Alexa Unica Radio
download 14
download 14

Inquinamento da plastica, per i cittadini serve un trattato globale

Circa il 90% delle persone intervistate in 28 paesi ritiene che avere un Trattato globale sulla plastica sia importante per affrontare la crisi dell’inquinamento da plastica; inoltre, l’85% desidera che produttori e rivenditori siano ritenuti responsabili del fine vita degli imballaggi in plastica.

L’opinione degli italiani intervistati è tra le top ten: siamo al sesto posto con una percentuale del 94% degli intervistati a favore del trattato. Lo rivelano il Wwf e la Plastic Free Foundation hanno commissionato all’Ipsos un’indagine su 20.000 cittadini tra i 17 e i 74 anni intervistati a fine 2021: il primo sondaggio completo e globale sulla necessità di un trattato per affrontare l’inquinamento da plastica.

Questi risultati dovrebbero rafforzare l’urgenza di stabilire standard globali per affrontare le fasi del ciclo di vita della plastica e definire la strada per porre fine all’inquinamento da plastica entro il 2030. I riflettori, ora sono puntati sugli stati membri che dovranno avviare negoziati alla prossima assemblea delle Nazioni Unite per l’ambiente prevista a fine febbraio.

Al Governo italiano il Wwf chiede di correggere le disposizioni introdotte nella normativa italiana di recepimento della direttiva comunitaria ‘Sup’ sulla plastica monouso, rafforzando, come è stato chiesto dalla Commissione Europea, le misure che disincentivano il monouso e sostengono il ricorso a imballaggi riutilizzabili.  

Rivelazioni del sondaggio

Il sondaggio rileva una forte richiesta pubblica per un’azione ambiziosa e coordinata. I paesi dell’America Latina sono in testa con il 93% degli intervistati che riconosce l’importanza di un Trattato globale sulla plastica, seguiti dai cittadini europei coinvolti dall’indagine e dell’area asiatica del Pacifico. La percentuale di persone che pensano che un Trattato sia importante è più alta in Messico, Cina e Perù, l’Italia al sesto posto con il 94% degli intervistati a favore. 

Inoltre, circa tre quarti del campione di intervistati pensa che la plastica monouso debba essere bandita e l’82% afferma di voler acquistare prodotti la minore quantità c possibile di imballaggi in plastica. Il sondaggio ha rilevato che l’85% degli intervistati desidera che produttori e rivenditori siano ritenuti responsabili della riduzione, del riutilizzo e del riciclo degli imballaggi di plastica.  

La consapevolezza dell’opinione pubblica e la preoccupazione per la crisi della plastica sono aumentate poiché il problema del consumo eccessivo e dell’inquinamento di plastica è cresciuto: con l’attuale modello di produzione-utilizzo si avrà il raddoppio della produzione di rifiuti di plastica e la triplicazione della diffusione di plastica negli oceani entro il 2040, rispetto al 2016.

2.144 specie di microbi, piante e animali sono interessate dall’inquinamento provocato dalla plastica, mentre i costi sociali, ambientali ed economici di quella prodotta nel solo 2019 sono stimati in almeno 3,7 trilioni di dollari USA nel corso del suo periodo di ‘vita’. 

About Ale Laconi

Mi presento, sono una ragazza che studia all'università di Cagliari in 'beni culturali'. Appassionata sin dalle superiori alla storia dell'arte, portandomi ad intraprendere questo percorso di studi. Nel tempo libero mi piace viaggiare con la mia macchina fotografica, immortalando ciò che mi colpisce, a partire dai paesaggi, persone e tutto quello che mi ispiri arte. Mi piacerebbe trasformare una delle mie passioni in un lavoro futuro.

Controlla anche

Incendi e mare

C’è una relazione tra incendi e inquinamento marino

Get Widget Rappresentano una minaccia per il Mediterraneo e per le specie che abitano i …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.