Home / Articoli / Arte e mostre / FestivAlguer: Un mondo, nessuno, centomila
Unica Radio App

FestivAlguer: Un mondo, nessuno, centomila

Un mondo, nessuno, centomila, la XVII edizione di FestivAlguer sonda dimensioni parallele: inagura la (s)cena al buio dello chef Francesco Pais. Da Davide Volponi un appello per l’ambiente

Inizia dal gusto e da un appello per l’ambiente il viaggio attraverso le dimensioni immaginarie, oniriche, fantastiche e sensoriali di Un mondo, nessuno, centomila, diciassettesima edizione di FestivAlguer, il festival internazionale di arti performative che andrà in scena ad Alghero dal 5 al 14 dicembre.

Gli organizzatori di ExPopTeatro, la direttrice artistica Valeria Ciabattoni e i loro ospiti rendono protagonisti gli spettatori, costantemente stimolati a interagire. Grazie a teatro, musica, arte figurativa, poesia, linguaggio del corpo e sensi, la Torre di San Giovanni, l’ex mercato della frutta e il teatro Civico diventano laboratori di osservazione delle molteplici dimensioni di una quotidianità fatta di strati non sempre sovrapponibili e combacianti.

L’inaugurazione gourmet della kermesse sostenuta da Comune di Alghero e Fondazione Alghero è affidata allo chef Francesco Pais della Osteria Mandras Lentas di Alghero. Giovedì 5 dicembre alle 19 la Torre di San Giovanni ospiterà Dark dinner: sarà servita una suggestiva cena al buio, per provare un’avventura culinaria sensoriale estrema.

È necessario prenotare al numero +393494127271 o alla mail expopteatro@gmail.com.

Il festival entrerà immediatamente nel vivo con Tutto il paese è mondo. Legno, ferro, plastica, segatura, stoffa e resti industriali di vario genere diventano protagonisti dell’installazione di Davide Volponi, allestita nella Torre di San Giovanni e visitabile sino al 14 dicembre dalle 17 alle 21.30.

«Dedico la mia ultima creazione a un’emergenza mondiale – spiega Volponi – l’opera dell’uomo che sfrutta il territorio, il nostro mondo, senza pensare a un domani». L’artista parte dalla Sardegna e «attraverso la messinscena dei disastri creati dall’uomo creo un ponte col resto della terra – aggiunge – che perde identità perché uguale a tanti altri mondi, solo apparentemente lontani».

Secondo lui «nessun mondo è possibile se consapevolmente non ci si ferma – chiude – non si riavvolge il nastro, non si riascolta e non si riosserva il percorso catastrofico intrapreso».

Francesco Renga Tour 2019

About Giulia Mannu

Giulia Mannu
Nasce a Nuoro nel 1997. Dopo aver conseguito la maturità scientifica nel 2016, comincia a studiare presso la facoltà di Scienze Economiche Giuridiche e Politiche di Cagliari, intraprendendo l'indirizzo di Scienze Politiche.

Controlla anche

Al via il Festival “Teatro Senza Frontiere”

Teatro, musica, danza. Una miscellanea di arti, suoni, atmosfere, il festival “Teatro senza frontiere”, al …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: