno, ci saranno dispositivi informativi, pannelli e diffusione di immagini 3D. Previsti per i ragazzi e le scolaresche in visita guidata i laboratori sensoriali per cimentarsi nelle fasi di scavo, catalogazione e allestimento. “Un gioco – ha sottolineato il primo cittadino Garau – propedeutico all’apprendimento e all’accrescimento di sensibilità e responsabilità verso i beni archeologici da parte delle giovani e future generazioni, alle quali affidiamo questa importante eredità”.

– La mostra. Verrà allestita all’interno di un edificio comunale nella via principale di Suelli. “ Si è partiti da queste considerazioni preliminari per arrivare all’idea di un progetto di valorizzazione turistica multisettoriale – ha proseguito e spiegato Garau – che comprenda l’aspetto archeologico, quello delle produzioni agricole, artigianale e artistico, quello ambientale e religioso. Questa proposta costituisce l’ossatura di un primo Sistema Turistico di Suelli, capace di coordinarsi e offrire servizi di altissimo livello che soddisferanno una sempre più importante e consapevole domanda dell’economia locale”.

– Finalità del progetto. Con la valorizzazione del nuraghe Piscu, dell’area di Pranu Siara, la gestione dell’area Parco Santi Cosma e Damiano in Loc. Cixi, la realizzazione e gestione di una mostra archeologica composta da reperti provenienti dal territorio di Suelli e oggetti e materiali di proprietà della Diocesi e della Chiesa di Suelli, ancora l’avvio dell’Ufficio Turistico in Piazza Garibaldi, il Mercato delle Produzioni agricole “Il Granaio di Roma” con una offerta di degustazione e vendita di cibo a km0, si vuole coinvolgere l’intera popolazione isolana – e non solo – nella conoscenza del patrimonio culturale e rafforzare i legami delle nuove generazioni con la storia del loro territorio. “La realizzazione di questo progetto – ha concluso il sindaco – porterà un sicuro interesse verso il territorio di Suelli contribuendo a incrementare lo sviluppo economico del territorio”.

Partner e soggetti istituzionali coinvolti. Comune di Suelli, Soprintendenza ABAP Cagliari, Consiglio Nazionale delle Ricerche Regione autonoma della Sardegna, Università di Budapest, Hungarian Natural History Museum, Unione Comuni della Trexenta, Soc. Coop. Diamante, A.T. Proloco Suelli.

About Giulia Mannu

Nasce a Nuoro nel 1997. Dopo aver conseguito la maturità scientifica nel 2016, comincia a studiare presso la facoltà di Scienze Economiche Giuridiche e Politiche di Cagliari, intraprendendo l'indirizzo di Scienze Politiche.

Controlla anche

spreco

L’insostenibile pesantezza dello spreco alimentare

Get Widget  L’autore: “Importante sviluppare la nostra ‘coscienza alimentare’ e impegnarsi nel concreto affinché l’alimentazione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.