Home / Articoli / Altro / Europhonica a Bruxelles vincitore del Premio Carlo Magno
Unica Radio App

Europhonica a Bruxelles vincitore del Premio Carlo Magno

Effervescente ripartenza per la stagione radiofonica di Europhonica 2019-2020

Lo scorso 5 novembre una delegazione in rappresentanza di Europhonica, format radiofonico delle college radio europee, formata da due delegati dell’Associazione RadUni, network degli Operatori Radiofonici Universitari Italiani, ha presentato il progetto vincitore del Charlemagne Youth Prize, alla Commissione Cultura del Parlamento Europeo di Bruxelles.

Europhonica è il format che racconta l’UE dal punto di vista degli studenti universitari.

Dal 2015 opera con una redazione italiana, formata da studenti volontari e collaborazioni con i circuiti delle radio universitarie di Francia, Spagna, Portogallo, Grecia, Germania e Slovenia. Ogni settimana per aggiornarci con contenuti sui social e sulle piattaforme di ascolto on line, oltre che nelle radio universitarie europee.

Martedì 5 novembre 2019 presso il Parlamento Europeo, a Bruxelles, ha aperto le sue porte ai giovani rappresentanti dei progetti finalisti al Charlemagne Youth Prize 2019. I progetti sono stati presentati con una traduzione simultanea in 27 lingue europee e attraverso uno streaming web, seguite da molti in tutto il continente.

La delegazione in compagnia dei secondi e terzi classificati al premio, rispettivamente Austria con un progetto dei giovani musulmani contro l’antisemitismo, ed i finlandesi con un progetto di parlamento dei giovani, ha potuto visitare il le strutture amministrative ed il complesso museale delle istituzione europee.

Inoltre i giovani delegati hanno potuto raccontarsi davanti agli europarlamentari e agli stakeholders, incontrando anche il Presidente Sassoli, per esporre i dettagli dei progetti vincitori del Premio Carlo Magno per la Gioventù 2019, premio dedicato ai migliori progetti giovanili mirati allo sviluppo e alla partecipazione attiva in Europa. 

La visita nell’istituzione europea è stata anche l’occasione per annunciare la ripresa delle attività del format Europhonica, tornando a raccontare l’Unione Europea in podcast nelle principali piattaforme digital e sulle radio del circuito RadUni.

RadUni è l’associazione degli operatori radiofonici universitari e rappresenta attualmente trentuno radio universitarie in tutta Italia. L’associazione produce diversi  format sulle tematiche più attuali e care ai giovani ed in particolare agli studenti universitari, fra questi quello dedicato al mondo europeo: Europhonica.

Europhonica è un progetto di comunicazione europeo condiviso tra le radio universitarie di per un totale di un centinaio circa di emittenti rappresentate. La redazione è gestita e coordinata da RadUni, che cura la logistica e la formazione dei redattori.

Questa avventura al Parlamento Europeo di Bruxelles si colloca in un percorso che le college radio stanno percorrendo verso un riconoscimento delle proprie attività a livello internazionale. Il valore della collaborazione, dell’accesso ai media e dell’opera di formazione che le radio universitarie svolgono è stato evidenziato negli attestati di stima raccolti in questa occasione.

“Yesterday I met the winners of the Charlemagne Youth Prize. A sense of European identity is not something EU institutions create, it is made by people across our continent working to bring us together. These young Europeans are an inspiration.”

David Sassoli, Presidente del Parlamento Europeo
Francesco Renga Tour 2019

About Redazione

Redazione
Nata l'8 ottobre 2007 da un progetto di tre studenti universitari. Unica Radio vuole raccontare il territorio, la cultura e le attività dell'hinterland attraverso la voce dei protagonisti. Unica Radio racconta la città che cambia

Controlla anche

FRU 2019 – Il Festival delle Radio Universitarie a Roma

L’edizione del 2019 si terrà a Roma dal 6 al 9 giugno 2019, ospitata, per …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: