Home / Articoli / Teatro / Donne dell’Underground sbarca ad Oristano
Unica Radio App

Donne dell’Underground sbarca ad Oristano

Lo spettacolo Donne dell’Underground domenica 30 giugno alle 21.30 – Auditorium dell’Istituto Tecnico “Lorenzo Mossa” di Oristano

Donne dell’Underground di e con Marta Proietti Orzella – in scena con Carla Orru – domenica 30 giugno alle 21.30 all’Auditorium dell’Istituto Tecnico “Lorenzo Mossa” di Oristano per la Stagione 2018-2019 de La Grande Prosa firmata CeDAC tra storie grottesche e surreali per una fotografia del presente. Ritratti al femminile tra amarezza e rabbia, delusioni e sogni di riscatto con la pièce scritta e diretta dall’attrice e regista con uno speciale gusto per l’ironia (al nero) e la sorpresa, in cui suggestioni teatrali e letterarie si fondono agli echi della cronaca per far sorridere e pensare.

Storie metropolitane e humour nero con le “Donne dell’Underground” di Marta Proietti Orzella, che insieme a Carla Orrù interpreta le oscure e sorprendenti “eroine” della pièce (di cui firma drammaturgia e regia) in cartellone domenica 30 giugno alle 21.30 all’Auditorium dell’Istituto Tecnico “Lorenzo Mossa” di Oristano per la Stagione Teatrale 2018-2019 sotto le insegne de La Grande Prosa organizzata dal CeDAC/ Circuito Multidisciplinare dello Spettacolo in Sardegna con il patrocinio e il sostegno del Comune di Oristano in partenariato con la Provincia di Oristano.

Creature dell’immaginario emerse dagli abissi della coscienza o riaffiorate dalla memoria, emarginate e frustrate, vittime di angherie e soprusi, costrette all’oblio si prendono la loro rivincita conquistando la ribalta in uno spettacolo brillante e coinvolgente che propone uno sguardo inedito, non indifferente o superficiale ma attento e indagatore sulla realtà.

Ritratti al femminile – ironici e “feroci” – per una riflessione sulle piccole e grandi ingiustizie e sulle contraddizioni della società, sull’arroganza figlia di una (presunta o pretesa) impunità e sulla gelosia che nasce perfino tra sorelle per questioni di interesse o per i rispettivi successi e insuccessi, perfino per l’altrui felicità accanto a un gioco metateatrale con la spietata critica verso la variegata fauna di sedicenti artisti che “abitano” il palcoscenico.

Un vivace affresco di varia umanità tra vizi e (rare) virtù visto o meglio “vissuto” in chiave femminile – anche se non esattamente o non sempre “femminista” – dalle enigmatiche figure che si susseguono a comporre una curiosa galleria in cui domina la “cattiveria” quale unica arma di sopravvivenza nella jungla cittadina.

La parola alle “Donne dell’Underground” che uscite dall’ombra ne approfittano per dire la loro, per dar sfogo a antichi rancori, a una profonda rabbia e una lucida indignazione, ma anche per esprimere la loro ansia di riscatto, il loro desiderio di affermazione superando i confini invisibili – ma apparentemente invalicabili – per ottenere il loro posto nel mondo, “alla luce” del sole.

In un divertente e divertito “contrappunto” le due attrici prestano corpo e voce alle protagoniste, finalmente libere di esprimersi e decise a portare fino in fondo le loro rivendicazioni – si tratti di ricevere il dovuto rispetto o riprendersi una fetta di eredità, vendicarsi di torti subiti o spargere nuovi veleni, forti di una nuova autostima sulla via dell’emancipazione e del riconoscimento sociale. Le “Donne dell’Underground” uscite da un incubo collettivo o “vomitate” dalla terra si presentano di fronte al pubblico: sono in fondo dei «piccoli “mostri”» – come scrive Marta Proietti Orzella nelle note, nel duplice senso della meraviglia e dell’orrore, moltiplicato dall’essere uno specchio (deformante) della realtà. Un’antologia di storie “maledette” di «donne “al margine”, donne “dell’underground”, personaggi grotteschi e mostruosi, spesso odiosi e insopportabili» che offrono «un improbabile (ma non troppo!) “spaccato” femminile».

Sottolinea l’attrice e regista: «La liberazione da una condizione di sottomissione e di marginalità è l’elemento che accomuna la storia di queste donne alla ricerca di un riscatto personale e sociale. Il ritratto che ne viene fuori è quello di donne vulnerabili e umili, ma non arrendevoli, che si ribellano a una condizione di subordinazione e inferiorità. Il linguaggio è quello tipico della commedia (qua e là si fa uso della lingua sarda). Le storie sono arricchite da suoni, musiche e immagini che sottolineano le azioni» in una mise en scène raffinata e suggestiva che ci spinge a guardare, volenti o nolenti, un po’ più in là, oltre l’orlo dell’abisso.

La Stagione de La Grande Prosa a Oristano proseguirà domenica 7 luglio alle 21.30 all’Auditorium del Mossa con gli “Scrittori da Palco” (da un’idea di Flavio Soriga) poi domenica 14 luglio alle 21.30 spazio a Amanda Sandrelli che interpreterà “La Ninfa Calipso” dal quinto canto dell’Odissea e infine domenica 21 luglio alle 21.30 il matematico Piergiorgio Odifreddi in “Sul cammello e l’ombra del bastone” tra teatro e scienza.

Francesco Renga Tour 2019

About Redazione

Redazione
Nata l'8 ottobre 2007 da un progetto di tre studenti universitari. Unica Radio vuole raccontare il territorio, la cultura e le attività dell'hinterland attraverso la voce dei protagonisti. Unica Radio racconta la città che cambia

Controlla anche

Marta Proietti Orzella

Momorie, lo spettacolo di Marta Proietti Orzella in scena a Serramanna

Lo spettacolo “MEMORIE”, scritto e diretto da Marta Proietti Orzella in scena domenica 28 gennaio alle …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: