Unica Radio App
ricercatori in camice bianco
??????????????????????????????

L’anti-doping del futuro: da una ricerca di UniBO

L’anti-doping del futuro,da una ricerca dell’università di Bologna, una misura per rendere più trasparenti le performance sportive.

L’anti-doping del futuro: miniaturizzato, sicuro, veloce  è sempre più vicino. Il gruppo di ricerca del Pharmaco-Toxicological Analysis Laboratory (PTA Lab) presso il Dipartimento di Farmacia e Biotecnologie dell’Università di Bologna ha ottenuto un nuovo finanziamento dalla World Anti-Doping Agency. Lo scopo è condurre ricerche avanzate nel campo delle analisi anti-doping, attraverso innovativi campioni miniaturizzati.

I metodi che vengono usati oggi per le analisi anti-doping non sono infatti privi di problemi, anche per motivi logistici. I classici campionamenti di urina in provetta devono essere trasportati dal luogo del prelievo fino al laboratorio di analisi. Tale percorso può mettere a rischio la stabilità del materiale da analizzare e può portare a esiti falsamente negativi.

“Limitare i falsi negativi e aumentare l’affidabilità dei protocolli di analisi è l’obiettivo di questo nuovo progetto ”, spiega la professoressa Laura Mercolini, che coordina il gruppo di ricerca. “Siamo convinti che le nuove strategie su cui stiamo lavorando possano rappresentare un punto di svolta a livello mondiale per l’anti-doping”.

Progetti e finalità della WADA

Nata su impulso del Comitato Olimpico Internazionale, la WADA promuove e coordina le attività di prevenzione e lotta al doping in tutto il mondo, per la tutela degli atleti e l’integrità dello sport. E tra le sue attività finanzia anche progetti di ricercaper rendere i controlli anti-doping del futuro sempre più veloci, sicuri e affidabili.

Il gruppo di ricerca del PTA Lab era già stato premiato con un finanziamento nel 2018 e questa nuova conferma gli permetterà di continuare sullo stesso percorso. Lo scopo è ottenere campioni miniaturizzati che siano prova di contaminazioni, alterazioni e degradazione. “Vogliamo arrivare a un nuovo modo di concepire i campioni biologici, che permetta di restituire risultati sempre più sicuri e a prova di controanalisi. ”, spiega Michele Protti, co-applicant del progetto..

Una rivoluzione che promette molti vantaggi rispetto al sistema attuale. “Il campionamento miniaturizzato renderebbe più semplice ottenere campioni affidabili, con notevoli benefici per gli atleti, minori costi e notevoli vantaggi dal punto di vista logistico”, conferma Roberto Mandrioli. Docente al Dipartimento di Scienze per la Qualità della Vita dell’Università di Bologna e co-applicant del progetto.

“Inoltre, può consentire di offrire controlli anti-doping sicuri a una platea di atleti più ampia, raggiungendo anche aree geograficamente remote”.

Rassegna Significante

About Ruggero Giordano

Ruggero Giordano
Nato nel 1989. Studente di medicina. Appassionato di musica classica ed elettronica.

Controlla anche

ghiaccio cubico

Prodotto per la prima volta il ghiaccio cubico perfetto

Ricercatori del Cnr-Ifac hanno prodotto per la prima volta ghiaccio cubico con struttura cristallina a …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: