Home / Articoli / Università e Ricerca / Progetto Educ, l’ateneo di Cagliari nel pool scelto dall’Unione Europea
Unica Radio App
progetto educ

Progetto Educ, l’ateneo di Cagliari nel pool scelto dall’Unione Europea

Il progetto Educ ha un budget di 85 milioni di euro, è coordinato dall’Università di Potsdam e coinvolge anche Parigi-Nanterre, Rennes 1 (Francia), Masaryk (Brno, Repubblica Ceca) e Pecs (Ungheria).

Progetto Educ – Giovedì 14 novembre, dalle 15 alle 17, l’aula magna della facoltà di Ingegneria e architettura – via Marengo, Cagliari -il rettore Maria Del Zompo apre l’incontro informativo con le componenti dell’ateneo coinvolte nel progetto. Ai lavori – coordinati dallo staff guidato da Alessandra Carucci, pro rettore Internazionalizzazione – dell’”European Digital UniverCity” (Educ), prende parte un delegato dell’Agenzia nazionale Erasmus.Insomma, anche la Sardegna dell’alta formazione e della cultura in campo per disegnare un pezzo di storia.

“Si lavora per creare una cooperazione a sostegno dei valori europei, quali inclusione, istruzione superiore, innovazione e ricerca scientifica” spiega il pro rettore Alessandra Carucci. Giovedì prossimo in aula magna di Ingegneria e architettura l’evento viene aperto dal rettore Maria Del Zompo

La scelta dell’Unione Europea. All’evento di Cagliari partecipano i rappresentanti del personale universitario, del territorio, delle istituzioni locali e delle parti sociali, con particolare riferimento ai delegati del mondo del lavoro che fanno parte dei comitati di indirizzo dei corsi di studio. L’Università di Cagliari è entrata a far parte del gruppo di atenei selezionati dall’Unione Europea nell’ambito del programma Erasmus+ “European Universities”. “Il programma – spiega il pro rettore Alessandra Carucci – ha lo scopo di creare una cooperazione a lungo termine a sostegno dei valori europei, dell’inclusione e dell’innovazione nella didattica dell’istruzione superiore e nella ricerca scientifica. Per favorire questa cooperazione strutturale – capace di aumentare enormemente il potenziale di trasformazione dell’Unione Europea – sono state costituite diciassette “Alleanze”, quali consorzi tematici e basi operative per riunire università accomunate da caratteristiche e progetti comuni, finalizzati allo sviluppo di buone pratiche e strategie vincenti per il futuro dell’alta formazione nel Continente”. L’alleanza di cui fa parte l’Università di Cagliari ha ottenuto dall’UE il riconoscimento del proprio impegno e della volontà strategica di università del futuro con il finanziamento del progetto “European Digital UniverCity” (Educ). “Il progetto – sottolinea la professoressa Carucci – ha per obiettivo prioritario la promozione di nuovi modelli di mobilità fisica e virtuale di studenti, docenti e staff, favorire progetti di ricerca comuni e affrontare le sfide della società in maniera innovativa e multidisciplinare”.

Programma European Universities. I progetti, di durata triennale, sono stati avviati ufficialmente il primo ottobre scorso con uno stanziamento globale di 85 milioni di euro (5 milioni per ciascun consorzio). Tra i temi chiave, il confronto sul fondamentale ruolo di “fautore del cambiamento” che European Universities si propone per il prossimo futuro, grazie alla definizione e applicazione dei futuri standard comunitari per le università. Oltre all’ateneo di Cagliari, le altre dieci “European Universities” italiane sono Bologna, Milano, Milano Bocconi, Padova, Palermo, Roma Sapienza, Roma Tor Vergata e Trento, con Accademia delle Belle Arti di Roma e Politecnico di Torino.

Francesco Renga Tour 2019

About Simone Mascia

Simone Mascia
Nato a Torino e trasferitosi a Cagliari, intraprende la sua carriera universitaria studiando Scienze della Comunicazione. Sin da bambino coltiva la sua passione per la scrittura e, crescendo, nota la bellezza e l'importanza della comunicazione in tutte le sue sfaccettature.

Controlla anche

P&G, Senior Manager Cinzia Angeli a Cagliari

Il 5 dicembre a Cagliari presso il polo umanistico dell’Università di Cagliari si è tenuto …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: