Home / Articoli / Altro / Addio ad Andrea Camilleri: nel 2013 l’Università di Cagliari gli conferì la laurea honoris causa
Unica Radio App

Addio ad Andrea Camilleri: nel 2013 l’Università di Cagliari gli conferì la laurea honoris causa

L’Italia saluta uno dei più grandi autori contemporanei: il papà del commissario Montalbano, Andrea Camilleri, è morto a 93 anni

Era stato ricoverato un mese fa all’ospedale Santo Spirito di Roma, dopo un arresto cardiaco, e negli ultimi giorni le sue condizioni si sono aggravate. L’intellettuale siciliano Andrea Camilleri è morto all’età di 93 anni, dopo diverse settimane passate in uno stato di salute critico. L’Italia dice addio a uno dei più grandi autori italiani della nostra epoca.

Il funerale si svolgerà in cerimonia privata, come da sua volontà, e non sarà allestita nessuna camera ardente. Secondo quanto riportato dall’Ansa, solo dopo la sepoltura sarà reso noto il luogo in cui riposeranno le sue spoglie, in modo da rendere possibile la visita ai tanti che lo hanno amato.

Scrittore di successo ma anche regista, sceneggiatore, autore televisivo e teatrale. È la sua stessa carriera a incoronarlo come uno dei più grandi intellettuali dell’ultimo secolo. Le pubblicazioni di Andrea Camilleri sono state tradotte in ben 120 lingue, vendendo più di 30 milioni di copie e scrivendo una pagina importante della letteratura contemporanea. A portarlo all’apice del successo sono stati i numerosi romanzi sul commissario Montalbano: il primo, pubblicato nel 1994, si intitola “La forma dell’acqua”. Ed è proprio da lì che prende vita la fortunata serie televisiva con la partecipazione di Luca Zingaretti. L’attore ha salutato il suo “maestro” con un significativo post su Instagram: “Mancherai. È inevitabile, è doverso. Per la tua statura artistica, culturale, intellettuale e soprattutto umana”.

View this post on Instagram

E alla fine mi hai spiazzato ancora una volta e ci hai lasciato. Nonostante le notizie sempre più tragiche, ho sperato fino all’ultimo che aprissi gli occhi e ci apostrofassi con una delle tue frasi, tutte da ascoltare, tutte da conservare. E invece è arrivato il momento di ricordare. Di cercare le parole per spiegare chi sarà per sempre per me Andrea Camilleri. Un Maestro prima di tutto, un uomo fedele al suo pensiero sempre leale, sempre dalla parte della verita' che ha raccontato tutti noi e il nostro paese. Mancherai. È inevitabile, è doveroso. Per la tua statura artistica, culturale, intellettuale e soprattutto umana. Le tue parole resteranno sempre con la stessa semplicità e con l'immensa generosità e saggezza con cui le hai condivise, da mente libera e superba quale sei. Ma soprattutto mancherai a me perché in tutti questi anni meravigliosi in cui ho incrociato la mia vita con quella del commissario, mi sei stato amico. Ho avuto la strana sensazione che bastasse un tuo tratto di penna a cambiare la mia vita. Ho vissuto accanto a te, nel tuo mondo, quello che avevi creato, quello che ti apparteneva perché uno scrittore non può che riportare se stesso nelle cose che scrive. E ho imparato tantissimo. Il rispetto per le persone, tutte, per se stessi, e per le persone deboli. Perchè il tuo commissario è così che la pensa. A volerti bene no. Quello già sapevo farlo dai tempi dell’accademia, quando non ci trattavi da allievi, ma piuttosto da colleghi. Ho imparato che il valore delle persone non c’entra nulla con quello che guadagnano, con le posizioni che ricoprono, con i titoli che adornano il loro cognome: le persone si valutano per quello che sono. Adesso te ne vai e mi lasci con un senso incolmabile di vuoto, ma so che ogni volta che dirò, anche da solo, nella mia testa, “Montalbano sono!” dovunque te ne sia andato sorriderai sornione, magari fumandoti una sigaretta e facendomi l’occhiolino in segno di intesa, come l’ultima volta che ci siamo visti a Siracusa. Addio maestro e amico, la terra ti sia lieve! Tuo Luca

A post shared by Luca Zingaretti (@luc_zingaretti) on

Dal mondo della letteratura a quello dello spettacolo, passando per quello della politica, sono tanti i messaggi di addio dedicati al ricordo di Camilleri. Anche il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha rivolto un pensiero all’intellettuale siciliano: “Andrea Camilleri lascia un vuoto nella cultura italiana, e nei tanti che si sono appassionati nella lettura dei suoi racconti e sono stati attratti dai personaggi modellati dalla sua creatività”.

Sei anni fa la Facoltà di Studi Umanistici dell’Università di Cagliari conferì ad Andrea Camilleri la Laurea magistrale honoris causa in Lingue e Letterature Moderne Europee e Americane. La cerimonia si svolse il 10 maggio 2013 nell’Aula Magna del Rettorato a Cagliari. Per l’occasione, lo scrittore siciliano tenne una Lectio magistralis dal titolo “Riflessioni su un capitolo di Svevo”, con riferimento al romanzo “La coscienza di Zeno”.

GUARDA IL VIDEO

Francesco Renga Tour 2019

About Simone Cadoni

Simone Cadoni
Nato a Cagliari nel 1993. Una laurea in Lingue e Comunicazione e un master in Giornalismo. È da sempre affascinato dal mondo dei mass media e dell'informazione. Contatti: simone.cadoni@unicaradio.it

Controlla anche

Università di Cagliari

Università di Cagliari, al via il nuovo Anno Accademico

IN AUMENTO ALL’UNIVERSITÀ DI CAGLIARI GLI IMMATRICOLATI, GLI STUDENTI REGOLARI E LA SODDISFAZIONE DEGLI ISCRITTI. …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: