Home / Articoli / Interviste / Gianni Morandi: “Di Carloforte ci si innamora”
FestivalScienza Cagliari

Gianni Morandi: “Di Carloforte ci si innamora”

Unica Radio ha intervistato Gianni Morandi in quel di Carloforte – Isola di San Pietro.

Il cantante e attore si trovava a Carloforte fino a sabato 6 ottobre per le riprese della seconda stagione della fiction L’isola di Pietro che lo vede protagonista.

Risultati immagini per gianni morandi carloforte concerto

Classe ’44, originario di Monghidoro53 milioni di dischi venduti; 608 brani incisi con 230 collaborazioni; più di 4000 concerti tenuti in Italia e più di 400 all’estero. L’ultimo, gratuito, è di sabato 22 settembre, proprio a Carloforte. Un successo clamoroso tenutosi sul lungomare, cui sono accorsi da tutta la Regione per l’ultimo saluto. Concerto che ha saputo essere divertente, grazie a una scaletta in cui non potevano mancare i sempre verde Fatti mandare dalla mamma, Andavo a cento all’ora, Uno su mille o Scende la pioggia, ed emozionante, sulle note di Caruso, ricordando l’amico e collega Lucio Dalla e gli storici duetti fatti insieme.

Insomma, Gianni Morandi non ha certo bisogno di presentazioni. È uno dei personaggi più amati dal pubblico italiano, in grado di resistere agli anni che passano trovando sempre un suo spazio. Mai banale, mai una parola fuori posto, sempre gentile e disponibile, come lo è stato con noi di Unica Radio che lo abbiamo raggiunto subito dopo aver girato le ultime scene e poco prima che lasciasse l’isola per fare ritorno nella sua Bologna. Forse è anche per questo che piace così tanto ed è sempre per questo stesso motivo che hanno scelto lui per interpretare Pietro Sereni, il pediatra della fortunata serie L’isola di Pietrofiction di Canale 5 che ha ottenuto un ottimo riscontro di pubblico-. Così empatico e comunicativo, Pietro, da sembrare, fatta eccezione per la professione, quasi il suo alter ego.

La vita però non è solo rose e fiori: Morandi questo lo sa bene e ci tiene a ricordare anche i momenti difficili, quando, intorno agli anni ’70-’80 non produceva più e quel mondo che fino ad allora lo aveva accolto sembrava, in quel momento, remargli contro. La sua immagine tanto conosciuta pareva allora sbiadire e temeva di essere arrivato al capolinea. Invece è stato in grado di rinascere dalle sue stesse ceneri, andando davvero “a cento all’ora”. Da quel piccolo cedimento è passato, ormai, molto tempo. Successi musicali e televisivi hanno segnato la sua carriera, tra tanti, la conduzione di Sanremo nel 2011 che ha ottenuto uno share da fare invidia ai precedenti e tale da riconfermarlo per l’edizione successiva. A posteriori afferma: “se dovessi tornarci però, tornerei per cantare, per essere in gara, per noi cantanti Sanremo è quello!

Immagine correlata

Il bambino che vendeva caramelle al cinema Aurora di Monghidoro e che rimaneva affascinato dagli attori americani sullo schermo, ora non esiste più, nonostante lui non avesse mai immaginato di fare l’attore e nemmeno il cantante. Tutto è nato in modo molto casuale, senza pensare che sarebbe potuto diventare un mestiere.

La chiacchierata finisce con l’augurio di andare sempre “a cento all’ora” nella vita e una simpatica digressione sul calcio, visto che alle h 15:00 si disputa Cagliari-Bologna al Sardegna Arena. Morandi è tifoso del Bologna ma ammette di provare molto affetto per la squadra isolana e ricorda con nostalgia i tempi d’oro del Cagliari di Gigi Riva, suo amico e coetaneo. Che vinca il migliore!

Gianni Morandi: “Di Carloforte ci si innamora”

 
 
00:00 / 15:03
 
1X
 

About Giulia Sanna

Giulia Sanna
Nasce a Cagliari nell'ottobre del 1990. Consegue la maturità scientifica e si laurea in giurisprudenza. Da giurista pentita decide di cambiare le sue sorti e tenta di avvicinarsi al mondo della comunicazione, che da sempre la affascina e la appassiona. Le esperienze all'estero, a Parigi prima e a Londra poi, la aiutano a capire che la vita è veramente troppo breve per sprecarla a fare qualcosa che non dà stimoli e anzi demolisce la nostra curiosità e il nostro amore per la stessa. Un breve workshop di giornalismo a Roma, indetto da The Post Internazionale con la partecipazione di Limes, suggella per sempre questa sua convinzione e la condanna al precariato eterno. Amante della satira oltre ogni misura e della comicità dissacrante. Viaggia, legge, scrive, corre, mangia e ride. Mai contemporaneamente. Crede nel potere della musica terapeutica.

Controlla anche

Intervista a Davide Catinari, KarelMusicExpo 2018

Anche quest’anno il KarelMusicExpo ci regala tre giornate, più una, all’insegna della musica e non …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.