Home / Articoli / Interviste / Intervista a Lorenzo Luporini: “vi presento mio nonno, Giorgio Gaber”
Unica Radio App

Intervista a Lorenzo Luporini: “vi presento mio nonno, Giorgio Gaber”

Celebriamo gli ottant’anni dalla nascita di Gaber al telefono con Lorenzo Luporini, l’erede del Signor G

Lorenzo Luporini  ̶  classe ’95  ̶  è, insieme alla madre Dalia Gaberščik, uno dei discendenti diretti del monumentale Signor G e di Ombretta Colli. Intervistato dai microfoni di Unica Radio, ha parlato del suo lavoro di divulgazione e valorizzazione della figura e dell’opera di Giorgio Gaber, prevalentemente rivolta alle fasce di pubblico più giovani, che da un po’ di anni lo vede impegnato insieme con la Fondazione Giorgio Gaber, di cui fa parte, la quale prosegue nell’attività portata avanti dall’omonima Associazione Culturale nata all’indomani della scomparsa dell’artista.

Attraverso rievocazioni intime che alternano momenti di grande tenerezza a situazioni di intrattenimento goliardico, riviviamo, per il tramite del nipote, Gaber: una delle personalità più brillanti del panorama teatrale e musicale italiano del secondo dopoguerra.

A ottant’anni dalla sua nascita avvenuta il 25 gennaio 1939, in via Londonio 28, a Milano  ̶ a pochi passi dalla celebre sede milanese della Rai che, solo vent’anni più tardi, lo avrebbe lanciato come interprete di Rock’n’Roll insieme con Mina e Celentano, con la trasmissione “Il Musichiere”  ̶ e a sedici dalla sua prematura scomparsa, Gaber rimane l’esempio di un artista trasversale, poliedrico, profetico, provocatorio e latamente politico come non ne esistono più. L’inventore del teatro-canzone che è riuscito a sconfiggere il demone del tempo che passa, rimanendo per sempre impresso nella memoria di chi ha avuto l’enorme privilegio di vederlo esibirsi, e immortale rimarrà nelle incisioni delle targhe affisse nelle sale o nelle piazze che gli sono state dedicate in varie città.

La sua capacità di essere leggero nell’affrontare i temi pesanti dell’esistenza, di innescare una flebile presa di consapevolezza mentre incanta e inebria il pubblico con le sue contorsioni fisiche, le sue musiche, le sue parole a tratti pungenti e ad altri accomodanti, hanno reso Gaber capace di arrivare fino ai giorni nostri ed essere più attuale che mai.

Scoprire, insieme a Lorenzo, un Gaber-nonno dolce e premuroso nella vita di tutti i giorni, dà conferma, a chi Gaber lo ha conosciuto, della dimensione di uomo perbene che era ed è un utile tassello per i più giovani affinché si avvicinino a lui consapevoli del gigante che è stato: un artista a tuttotondo di cui tuttora, nonostante l’immenso patrimonio artistico che attraversa vecchie e nuove generazioni, resta una grande nostalgia.

ASCOLTA L’INTERVISTA!

 

Intervista a Lorenzo Luporini: “vi presento mio nonno, Giorgio Gaber”

 
 
00:00 / 23:37
 
1X
 
Francesco Renga Tour 2019

About Giulia Sanna

Giulia Sanna
Nasce a Cagliari nell'ottobre del 1990. Consegue la maturità scientifica e si laurea in giurisprudenza. Da giurista pentita decide di cambiare le sue sorti e tenta di avvicinarsi al mondo della comunicazione, che da sempre la affascina e la appassiona. Le esperienze all'estero, a Parigi prima e a Londra poi, la aiutano a capire che la vita è veramente troppo breve per sprecarla a fare qualcosa che non dà stimoli e anzi demolisce la nostra curiosità e il nostro amore per la stessa. Un breve workshop di giornalismo a Roma, indetto da The Post Internazionale con la partecipazione di Limes, suggella per sempre questa sua convinzione e la condanna al precariato eterno. Amante della satira oltre ogni misura e della comicità dissacrante. Viaggia, legge, scrive, corre, mangia e ride. Mai contemporaneamente. Crede nel potere della musica terapeutica.

Controlla anche

Intervista ad Armando Punzo: «voglio lavorare con i non-professionisti»

Al Teatro Massimo di Cagliari va in scena “Beatitudo” con gli attori-detenuti della “Compagnia della …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: