Unica Radio App
May Mask di Cagliari

Massimiliano Murru per unica radio: ecco la stagione May Mask 2020

In occasione della stagione 2020 del May Mask, abbiamo intervistato Massimiliano Murru, il fondatore di questa associazione culturale

L’Associazione May Mask ha per fini la realizzazione, la pratica e la valorizzazione delle iniziative e dei servizi della cultura, delle arti e dello spettacolo, nonché la diffusione e la promozione d’attività su tutto il territorio nazionale ed internazionale.

Intende, sviluppare un’intensa attività di ricerca e sperimentazione, in merito all’interazione tra i diversi linguaggi espressivo-artistici, a confronto con le tematiche sociali più attuali.

Gli incontri sono tanti e questi saranno i prossimi previsti:

17 gennaio ore 21.00 May Mask: Faccio cose, vedo gente – Moretti in canzoni
 
È uno spettacolo in cui Passante & Vismara raccontano la filmografia di Nanni Moretti. Partendo dalle canzoni e dalla loro personale idea che si cela dietro ogni singola scelta del regista.
 
Da Gino Paoli a Brian Eno, Lauzi, Cohen, Adamo, gag dal vivo che riproducono le sue scene più famose,aneddoti e curiosità, caschi e cuffiette da pallanuotisti, ci sono estratti audio dei suoi film e in qualche modo una nostra personale analisi sui vari stili mutati in più di 40 anni di carriera.
 
19 gennaio May Mask ore 19.00 Palau Palau – cartolina dolceamanra di e con Agostino Aresu
 
Partendo dai racconti d’infanzia di un bambino, si ripercorre la trasformazione di un luogo, un paesino agropastorale del nord Sardegna che dagli anni Sessanta in poi si trasforma in località turistica da cartolina.
 
Dalle parole del protagonista prendono vita i personaggi, sospesi in uno spazio fisico e immaginario, a tratti reale a tratti fantastico, si materializzano le voci e le frasi nella lingua del luogo, il gallurese, e il racconto diventa immagine e movimento. L’idea sonora si muove tra la memoria e la trasformazione, incombe sulla spensieratezza del racconto creando continue fratture tra due mondi che si scontrano.
 
E’ un periodo di passaggio per il nord Sardegna, il turismo sta facendo prepotentemente il suo ingresso e il rione Stazione di Palau, agli occhi del bambino, diventa simbolo di questo passaggio diventando una Costa Smeralda in miniatura.
 
Una cartolina dolce amara che racconta di un luogo, di una zona che in pochi anni è passata dalla strada bianca all’asfalto, trasformando un luogo e la vita di chi lo abitava. 
 
24 gennaio a partire dalle 18.30 al May mask: Viaggio Libero
 
Viaggio Libero è un evento-installazione che propone, attraverso i suoi stessi elementi costitutivi, musicali, scenografici, teatrali, visivi, letterari e simbolici, un incontro intenso e agile tra il May Mask Collective e tutti i partecipanti.
 
Nel volgere di venti minuti circa, una barca disegnata e colmata con una straordinaria collezione di statue africane (unitamente alle sculture in legno e ceramica dell’Artista Luciano Melis), diviene spazio scenico per gli attori/musicisti e per i presenti.
 
Come la linea di gesso disegnata a terra resta aperta e valicabile, così le voci, le musiche, il cibo, i colori, le culture, aprono una strada al diritto inviolabile del Viaggio, parola Latina originata da Viaticum, ovvero: la provvista necessaria al cammino.
 
L’evento Viaggio Libero è versatile sia nel suo utilizzo scenico che in quello educativo: infatti, come detto poc’anzi, avendo una durata di 20 minuti circa, può essere replicato in vari momenti della giornata e per più giorni consecutivi, seguitando peraltro ad essere una esposizione di tipo museale visualmente molto evocativa e di immediata fruizione, lungo l’intero arco di tempo di impiego.
 
In senso educativo, Viaggio Libero è anche luogo-studio e luogo-gioco, con una possibilità ampia di adattamento alle esigenze di Scuole, Mostre d’Arte e Cinematografiche, Musei, residenze e work-shop.

MASSIMILIANO MURRU percussioni e suoni
STEFANO GIACCONE voce e sax
 
 
25 gennaio ore 21:00 May Mask presenta SANATANA
 
SANĀTANA è il primo Album di SANĀTANA per l’etichetta indipendente SUPRANU Records (2018).
 
Questo lavoro è stato composto tra Marzo e Luglio 2019, contiene 6 tracce realizzate attraverso tecniche elettroacustiche di elaborazione del suono, utilizzando come materiale sonoro di partenza le registrazioni di alcune sessioni improvvisative e guidate con la musicista Maria Giovanna Cardia.
 
In occasione del primo concerto di SANĀTANA lo staff di SUPRANU records proporrà una selezione musicale. Da musica ambient, glitch, vaporwave, techno, per continuare la serata insieme e ascoltare le novità musicali da tutto il mondo selezionate da stziopa aka Stefano Manconi e Emanuele Balia.
 
Per qualsiasi informazione e per gli eventi successivi al 25 potrete consultare la pagina facebook dell’associazione https://www.facebook.com/pg/maymaskincontridarte/events/
 
Ascolta l’intervista del 16 gennaio 2020! 
 
 
 

Massimiliano Murru per unica radio: ecco la stagione May Mask 2020

 
 
00:00 / 11:42
 
1X
 
Rassegna Significante

About Giulia Mannu

Giulia Mannu
Nasce a Nuoro nel 1997. Dopo aver conseguito la maturità scientifica nel 2016, comincia a studiare presso la facoltà di Scienze Economiche Giuridiche e Politiche di Cagliari, intraprendendo l'indirizzo di Scienze Politiche.

Controlla anche

manicomio santa vagare

Non urlare: intervista a Ilaria Paganelli

“Non urlare”, uno spettacolo di teatro immersivo tra l’incubo e la favola. In questa intervista, …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: