Unica Radio Skill Alexa
bullybuster

BullyBuster: il progetto dei ricercatori dell’Università di Cagliari

Il team di Gian Luca Marcialis, in stretta cooperazione con gli specialisti degli atenei di Bari, Foggia e Napoli “Federico II”, in prima fila contro una delle piaghe sociali del terzo millennio. Al progetto triennale finanziato con un milione di euro dal Miur collabora la Polizia postale

Ingegneria del presente e del futuro. Gian Luca Marcialis (docente di Ingegneria industriale e dell’informazione al Diee, Dipartimento ingegneria elettrica ed elettronica, Università di Cagliari) è il responsabile scientifico dell’unità cagliaritana del progetto “BullyBuster – A framework for bullying and cyberbullying action detection by computer vision and artificial intelligence methods and algorithms”. Finanziato con 1.056.819,14 euro, il massimo importo ammissibile, dal Miur (Ministero istruzione, università e ricerca) il progetto è basato sull’intelligenza artificiale e, se necessario, può allertare anche le forze dell’ordine. Tutti e quattro i gruppi hanno ottenuto per i tre anni di ricerca il massimo dei fondi (bando Prin, Progetti ricerca interesse nazionale). Al gruppo guidato dal professor Marcialis sono andati 195.576 euro. La “Federico II” di Napoli (capofila, responsabile Carlo Sansone), ha avuto 246.091,14 euro, l’Università di Bari (Donato Impedovo) ha avuto 222.481 mentre l’ateneo di Foggia (Donatella Curtotti) ne ha a disposizione 185.845.

Piaga sociale. L’app per cellulari e pc “BullyBuster” servirà per segnalare e individuare episodi di bullismo e cyberbullismo. I quattro atenei affrontano congiuntamente il problema per sconfiggere una grave piaga sociale, diffusa nelle scuole e in rete. BullyBuster” (AcchiappaBulli) grazie al supporto informatico, prevede una mappa online su cui annotare in tempo reale segnalazioni per richiedere interventi contro episodi di bullismo commessi per strada, a scuola o nei luoghi chiusi. Nell’iniziativa è coinvolta anche la Polizia Postale, che collaborerà ai casi di cyberbullismo, mettendo mezzi ed esperienza a disposizione degli sviluppatori dell’applicazione. I bulli saranno delineati nei loro comportamenti dalle equipe di psicologi e le azioni da intraprendere sono rese possibili grazie ai giuristi che si baseranno sulle leggi. “Il progetto – spiega Gian Luca Marcialisconsiste in un avanzato programma basato sull’intelligenza artificiale, in grado di registrare se in una piazza, una via o una stanza, oppure durante una comunicazione sui social o sul cellulare si stiano compiendo azioni prepotenti e violente, minacce o ingiurie. L’acchiappabulli sarà in grado di proteggere le vittime segnalando un atto di bullismo in corso, ovunque esso sia compiuto, nella vita reale o nella realtà virtuale, e di allertare, se il caso, le forze dell’ordine di un pericolo imminente”.
Il team di esperti delle quattro università è specializzato in ambito tecnologico, dell’intelligenza artificiale, giuridico e psicologico. I
ricercatori, provenienti da territori dove il fenomeno è sentito, daranno al Paese il primo strumento reale per combattere il bullismo. “Lo stiamo progettando pensando – rimarca il professor Marcialis – a famiglie, studenti, scuole e forze dell’ordine”.

About Alessia Sanna

Alessia Sanna
Nata a Cagliari ma vive a Pula. Diplomata in lingue presso il liceo "Eleonora d'Arborea" di Cagliari e attualmente studentessa di Scienze della Comunicazione all'Università di Cagliari. Cantante e amante della musica, ha partecipato a concorsi ed eventi musicali noti in Sardegna. Appassionata dei social media, giornalismo e spettacolo.

Controlla anche

Incontro

Incontro tra rettori: Università di Cagliari e Sassari

Maria Del Zompo e il nuovo rettore di Sassari Gavino Mariotti: l’incontro. Consolidati i rapporti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *