Alexa Unica Radio

A Cagliari il progetto di un maxi polmone verde

La zona di Cagliari del colle tra viale Europa e via dei Conversi, covo dei senzatetto, a rischio incendi e ricca di discariche si trasforma in foresta urbana che renderà il parco comunale più grande e permetterà il collegamento fino all’oasi delle saline creando un immensa area polmone nel cuore della città da via della Pineta fino al Poetto

Una nuova foresta a Monte Urpinu, nella grande area (60 mila metri quadrati) tra viale Europa e via dei Conversi. Che renderà il parco più grande e potrà collegarsi fino all’oasi di Molentargius creando un immenso polmone verde nel cuore della città.

Il progetto delle foresta urbana di Monte Urpinu è stato approvato dal sindaco di Cagliari Paolo Truzzu. Ora manca solo il progetto esecutivo e poi via ai lavori sulla parte meridionale del Colle di Monte Urpinu. Una parte ormai priva di gestione e praticamente inagibile, che vede il proliferare di mini discariche abusive, che ha subito vari incendi, rifugio ideale per senzatetto e consumatori di “sostanze”, e che soffre di un progressivo dissesto idrogeologico.

Oltre a quasi 6 mila piante e una nuova segnaletica, ci saranno nuove opere di arredo, per la fruizione dell’area da parte dei cittadini. Con altre risorse si verificherà inoltre la possibilità di collegare questa area al parco comunale Adiacente e al vicinissimo parco regionale di Molentargius.

L’area dell’intervento riguarda circa 6 ettari nella parte meridionale del colle, su aree pubbliche (terreni comunali) e private. Negli ultimi vent’anni numerose sono state le richieste per una riqualificazione dell’area, ma purtroppo senza alcun risultato concreto. Il tutto mentre continuano ad aumentare i rifiuti, il degrado dell’esiguo patrimonio boschivo-arbustivo esistente e i frequenti incendi.

I benefici diretti riguardano il disinquinamento atmosferico, l’effetto ‘raffrescamento’ e l’innalzamento dei valori paesaggistici del colle; mentre quelli indiretti includono la riduzione del fenomeno delle discariche, del rischio incendi e del rischio idrogeologico. “Stiamo iniziando a raccogliere i frutti di quanto seminato nel primo periodo di mandato“, sottolinea il sindaco di Cagliari Paolo Truzzu. “Il tema del verde pubblico, non solo come manutenzione e mantenimento, ma come incremento, è uno degli assi portanti di questa amministrazione , e questo è uno degli esempi di come, se si hanno le idee, se si lavora in sinergia con le amministrazioni comunali, si può tutti insieme raggiungere l’obiettivo di una Cagliari più sostenibile anche perché più verde”.

About Nicolò Murru

Amante del calcio, del cinema e di uno sport finto come il wrestling

Controlla anche

migranti

A Cagliari un progetto per aiutare i migranti

Get Widget “Mens sana in corpore migrantis” per capire meglio chi arriva da lontano. E …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.