Alexa Unica Radio
fuga

“Gli invisibili”, film di Claus Rafle a Cagliari Martedì 11 ottobre

“Gli invisibili”, film di Claus Rafle si proietta a Cagliari Martedì 11 ottobre al Circolo Laboratorio 28

Martedì 11 ottobre alle 20.45 al Circolo del Cinema Laboratorio28 a Cagliari, si proietta e si discute il film “Gli invisibili” di Claus Rafle. Film che racconta in modo accurato e commovente un capitolo poco conosciuto della storia tedesca: la resistenza degli ebrei durante la Seconda Guerra Mondiale. L’iniziativa si inserisce all’interno della rassegna “Preferirei di no. Disobbedienza, rabbia e pratiche di reincanto nel cinema“, percorso che si propone l’attraversamento delle molteplici possibilità di dire e di agire il no. I protagonisti appartengono ai millecinquecento ebrei che sono sopravvissuti a Berlino e scampati all’orrore predisposto dalla macchina nazista. Adolescenti che  si separarono dalle loro famiglie e riuscirono a cavarsela cambiando identità o colore di capelli, nascondendosi in appartamenti o dentro un cinema. Quella che rifiutò di perdersi nella massa, di sottrarsi a ogni impegno di vita personale, di dispensare il proprio io. Intercalando interviste, finzione e documenti d’epoca, Gli invisibili articola esperienze, complicando il quadro del Terzo Reich, scomponendone la narrazione monolitica e lasciando emergere fenomeni di resistenza che hanno avuto luogo, anche a Berlino.

Le prossime iniziative Seguiranno, per la rassegna, le proiezioni: MACHAN – La vera storia di una falsa squadra di Uberto Pasolini (martedì 18 ottobre); SOFIA di Meryem Benm Barek (martedì 25 ottobre); WHITE DOG – Sinfonia per Hagen di Kornél Mundruczo (martedì 8 novembre).
L’ingresso alle proiezioni è libero con tessera FICC 2022 del Circolo del Cinema Laboratorio28, la cui sottoscrizione può essere fatta in loco al costo di 5 euro. Per informazioni scrivere via email a [email protected] e consultare il sito laboratorio28.it o la pagina facebook del circolo.

About Camilla Lai

Sono Camilla, ho 22 anni e sono nata a Cagliari nel Maggio del 2000. Studio Beni Culturali e Spettacolo all’Università di Cagliari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *