Home / Articoli / Teatro / La Grande Prosa – Stagione Teatrale 2018-2019 a Oristano
Unica Radio App

La Grande Prosa – Stagione Teatrale 2018-2019 a Oristano

Cala il sipario sulla Stagione Teatrale 2018-2019 del CeDAC a Oristano – a chiudere in bellezza il cartellone de La Grande Prosa domenica 21 luglio alle 21.30 all’Auditorium dell’Istituto Tecnico “Lorenzo Mossa” – sarà Piergiorgio Odifreddi con “Sul cammello e all’ombra del bastone” ovvero La matematica dei Greci da Pitagora ad Archimede” – straordinaria e avvincente “lezione” sull’importanza del pensiero scientifico e sulla capacità degli antichi di “misurare” il mondo. 

Viaggio tra le meraviglie della scienza con “Sul cammello e all’ombra del bastone”ovvero “La matematica dei Greci da Pitagora ad Archimede”l’originale e coinvolgente spettacolo interpretato da Piergiorgio Odifreddi in cartellone domenica 21 luglio alle 21.30 all’Auditorium dell’Istituto Tecnico “Lorenzo Mossa” di Oristano per il quinto e ultimo appuntamento con La Grande Prosa della Stagione Teatrale 2018-2019 organizzata dal CeDAC nell’ambito del Circuito Multidisciplinare dello Spettacolo in Sardegna.

Il celebre fisico e matematico si rivela straordinario affabulatore nell’illustrare le scoperte di Eratostene e Ipparco – dal calcolo della circonferenza terrestre all’intuizione dell’esistenza dell’America – e nel sottolineare come grazie all’osservazione e allo studio dei fenomeni attraverso un procedimento logico-deduttivo si possano indagare e svelare i segreti del cosmo. Una piccola “provocazione” artistica sul valore della conoscenza alle soglie del terzo millennio con una nota di speranza rivolta alle generazioni future.

La grande prosa– da un’idea dello stesso Piergiorgio Odifreddi e di Sergio Maifredi – prodotta dal Teatro Pubblico Ligure affronta un tema cruciale in un’epoca in cui il rigore della logica sembra aver lasciato il posto – più che all’immaginazione – alle vaghe opinioni e “sensazioni” al di là di ogni fondamento o anche di una seria argomentazione ovvero il potere e il “dovere” della conoscenza in una narrazione avvincente, ricca di aneddoti e dettagli curiosi, sul cammino che ha condotto l’umanità dalla misurazione della Terra fino alla conquista dello spazio. 

L’appuntamento con La Grande Prosa, avrà un focus sulle scoperte dei matematici dell’antichità – a partire da Eratostene di Cirene (276-194 a.C) che riuscì a calcolare della circonferenza del pianeta grazie allo gnomone (un “bastone” piantato verticalmente al suolo, la cui ombra serve per indicare i movimenti del sole) basandosi sulla diversa inclinazione dei raggi dell’astro diurno in due città – e servendosi pare di un cammello per definire la distanza fra i due punti e dopo aver misurato – in una valutazione “empirica” ma di grande efficacia e precisione  – e straordinaria semplicità. 

Ipparco di Nicea (200-120 a. C.) – astronomo e geografo – oltre alla precessione degli equinozi e alle nozioni sulla gravità, intuì l’esistenza di un continente sull’altro emisfero ben prima delle spedizioni di Cristoforo Colombo, basandosi sulle maree. La curiosità e l’attento studio dei fenomeni sono alle radici del sapere ma in ambito scientifico all’ipotesi segue la dimostrazione, in questo caso attraverso principi logico matematici e “prove” e dati raccolti da altri, vagliati e confermati all’interno di una ricostruzione coerente – ancorché “astratta”. 

Piergiorgio Odifreddi – brillante “affabulatore” dalla cifra garbatamente (auto)ironica – come ospite di “la grande prosa”, ripercorre alcune pagine significative della storia e della cultura occidentale e conduce gli spettatori al cospetto di un’antica civiltà da cui è possibile trarre insegnamento non solo per quel che concerne i contenuti, e quindi l’elaborazione di teorie e calcoli che conservano tutta la loro validità, ma anche e forse soprattutto per l’approccio e i metodi di ricerca. 

Il professore – già docente all’Università di Torino e alla Cornell University e collaboratore de Le Scienze e La Repubblica, autore di saggi e interessanti biografie – da tempo impegnato sul fronte della divulgazione apre davanti al pubblico il prezioso scrigno del sapere scientifico, offrendo una concreta smentita alla diffusa opinione che determinate cognizioni risultino irrimediabilmente ostiche e incomprensibili ai più. 

Se l’intuizione matematica non è alla portata di tutti, una volta spiegate e illustrate le leggi dei numeri e i principi della fisica – nei quali viviamo immersi anche senza saperlo, che lo vogliamo o no, come parte di uno stesso universo – appaiono chiare e perfino “semplici” all’interno di un unico disegno. 

“Sul cammello e all’ombra del bastone” prende spunto – fin dal titolo – dall’impresa di Eratostene che grazie al proprio ingegno e a semplici e giù noti strumenti di misurazione riuscì a determinare con grandissima approssimazione la circonferenza del globo terrestre – scoperta che acquista un singolare valore nell’era dei cosiddetti “terrapiattisti” e di quanti più in generale rifiutino di ammettere l’evidenza perché innamorati di una qualche stravagante teoria. 

Il dubbio è all’origine di qual si voglia ragionamento scientifico e la conoscenza procede (anche) per prove e errori, ogni ipotesi deve essere verificabile e ogni esperimento ripetibile affinché se ne possa accertare la validità, prima ancora dell’utilità pratica e di eventuali applicazioni ma paradossalmente mentre si progettano esplorazioni dello spazio vi è chi sostiene con convinzione dogmatica le tesi più improbabili. 

Forse per smantellare le granitiche certezze di chi cerca nell’interpretazione “letterale” dei libri sacri una presunta verità o sedotto da correnti “new age” ritiene di potersi sottrarre alle regole della convivenza civile non basterà uno spettacolo, ma la pièce mette in evidenza il valore del pensiero scientifico e oltre a dispensare gustosi apologhi sull’evoluzione del sapere offre utili spunti per chi volesse approfondire, svelando contro pregiudizi e luoghi comuni quanto possa essere affascinante e proficuo lo studio della matematica e della fisica – per leggere il cosmo. 

La Grande Prosa- Stagione Teatrale 2018-2019 all’Auditorium dell’Istituto Tecnico Mossa di Oristano è organizzata dal CeDAC/ Circuito Multidisciplinare dello Spettacolo in Sardegna con il patrocinio e il sostegno del MiBAC/ Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, della Regione Sardegna e del Comune di Oristano in partenariato con la Provincia di Oristano, con il contributo della Fondazione di Sardegna e con l’importante supporto di Sardinia Ferries, che ospita sulle sue navi artisti e compagnie in viaggio per e dall’Isola.

Francesco Renga Tour 2019

About Giorgia Ortu

Giorgia Ortu
Giorgia Vanda Ortu, 23 anni da Serramanna ( SU). Studentessa del C.d.s in Lingue e Culture per la Mediazione Ling. (Ingl.,spagn.) Tirocinante presso Unica Radio.

Controlla anche

La Costituzione e il contributo delle donne

Sabato 15 giugno a Oristano il convegno La Costituzione e il contributo delle donne  La …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: