Alexa Unica Radio
dipartimenti

Quattro dipartimenti dell’Università di Cagliari al top in Italia

Hanno superato la prima selezione e sono in corsa per entrare nella lista dei 180 Dipartimenti di eccellenza.

Giurisprudenza, Ingegneria elettrica ed elettronica, Matematica e Informatica, Scienze politiche e sociali. L’Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca (ANVUR) ha reso nota la classifica dei migliori Dipartimenti delle Università italiane, valutando il ruolo attivo di ogni Ateneo. Proprio tra questi ci sono i quattro dipartimenti di Cagliari.

“È bene precisare che si tratta di una prima selezione. Ciononostante dalla prima tranche di risultati, che ha identificato i primi 350 migliori Dipartimenti a livello nazionale, l’Università degli Studi di Cagliari conferma il trend positivo degli ottimi risultati già ottenuti sulla Valutazione della qualità della ricerca (VQR)”. Così scrivono dall’Ateneo su un comunicato.

I dipartimenti

Ben quattro Dipartimenti di UniCa sono risultati infatti candidabili al ruolo di “Dipartimenti di eccellenza”: Giurisprudenza; Ingegneria elettrica ed elettronica; Matematica e Informatica; Scienze politiche e sociali.

I primi due in particolare hanno riportato il punteggio massimo (100). Anche gli altri due figurano ben posizionati nella speciale classifica di chi fa ricerca in Italia. Già in passato il Dipartimento di Scienze Economiche ed Aziendali era entrato nella lista finale.

Le parole di Francesco Mola

“Ci aspettavamo, visti i risultati incoraggianti della VQR, di fare meglio della scorsa tornata, quando abbiamo avuto solo il Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali, che è poi diventato Dipartimento di eccellenza” dichiara il Rettore Francesco Mola. “Quattro Dipartimenti, di cui due a punteggio pieno, sono un risultato importante e incoraggiante. Va detto che sono confronti nazionali fra aree omogenee per ambiti di ricerca e non comparazioni nello stesso Ateneo. Adesso pronti per la fase due”.

Ora infatti comincia la seconda fase della selezione, per entrare nella ristretta cerchia dei primi 180. La procedura prevista dalla norma prevede che ogni università possa presentare un progetto di sviluppo quinquennale del dipartimento. Accompagnato da un programma finanziario, dovrà includere: il reclutamento del personale; la premialità al personale; le infrastrutture di ricerca e le attività didattiche e scientifiche di alta qualificazione. Il passaggio successivo sarà la valutazione dei progetti da parte di una commissione. Questa stilerà una graduatoria finale dei 180 Dipartimenti di eccellenza, tenendo altresì conto del numero massimo di dipartimenti finanziabili per ciascuna delle 14 aree CUN (stabilito dallo stesso Ministro con il decreto di nomina della Commissione).

Sul sito del Ministero dell’Università e della Ricerca, si legge che “i 180 Dipartimenti selezionati potranno contare, in relazione al quintile dimensionale in cui sono collocati, su una dotazione finanziaria variabile tra di 1,620 milioni euro annui e 1,080 milioni euro annui per cinque anni”. Invece “ai Dipartimenti delle aree CUN da 1 a 9 sarà altresì assegnato un budget di 250 mila euro annui vincolato a infrastrutture di ricerca. Il raggiungimento degli obiettivi previsti dal progetto dipartimentale e il corretto utilizzo del budget attribuito saranno oggetto di valutazione finale”.

About Renato Cabras

Studente di Scienze della Comunicazione

Controlla anche

Bob Marongiu

Bob Marongiu firma mondi di colore in ricerca della felicità

Get Widget Fino al 31 agosto alla Mem di Cagliari la mostra “Je Mem” Colore, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.