Home / Articoli / Cinema / The Nest (Il Nido): Il regista Roberto De Feo su Unica Radio
Unica Radio App

The Nest (Il Nido): Il regista Roberto De Feo su Unica Radio

Intervista al regista Roberto De Feo in occasione dell’uscita al cinema del suo primo lungometraggio: The Nest (Il Nido)

Un’affascinante e misteriosa location, un’insolita storia di amicizia e amore tra due adolescenti e un intricato rapporto madre/figlio. E ancora, la crescita, la solitudine, la scoperta dell’altro, la paura del mondo esterno, la gelosia, la rottura del guscio materno e il primo amore. Sono questi i temi universali di The Nest (Il Nido), primo lungometraggio di Roberto De Feo scritto insieme agli sceneggiatori, Lucio Besana e Margherita Ferri (entrambi premi Solinas – Storie per il cinema).

Abbiamo costruito The Nest (Il Nido) dice De Feo con l’intento di coinvolgere lo spettatore e ingannarlo, convincendolo di trovarsi davanti a un film “classico”. The Nest è un ritratto familiare inquietante, ma anche un horror atipico, non uno di quelli che porta lo spettatore allo jump scare. Con The Nest (Il Nido) Roberto De Feo racconta con uno sguardo differente il genere thriller/horror e farlo “travestendo” un film di genere in qualcosa di diverso. De Feo offre un romanzo di formazione dove la paura non risiede in un rumore improvviso o in una faccia mostruosa, ma nelle paure della vita.

Visivamente il film si ispira a capolavori come The Others di Amenàbar e The Village di Shyamalan, ai loro colori freddi, al ritmo lento e le atmosfere cupe. Ma continua De Feo mi piace pensare a The Nest (Il Nido) anche come la versione thriller di “The Truman Show”, in questo caso lo “show” è creato da una madre per proteggere il proprio figlio.

The Nest (Il Nido) LA TRAMA

Samuel è un giovane ragazzo paraplegico che vive con sua madre Elena a “Villa dei Laghi” una residenza isolata circondata da boschi. Bloccato in una routine familiare e con il rigoroso divieto di allontanarsi dalla dimora, Samuel cresce apparentemente sereno ma insoddisfatto e irrequieto. L’arrivo dell’adolescente Denise scardinerà gli equilibri della famiglia dando finalmente a Samuel la forza di opporsi alle restrizioni imposte da sua madre e di aprirsi al mondo. Ma Elena non lascerà andare suo figlio così facilmente e sarà pronta a fare tutto il necessario per tenerlo vicino a sè. Perché Elena costringe Samuel a vivere come prigioniero nella sua stessa casa, vietandogli di lasciare la tenuta? Quale mistero nasconde?

ASCOLTA L’INTERVISTA

The Nest (Il Nido): Il regista Roberto De Feo su Unica Radio

 
 
00:00 / 10:06
 
1X
 
Francesco Renga Tour 2019

About Salvatore Uccheddu

Salvatore Uccheddu
Appassionato di cinema a 360°, degustatore di birre e di pizze. Meglio se tutto assieme.

Controlla anche

Cagliari, appuntamento al Teatro Adriano con Dario Argento

Per la XI edizione di Punto di vista Film Festival 2018, arriva a Cagliari il …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: