Home / Articoli / Università e Ricerca / Istat, mai cosi basso l’indice di stato psicologico degli italiani

Istat, mai cosi basso l’indice di stato psicologico degli italiani

L’Istat monitora lo stato di salute della cittadinanza e ha riscontrato un indice di stato psicologico piuttosto basso per la popolazione italiana

 Il dato base è un dato Istat: già nel 2017 l’Istituto Nazionale di Statistica comunicava un crollo di questo indicatore. Nel 2017, il presidente dell’Istituto Nazionale di Statistica, nell’autorevole  cornice del XXI Congresso Nazionale della Società Italiana di Psicopatologia, comunicava il dato ufficiale: rispetto al 2005 l‘indice di stato psicologico degli italiani ha perso circa 4 punti nelle fasce di età comprese tra i 50 ed i 59 anni e circa 2 punti nelle fasce di età comprese tra i 20 ed i 49 anni.

 Ma risalire la china si può. Ne è convinta Anima Select,l’organizzazione che in pochi mesi ha rivoluzionato il mondo degli incontri grazie all’esclusivo «abbinamento emotivo» basato sulle tecniche scientifiche ideate dallo psicologo Stefano Benemeglio. «Proprio a partire da un percorso di crescita personale si può arrivare a conquistare tutto ciò che si vuole, non solo un uomo o una donna-a seconda dei casi- ma anche successo, wellness finanziario e tutto il resto»assicura Giuseppe Gambardella, ideatore e ceo di Anima Select.

 Dopo aver partecipato ai corsi tenuti dallo psicologo Stefano Benemeglio, padre delle discipline analogiche, noto per i molti esperimenti di successo portati avanti nelle sedi più prestigiose includendo anche l’Ordine dei Medici di Madrid e per la sua ampia ricerca sulle discipline analogiche portata avanti fin dagli Anni Settanta quando fu counselor e coach di numerose stelle di Hollywood, l’imprenditore italo-inglese ha lanciato questa nuova iniziativa.Sviluppato soprattutto nei Paesi anglosassoni, il «wellness emotivo» arriva così in Italia in un momento che vede più che mai abbassati gli indici di stato fisico e psicologico della popolazione, una situazione che nel nostro Paese penalizza maggiormente gli uomini rispetto alle donne ed il Sud rispetto al resto del Paese. A crollare maggiormente in Italia -secondo quanto osservano gli analisti di Anima Select- è il mental component summary (MCS), l’indice che misura lo stato psicologico della popolazione attraverso l’autovalutazione della vitalità, delle attività sociali, dello stato emotivo e della salute mentale.

 Per sedentarietà e per eccesso di peso si rileva -più in particolare- un persistente svantaggio del Mezzogiorno. Ma i problemi sussistono anche nel Nord Italia che -con oltre un quarto di consumatori a rischio- si caratterizza per maggiori quote di consumo di alcol.Il Centro Italia, rimane invece l’area geografica con la maggior quota di fumatrici (tra gli uomini la percentuale più elevata si rileva nel Mezzogiorno). Ogni regione, insomma, ha il suo problema. E per tutti vi è una diversa soluzione, che tiene in conto la diversa tipologia emotiva di ciascun individuo.

About Valentina Meloni

Valentina Meloni
Ciao sono Valentina Meloni, ho 24 anni. Sono iscritta al corso di Laurea di Scienze della Comunicazione.

Controlla anche

Istat: case di riposo boom dei privati in crescita

Con più di 13,5 milioni di over 65 nel 2018 in Italia  nelle case di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.