Unica Radio App
si chiude mamatia

Mamatita festival: l’edizione 2019 si chiude fra sorrisi e applausi

Proposte innovative, momenti carichi di sentimento e gioia, incastonati ad arte nella comunità di Alghero, sempre più coinvolta ed avvolgente

Il Mamatita festival saluta tutti e dà appuntamento al 2020. Saluta fra gli applausi ed i sorrisi della gente, di tutte le età, che lungo il mese di settembre ha accompagnato la colorata carovana nel suo viaggio alla scoperta, conquista e riscoperta di una città (Alghero) diventata sempre più teatro, capace di riscoprirsi sempre più comunità.

La terza edizione del Mamatita Festival, organizzata dall’Associazione Spazio T per la direzione artistica di Chiara Murru, è stata un’edizione speciale. Non lo dice il festival, lo mostrano gli sguardi e la felicità diffusa, lo testimoniano i numeri legati alla partecipazione agli eventi, lo dicono gli echi mediatici che hanno raccontato il murale da record opera dell’artista Ruben Mureddu e realizzato su oltre 600 metri fra tetto e mura perimetrali della scuola l’Asfodelo, lo racconta un’edizione in cui l’idea dell’arte che si prende cura di una città che a sua volta coltiva l’arte è diventata realtà. È diventata parte della comunità.

Grazie all’impegno di chi ci ha creduto, la città di Alghero è diventata interamente e realmente un teatro, e i suoi abitanti primi entusiasti e partecipi attori sulla scena. Quel che è accaduto – non solo metaforicamente – a conclusione del meraviglioso spettacolo SteamPunk dello Shedan FireTheater, fotografa appieno il messaggio: “Tutti assieme abbiamo piantato un seme: il seme della cultura e della condivisione, un seme già forte di per sé e destinato a diventare presto giovane fuscello, poi albero e infine a dare frutti”.

Grandi artisti di strada, le emozioni del circo visto sotto un vero Chapiteau e poi vissute per le strade e per le piazze grazie all’estro di alcuni dei più grandi interpreti sulla scena. Proposte innovative, momenti carichi di sentimento e gioia, incastonati ad arte fra le maglie d’una Alghero sempre più coinvolta ed avvolgente, calata in un’atmosfera quasi magica eppure assolutamente reale. Le distanze si azzerano, così come i pregiudizi: l’arte invade pacificamente la borgata di Fertilia e il quartiere La Pietraia, forte nel ribadire e ostentare con orgoglio a mo di bandiere i concetti di condivisione e integrazione. La città intera si fa teatro, nessuno escluso.

Abbiamo lavorato tanto perché tutto fosse, perché tutto fosse speciale! C’è un coloratissimo murale a ricordarcelo e c’è la soddisfazione dei bambini che quel murale hanno contribuito a realizzarlo. Ancora, ci sono le performance di tutti gli artisti a fissarlo nella nostra memoria dal fantasmagorico show griffato MagdaClan Circo ai Dynamis con la loro innovativa e rivoluzionaria proposta legata al gioco del calcio, giusto per citarne alcuni pur abbracciandoli e ringraziandoli tutti evitando elenchi perché dimenticare qualcuno sarebbe un delitto: grazie di cuore” chiudono gli organizzatori.

Ringraziamento necessario e dovuto anche a chi dietro le quinte ha sostenuto il progetto, facendo si che potesse trasformarsi in dono alla città: Comune di AlgheroFondazione AlgheroSocietà Umanitaria AlgheroSardegna TeatroGrimaldi Lines e Delta Coop e i tanti partner locali.

Rassegna Significante

About Redazione

Redazione
Nata l'8 ottobre 2007 da un progetto di tre studenti universitari. Unica Radio vuole raccontare il territorio, la cultura e le attività dell'hinterland attraverso la voce dei protagonisti. Unica Radio racconta la città che cambia

Controlla anche

yes land

“Capitani Coraggiosi”, stagione teatrale dedicata ai ragazzi

Riprende la sua navigazione il veliero di “Capitani Coraggiosi”, la stagione di teatro dedicata ai ragazzi …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: