Home / Articoli / Interviste / How to Film the World: intervista a Edoardo Morabito
Unica Radio App

How to Film the World: intervista a Edoardo Morabito

Intervista al montatore e regista in Edoardo Morabito in occasione della Masterclass di regia e la prima regionale del film Franco Maresco La mafia non è più quella di una volta

La mafia non è più quella di una volta di Franco Maresco – TRAILER UFFICIALE

Edoardo Morabito montatore e regista Catanese sarà ospite durante la giornata di domani, domenica 13 ottobre all’interno di due importanti appuntamenti.

Recentemente presentato alla Mostra del Cinema di Venezia, La mafia non è più quella di una volta, che porta alla regia la firma di Franco Maresco, torna a raccontare gli aspetti più complessi e controversi della Sicilia, a 25 anni dalle stragi di Capaci e via D’Amelio.

Nel 2017, a 25 anni dalle stragi di Capaci e via D’Amelio, Franco Maresco decide di realizzare un nuovo film. Per farlo, trova impulso in un suo recente lavoro dedicato a Letizia Battaglia, la fotografa ottantenne che con i suoi scatti ha raccontato le guerre di mafia, definita dal New York Times una delle “undici donne che hanno segnato il nostro tempo”. A Letizia, Maresco sente il bisogno di affiancare una figura proveniente dall’altra parte della barricata: Ciccio Mira, già protagonista nel 2014 di Belluscone. “Mitico” organizzatore di feste di piazza, nei pochi anni che separano i due film, Mira sembra cambiato, forse cerca un riscatto, come uomo e come manager, al punto da organizzare un singolare evento allo Zen di Palermo, “I neomelodici per Falcone e Borsellino”. Eppure le sue parole tradiscono ancora una certa nostalgia per “la mafia di una volta”. Intanto, visitando le celebrazioni dei martiri dell’antimafia, il disincanto di Maresco si confronta con la passione della Battaglia. Uno sguardo come sempre imprevedibile, quello di Maresco, tra passione e disincanto. Appuntamento con La mafia non è più quella di una volta alle 16 alla Fabbrica del Cinema. Ad accompagnare il film sarà appunto Edoardo Morabito, uno dei più importanti montatori italiani e storico collaboratore di Maresco. 

Letizia Battaglia in una scena del film La mafia non è più quella di una volta

Morabito sarà inoltre coinvolto nell’ultima delle masterclass del festival, che vede nei momenti dedicati alla formazione l’altra colonna portante delle sue attività. L’incontro con i ragazzi e le ragazze del progetto Carbonia Cinema Giovani si terrà alle 11 sempre alla Fabbrica del Cinema. 

Edoardo Morabito

Nel 2003 frequenta il corso di montaggio presso il Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma. Nel 2006 lavora al cortometraggio di video arte Bicò, presentato al Taormina Film Festival. Nel 2008 dirige il documentario Lo stretto obbligato, selezionato al Roma Film Festival. Con il progetto documentario The Outpost vince per due volte una menzione speciale al Premio Solinas. Nel 2013 vince il premio come Miglior Film al 31 TFF, sezione Italiana.doc, con il documentario I fantasmi di San Berillo. Come montatore di fiction e documentari ha montato, tra gli altri, il film Liberami di Federica di Giacomo, Miglior Film alla Mostra del Cinema di Venezia, sezione Orizzonti 2016. Belluscone. Una storia siciliana, di Franco Maresco, vincitore nel 2014 del Premio Speciale della Giuria alla Mostra del Cinema di Venezia, sezione Orizzonti, e del David di Donatello nel 2015 come Miglior Documentario Italiano. Sempre con Maresco ha montato Io sono Tony Scott. Ha montato inoltre opere prime di finzione tra le quali Il bambino di vetro di Federico Cruciani, selezionato al Festival di Roma. Dal 2014 è docente presso il Centro Sperimentale di Cinematografia, sede di Palermo. Nel 2018 insegna montaggio al CSC di Roma. Nel 2009 è stato docente di montaggio presso l’Accademia delle Arti e delle Nuove Tecnologie di Roma.

How to Film the World: intervista a Edoardo Morabito

 
 
00:00 / 17:22
 
1X
 
Francesco Renga Tour 2019

About Tore Seduto

Tore Seduto
Classe 1989. Appassionato cinefilo a 360°, degustatore di birre e di pizze. Amante dei bei film, ma anche di quelli brutti, davvero brutti. Si è cimentato come regista in lavori discutibile fattura. Irriducibile cacciatore di interviste agli addetti ai lavori della settima arte.

Controlla anche

How to Film the World: ecco Soudade Kaadan, regista esordiente più premiata al mondo

Per la seconda giornata del festival arriva in Sardegna Soudade Kaadan, la regista siriana che ha …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: