Home / Articoli / Altro / In Sardegna è allarme contraffazione: in pericolo 808 imprese
Unica Radio App

In Sardegna è allarme contraffazione: in pericolo 808 imprese

Spiagge, piazze e mercatini estivi: la multinazionale del falso attacca 808 imprese artigiane sarde. Dalla moda fino alle apparecchiature elettriche: oltre 1500 posti di lavoro a rischio

Estate, purtroppo, è sempre più sinonimo di contraffazione e di offensiva al made in Italy. In Sardegna, sotto attacco della “multinazionale del falso”, ci sono 808 imprese artigiane; queste rappresentano il 14,5% del totale dell’artigianato manifatturiero sardo. In altre parole, una impresa su 7 è esposta al fenomeno e tale dato colloca la nostra Isola al 14esimo posto della classifica delle regioni italiane. Tale situazione mette in pericolo, quotidianamente, il lavoro di 1.556 addetti sardi.

Cosmetici, gioielli, occhiali, giocattoli ma soprattutto è l’area della “moda” quella più a rischio, con le imprese dell’abbigliamento e degli accessori, delle calzature, del tessile e della maglieria che vedono quotidianamente compromessa la propria esistenza.

A rivelare le dimensioni del fenomeno della contraffazione in Sardegna è un rapporto dell’Ufficio Studi di Confartigianato Imprese Sardegna che, su dati Istat, Mise e Guardia di Finanza, ha analizzato i settori, le imprese e gli addetti dell’artigianato maggiormente esposti alla contraffazione.

Siamo in una stagione – commenta Antonio Matzutzi, Presidente Regionale di Confartigianato Imprese Sardegnain cui il fenomeno del “falso” fa sentire i suoi effetti per questo diciamo forte e chiaro: non comprate “patacche””.La nostra Associazione – sottolinea Matzutzicontinua a vigilare sul fenomeno e a chiedere maggiore tutela per gli imprenditori. E non ci riferiamo soltanto al commercio abusivo di merce contraffatta sulle spiagge o nelle principali piazze, ci sono anche altri aspetti da tenere sotto controllo: per esempio l’organizzazione dei mercatini cosiddetti “artigianali”, un “marchio” che viene assegnato, a nostro parere, senza i necessari controlli. Spesso di artigianale in esposizione c’è veramente poco”.

Nell’isola, nel settore moda (tessile, abbigliamento, calzature, accessori, maglieria, accessori) sotto attacco sono ben 274 imprese, nei cosmetici 7, per le apparecchiature elettriche ed elettroniche 28, tra i gioiellieri 153, per i giocattoli 3, e tra le forniture mediche e occhiali 343.

A livello territoriale, la maglia nera spetta alla provincia di Sassari-Gallura: le imprese maggiormente esposte alla contraffazione sono 269 e rappresentano il 15,2% del totale dell’artigianato manifatturiero. Seguono Cagliari con 236, Nuoro 124, Sud Sardegna 100 e Oristano con 79.

A livello nazionale le imprese artigiane operanti nei settori maggiormente esposti alla contraffazione sono 64.396, pari ai due terzi (66,6%) del totale imprese maggiormente esposte; tre addetti su dieci 16/04/2019. (28,9%) degli addetti delle imprese maggiormente esposte alla contraffazione lavorano nell’artigianato, per un totale di 237.079 addetti. La Filiera della moda del comparto artigiano conta 58.559 imprese (69,6% del totale imprese esposte della filiera) e 208.194 addetti (34,8% del totale addetti delle imprese esposte della filiera).

Sul “podio regionale”, per i rischi maggiori, ci sono Toscana (12.027 imprese), Marche (4.541) e l’Umbria (1.428).

Complessivamente le aziende attive maggiormente esposte alla contraffazione nel solo ambito produttivo sono 96.732, contano 819.917 addetti e generano un fatturato di 154,0 miliardi di euro. A livello dimensionale le micro e piccole imprese fino a 49 addetti maggiormente esposte alla contraffazione sono 94.655 (97,9% delle imprese esposte), contano 474.543 addetti (57,9% degli addetti delle imprese esposte) e generano un fatturato di 57,9 miliardi di euro (37,6% del fatturato delle imprese esposte). In particolare la Filiera della moda conta 84.094 imprese (86,9% delle imprese esposte), 598.622 addetti (73,0% degli addetti delle imprese esposte) e genera un fatturato di 102,0 miliardi di euro (66,2% del fatturato delle imprese esposte).

Il mercato del falso è un fenomeno che non esitiamo a definire “criminale” – continua Matzutzie che va combattuto a livello internazionale, nazionale, regionale fino ad arrivare al locale”.

Per Confartigianato, l’azione repressiva e la collaborazione tra le Forze dell’Ordine di tutti i Paesi, devono essere accompagnate da attività di prevenzione e da iniziative legislative a tutela dell’origine e della qualità dei prodotti, a cominciare dall’approvazione di una regolamentazione europea, come quella sul “made in”, che obblighi a indicare l’origine dei prodotti e garantirne la piena tracciabilità. Bisogna, altresì, intensificare le attività di formazione e informazione alle imprese e ai consumatori sui danni provocati dalla contraffazione, sulla difesa della proprietà intellettuale e industriale.

Per questo condividiamo gli obiettivi di una recente proposta di Legge per contrastare la contraffazione e istituire un marchio “100% Made in Italy” – conclude il Presidente di Confartigianato Sardegnainfatti proteggere la qualità manifatturiera italiana e contrastare il falso, per le nostre imprese, sono impegni prioritari”.

Listen Unica Radio on Spotify

About Simone Cadoni

Simone Cadoni
Nato a Cagliari nel 1993. Una laurea in Lingue e Comunicazione e un master in Giornalismo. È da sempre affascinato dal mondo dei mass media e dell'informazione. Contatti: simone.cadoni@unicaradio.it

Controlla anche

Centro Eurodesk: Laboratorio di in-formazione e progettazione su Corpo Europeo di solidarietà

L’iniziativa promossa dall’Ufficio Rapporti con il cittadino della Presidenza della Regione Autonoma della Sardegna, attraverso …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: