Home / Podcast audio / Cult Fiction puntata 2.26 – 26 novembre 2019
Unica Radio App

Cult Fiction puntata 2.26 – 26 novembre 2019

Parasite, Oliviero Diliberto, Festival Internazionale del Cinema dei Diritti Umani di Napoli Lady Vendetta al centro della ventitreesima puntata

Tore Seduto, timoniere della rubrica di approfondimento cinematografico, Cult Fiction, giunto alla ventitreesima puntata, ha portato avanti il programma meglio del 3D, dalle 20 alle 21 su Unica Radio. La rubrica vede il prezioso contributo di Diari di Cineclub, che in questa puntata ci ha permesso di avere una graditissima chiacchierata con Oliviero Diliberto, accademico e giurista con un trascorso politico e un’invidiabile formazione da cinefilo. Ma non solo, anche un prezioso contributo di Valentina Ripa, membro del Consiglio Direttivo del Festival Internazionale del Cinema dei Diritti Umani di Napoli che si svolge proprio in queste giornate. L’oggetto della recensione in apertura di puntata è la nuova pellicola di Bong Joon-ho: Parasite . Per stare in tema Corea al termine della puntata abbiamo proposto in maniera molto didascalica e atipica per gli standardi di Cult Fiction, un film del 2005 diretto da Park Chan-wook: Lady Vendetta, pellicola che conclude la Trilogia della Vendetta del regista coreano. Denise, irriducibile famelica di pop corn, si è chicchi di mais esplosivi, e smascellando ha proposto interessantissime nozioni sul ruolo del creative producer.

Ospite di Diari di Cineclub

Per la ventitreesima puntata, l’ospite di Cult Fiction avuto grazie alla preziosa collaborazione con Diari di Cineclub è stato Oliviero Diliberto, accademico e giurista presso l’ateneo di Cagliari e alla Sapienza di Roma. Diliberto vanta una formazione da cinefilo invidiabile, avuta presso i cineclub e le sale cinematografiche della Cagliari degli anni ’60 e ’70. Diliberto, non ha mai tradito l’amore per il cinema, coltivato fin da ragazzo. L’intervista realizzata infatti verte sulle esperienze vissute nei circoli del cinema, nelle piccole sale della sua città natale, Cagliari. Quella a Oliviero Diliberto è un’intervista molto aneddotica, con racconti legati a esperienze vissute al vecchio Cinema Corallo ormai tramontato da tempo o quelle delle suggestive proiezioni del cinema parrocchiale volute da Padre Guidubaldi. L’intervista intera è incastonata di titoli a metà tra l’odierno binjewatching e suggerimenti per una visione pantagruelica di titoli che hanno fatto la storia ma anche di nicchia, che è giusto entrino anche nella videoteca dei più giovani ascoltatori di Unica Radio.

Inoltre in questa ventitreesima puntata di Cult Fiction abbiamo avuto la possibilità di avere in qualche modo anche un secondo ospite. Abbiamo avuto modo di interagire col Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli attraverso Valentina Ripa, membro del consiglio del direttivo del Festival in una breve chiacchierata. Dal 20 al 30 Novembre 2019 avrà luogo la XI edizione del Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli, evento che si tiene dal 2008 e voluto dall’Associazione “Cinema e Diritti”, sostenuto da volontari ed esperti, con il contributo del circuito Human Rights Film Network, patrocinato da Amnesty International e con il sempre fedele Diari di Cineclub, in qualità di media partner. L’edizione del 2019 prevede oltre alle proiezioni dei film in concorso, una serie di incontri e dibattiti volti all’approfondimento degli argomenti inerenti il focus di questa edizione intitolata Il clima che verrà e le conseguenze della crisi climatica che sconvolgono il pianeta. Quest’anno, il concorso cinematografico internazionale, vanta la partecipazione straordinario di un ospite d’eccezione, il regista Marco Bechis, autore di Garage Olimpo, La terra degli Uomini Rossi – Birdwatchers e Il rumore della memoria.

La recensione: Parasite

La recensione della ventitreesima puntata ha come oggetto Parasite ultima fatica di Bong Joon-ho. Qui vengono raccontati due mondi. L’uno all’estremo dell’altro, esattamente opposti. La città umida, invivibile, le famiglie nel seminterrato, come quella dei nostri protagonisti. E dall’altra parte i ricchi, nella loro casa perfetta, in un infinito benessere. Ma una famiglia ha in qualche modo bisogno dell’altra, e se una famiglia è ricca in maniera disarmante, l’altra è molto furba e ha un buon piano. L’importante è avere un piano, come ripete spesso il capofamiglia povero. La sostituzione, lo scambio di ruoli, gli equivoci, sono al timone di una commedia deliziosa, nel raccontare l’infiltrarsi dei poveri nella vita quotidiana e nelle abitudini, dei ricchi. Ma come una torta, una volta sfilata la prima fetta, possiamo vedere la meraviglia della farcitura, e scopriamo che Parasite è grottesco, squisitamente grottesco, raccontando la lotta di classe senza perdersi tra schieramenti e sapendo restare super partes. Mica poco.

Parasite – una scena del film

Pop Corn

Durante la ventitreesima puntata, Denise, ha deliziato i nostri ascoltatori con un gourmet fatto di varie qualità di pop corn d’importazione. Il risultato: zuppa di pop corn alla creative producer in salsa di pop corn, con una spolverata di pop corn, accompagnato da un cocktail di pop corn. Ricordiamo alla popolazione che i nostri pop corn sono eco friendly e riciclabili.

Racconto sonoro: Lady Vendetta

Per cloncludere la ventitreesima puntata di Cult Fiction restando in Corea, abbiamo scelto di raccontare una riduzione radiofonica del terzo episodio della trilogia della vendetta di Park Chan-wook, dove il regista mette nelle mani di una donna il compito di chiudere il trittico, aperto con Mr Vendetta e continuato da Old Boy. Parliamo di Lady Vendetta, del 2005 che è memorabile già dai titoli di testa raggiungendo un climax drammatico senza pari.

Lady Vendetta – Trailer

L’appuntamento con Cult Fiction è settimanale: martedì h 20:00 su Unica Radio. Tramite l’App di Unica Radio è possibile seguire il format su smartphone e i-Phone. Attraverso i social è possibile restare aggiornati sulle novità di Unica Radio e di Cult Fiction.

Cult Fiction puntata 2.26 – 26 novembre 2019
Cult Fiction

 
 
00:00 / 55:30
 
1X
 
Francesco Renga Tour 2019

About Tore Seduto

Tore Seduto
Classe 1989. Appassionato cinefilo a 360°, degustatore di birre e di pizze. Amante dei bei film, ma anche di quelli brutti, davvero brutti. Si è cimentato come regista in lavori discutibile fattura. Irriducibile cacciatore di interviste agli addetti ai lavori della settima arte.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: