Unica Radio App
MigraRE questionario immigrazione

Un questionario svela il rapporto tra gli studenti sardi e gli immigrati

Il Progetto MigraRE mostra poca informazione e scarsi strumenti per comprendere un fenomeno che a volte appare lontano

Gli studenti sardi sanno poco, anzi pochissimo, del fenomeno degli immigrati e della presenza dei cittadini stranieri nelle strutture di accoglienza dell’isola. Sono spesso vittime degli stereotipi imposti dai media che usano un linguaggio che esaspera la percezione che i cittadini hanno della presenza degli immigrati. Stereotipi che dipendono dai contesti culturali, dall’isolamento, specie dei piccoli centri, e anche dalle scarse sollecitazioni che provengono dalla scuola e dalla famiglia.

Cosa dicono i giovani

Molti giovani ammettono di non aver mai avuto a che fare con un immigrato, di non aver neppure parlato o magari condiviso un’attività. La paura, quando c’è, deriva dalla scarsa conoscenza di un fenomeno che sembra relegato solo alle immagini televisive. Eppure in quasi la totalità degli studenti sardi, c’è la consapevolezza che dall’Africa arrivano ragazzi e ragazze che hanno sogni, desideri e aspettative simili alle loro. Il fatto positivo è proprio questo: non c’è razzismo o intolleranza verso i cittadini stranieri, molti dei quali scappano da situazioni di disagio estremo: povertà, guerra, persecuzioni di natura religiosa o politica.

È quanto emerge dal questionario che l’Associazione Socialmed ha somministrato, nell’arco di quasi 10 mesi, a circa 500 studenti delle classi 4° e 5° delle scuole secondarie nell’ambito del progetto “MigraRE: Sardegna chiama Africa”, che ha ricevuto un contributo della Fondazione di Sardegna.

I risultati del progetto

“Ai ragazzi – afferma il presidente di Socialmed, il giornalista Alessandro Aramu – interessano poco le questioni sull’accoglienza astratta che spesso trovano spazio sui media per questioni meramente politiche o di parte. I ragazzi si trovano di fronte a un qualcosa che ignorano perché non hanno gli strumenti per comprendere un fenomeno tanto grande quanto piccolo. La paura, quando esiste, è data dalla scarsa conoscenza del fenomeno, da stereotipi imposti dai media, dai luoghi comuni e da una serie di false informazioni che fanno credere che in Italia, ad esempio, ci sia una vera e propria invasione di immigrati. I ragazzi, poi, non conoscono neppure il numero dei cittadini stranieri presenti nell’isola o la loro provenienza”.

Nei laboratori delle scuole della Sardegna il dato positivo è rappresentato dall’assenza di fenomeni di razzismo e di qualsiasi forma di intolleranza. C’è molta curiosità, spesso frenata da una diffidenza di natura culturale, sebbene i social abbiamo oramai abbattuto tra i giovani barriere geografiche e sociali”.

Della durata di tre anni, il progetto MigraRE ha terminato la sua prima annualità nel corso della quale sono state realizzate le seguenti attività:

  •  Incontri con gli studenti delle scuole secondarie della Sardegna: coinvolgimento dei ragazzi delle classi 4° e 5° delle scuole secondarie in un percorso di sensibilizzazione;
  • Realizzazione di un’indagine conoscitiva circa le loro conoscenze sui temi dell’immigrazione e dell’integrazione;
  • Organizzazione di giornate formative di educazione al rispetto dell’altro e ai valori dell’accoglienza rivolte agli studenti delle scuole secondarie della Sardegna.
Rassegna Significante

About Alessandro Mura

Alessandro Mura
Ragazzo col pallino dell'estetica che adora: viaggiare, film, musica, videogiochi e le mangiate esagerate con gli amici.

Controlla anche

ON LINE QUESTIONARIO

Hate Crimes No More. Il questionario on-line

Hate Crimes No More: un questionario on-line, realizzato dal Centro Risorse LGBTI, per censire il fenomeno …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *