Unica Radio Skill Alexa
Ospedale Binaghi

Ospedale Binaghi: “Errore destinarlo a centro Covid”

Lai (LeU): “Salvaguardare le cure ai malati di sclerosi multipla. Errore destinare l’ospedale Binaghi a centro Covid”.

“A seguito della ristrutturazione legata alla conversione dei reparti ufficializzata con deliberazione della Giunta regionale, il Centro Sclerosi Multipla presente all’ospedale Binaghi di Cagliari rischia di essere cancellato”. E’ il grido d’allarme lanciato dai consiglieri del gruppo consiliare Liberi e Uguali Sardigna Eugenio Lai e Daniele Cocco.

In un’interrogazione presentata stamane in consiglio regionale denunciano: “la conversione del Centro di neurologia in presidio Covid-19 farebbe venir meno l’assistenza alle 4000 persone con Sclerosi Multipla della Sardegna che attualmente sono in cura presso il Centro clinico del Binaghi. Questo aggraverebbe una persistente carenza nella risposta alle esigenze e ai bisogni delle persone affette dalla patologia.”

“A fronte di 198 casi per 100mila abitanti mediamente calcolati in Italia, nella regione Sardegna la stima raggiunge i 370 casi (quasi il doppio). Si conferma così la regione italiana con la maggiore prevalenza di persone con Sclerosi Multipla”. Continua Lai: “In questo contesto è prioritario salvaguardare tutte le prestazioni e terapie indifferibili a tutela del diritto alla salute dei cittadini sardi. Non possono subire ulteriori ritardi rispetto a quelli già accumulati durante il lockdown in primavera”.

“Chiediamo al Presidente della Regione e all’Assessore della sanità di attivare con la massima sollecitudine soluzioni alternative all’individuazione dell’ospedale Binaghi in centro covid. Salvaguardando così le cure ai malati di sclerosi multipla. E’ indispensabile allo stesso tempo dare piena applicazione degli indirizzi e degli attesi livelli essenziali di assistenza per le persone con sclerosi multipla e l’effettiva applicazione del Percorso diagnostico terapeutico assistenziale (PDTA) per la Sclerosi Multipla in Regione Sardegna, approvato con deliberazione N. 7/48 del 12.02.2019 e ancora purtroppo mai reso operativo”.

About Maura Piras

Maura Piras
Studentessa di Beni Culturali, storico-artistici. Appassionata di arte contemporanea e fotografia. Mi affascina il cinema all'aperto, il vintage a la musica dal vivo.

Controlla anche

smart working

Quanto costa una camera in più per lavorare in smart working

La richiesta delle aziende a proseguire lo smart working, anche dopo i lockdown, porterà alla ricerca di abitazioni …