Home / Podcast audio / Cult Fiction puntata 2.21 – 12 novembre 2019
Unica Radio App

Cult Fiction puntata 2.21 – 12 novembre 2019

The IrishmanJack Folla e Goodfellas gli argomenti della ventunesima puntata

Tore Seduto, alla guida di Cult Fiction, su Unica Radio dalle 20 alle 21, è stato timoniere della rubrica di approfondimento cinematografico, giunta alla ventunesima puntata, che vede il prezioso contributo di Diari di Cineclub. Il magazine online di divulgazione cinematografica ha offerto la possibilità di fare una chiacchierata con l’ospite della puntata, in questo caso si tratta di Diego Cugia, giornalista e scrittore, autore televisivo e radiofonico e autore del personaggio radiofonico che ha affascinato milioni di italiani Jack Follla. La recensione in apertura di puntata è stata concentrata su The Irishmanultimo kolossal di Martin Scorsese, alla guida di un team delle meraviglie che vanta nomi come Robert De Niro, Joe Pesci e Al Pacino. Per stare in tema crime alla italo-americana, abbiamo deciso di concludere la puntata sempre con un’opera di Scorsese. La scelta è caduta su Goodfellas – Quei bravi ragazzi, del 1990 che vede ancora protagonista il duo De Niro-Pesci insieme a Ray Liotta. Denise, a momenti bruciava i pop corn, dimenticandoli suo fuoco, distratta a giocare con il rotoscope e il videoboard.

Ospite di Diari di Cineclub

Diego Cugia, giornalista, scrittore, autore di programmi tv celebri è l’ospite della ventunesima puntata di Cult Fiction. Autore di format come Rockpolitic, condotto da Adriano Celentano e Non facciamoci prendere dal panico, condotto da Gianni Morandi, è anche autore radiofonico. Cugia infatti è l’artefice e uomo dietro il personaggio che alla fine degli anni ’90 ha affascinato milioni di ascoltatori su Radio2: Jack Folla. Il DJ condannato a morte negli Stati Uniti, al quale viene concesso di trasmettere su una radio italiana la musica della sua vita, ha intrattenuto per anni gli ascoltatori, tra i quali, come ha raccontato lo stesso Cugia durante l’intervista, va annoverato anche Capitano Ultimo, capo dei Crimor dei Carabinieri e artefice dell’arresto di Totò Riina nel 1993. Ora Ultimo è fondatore della Casa famiglia Volontari Capitano Ultimo nella tenuta della Mistica alle porte di Roma, dove svolge e promuove progetti a beneficio dei più bisognosi. Durante l’intervista si è parlato anche della scrittura per la radio e per il cartaceo, dell’immedesimazione nei personaggi creati, del futuro di Jack Folla e dei nuovi progetti.

Copertina di Alcatraz di Diego Cugia, romanzo disponibile sul sito dell’autore

La recensione: The Irishman

L’ultimo filmone di Martin Scorsese tratto dal libro di Charles Brandt I Heard You Paint Houses, è oggetto della ventunesima puntata di Cult Fiction. La frase “ho sentito che imbianchi le case” è una tag line che viene ripetuta spesso durante il corso del film. The Irishman racconta la storia di Frank Sheeran, detto appunto l’irlandese. Robert De Niro compie una scalata ai vertici delle organizzazioni criminali fino a diventare una figura di mezzo, capace di bilanciare le apparenze e le realtà del crimine organizzato. Frank Sheeran, con il volto di De Niro è un personaggio corrotto, ma con un suo codice etico. Le sue scelte si faranno sempre più difficili e sofferte una volta all’interno dell’entourage di Russell Bufalino (con il volto di Joe Pesci) Jimmy Hoffa (interpretato da Al Pacino).

Il film è un lungo affresco delle vicende legate ai favori, alle esigenze e ai giochi di potere dei tre protagonisti. Costruito con una narrazione forte di un grande magnetismo, The Irishman, attrae lo spettatore conducendolo attraverso più archi narrativi sviluppati in epoche diverse, dagli anni ’50 fino agli anni ’80. De Niro, Pesci e Pacino raggiungono la massima espressione rendendo i 210 minuti del kolossal una sorta di reality show delle loro vite, delle loro drammatiche esperienze senza escludere una forte e cupa vena comica.

Jimmy Hoffa (Al Pacino) e Frank Sheeran (Robert De Niro) in una scena del film.

Pop Corn

Denise, come detto in precedenza, mentre era distratta a giocare con il rotoscope e il videoboard, ha dimenticato sul fuoco i preziosissimi pop corn della ventunesima puntata. Per accontentare il nostro appetito cinefilo l’è toccato iniziare da capo e rifarli. Il risultato è un lungo albo dove Denise ha disegnato un calderone di pop corn animati e scoppiettanti. Ricordiamo ai nostri ascoltatori che i pop corn firmati Denise Powered By Cult Fiction, si trovano solamente nei migliori atelier cinematografici e radiofonici.

Il Racconto sonoro: Goodfellas – Quei Bravi Ragazzi

Un ragazzo di origini italo-irlandesi scala la piramide della criminalità newyorchese degli anni ’50. Le esperienze da gangster però riservano anche sorprese non previste. Volti e ambienti simili per vicende ancora controverse e malavitose. Constatato che una crime-story tra le mani di Scorsese diventa una gioiello del cinema di valore inestimabile, approfittiamo ancora delle opere del Maestro di origini italiane per chiudere la ventunesima puntata di Cult Fiction. La riduzione radiofonica scelta per congedarci, infatti e dedicata a Goodfellas, del 1990, dove i protagonisti sono, ancora una volta, Joe Pesci e Bob De Niro, affiancati questa volta da Ray Liotta.

Goodfellas (1990) – Trailer

L’appuntamento con Cult Fiction è settimanale: martedì h 20:00 su Unica Radio. Tramite l’App di Unica Radio è possibile seguire il format su smartphone e i-Phone. Attraverso i social è possibile restare aggiornati sulle novità di Unica Radio e di Cult Fiction.

Cult Fiction puntata 2.21 – 12 novembre 2019
Cult Fiction

 
 
00:00 / 54:12
 
1X
 
Francesco Renga Tour 2019

About Tore Seduto

Tore Seduto
Classe 1989. Appassionato cinefilo a 360°, degustatore di birre e di pizze. Amante dei bei film, ma anche di quelli brutti, davvero brutti. Si è cimentato come regista in lavori discutibile fattura. Irriducibile cacciatore di interviste agli addetti ai lavori della settima arte.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: