Home / Articoli / Altro / Monumenti aperti conquista tre regioni italiane
Unica Radio App

Monumenti aperti conquista tre regioni italiane

L’edizione 2019 coinvolge 70 Comuni da aprile a novembre nella promozione culturale

L’iniziativa Monumenti aperti diventa sempre più grande: per la prima volta coinvolti oltre 70 Comuni. Ma sarà un’edizione ancora più nazionale: dopo Puglia ed Emilia Romagna ora la manifestazione nata a Cagliari 23 anni fa conquista anche la Lombardia. Una festa della cultura che è stata notata anche fuori dai confini: quest’anno si presenta con la medaglia del Premio dell’Unione europea per il Patrimonio Culturale – Europa Nostra Awards 2018, consegnato ufficialmente all’associazione organizzatrice Imago Mundi lo scorso 22 giugno a Berlino, per la categoria Istruzione, Formazione e Sensibilizzazione, durante il primo vertice europeo del patrimonio culturale. L’anno scorso negli 800 monumenti visitabili sono state raccolte 319.000 firme.

Si comincia il 27 aprile a Bauladu, Bosa, Tula e Uta il 27 aprile e si chiude il 9 e 10 novembre in Puglia nei comuni di Terlizzi, Modugno e Palo del Colle. Tema: “Radici al futuro”, ovvero ciò che ci appartiene come storia e su cui poggia il domani delle comunità. “Un progetto culturale – ha spiegato Fabrizio Frongia, presidente di Imago Mundi – che ha radici solide e che si proietta verso il futuro con le nuove generazioni. Pensavamo di aver già fatto tanto, ma quest’anno abbiamo aggiunto nuovi tasselli riuscendo a superare noi stessi”.

Oltre 20.000 volontari, in gran parte studenti, racconteranno il ricchissimo patrimonio sardo in 800 luoghi di cultura nei 62 comuni dell’Isola che andranno a occupare sette fine settimana, dal 27 aprile al 9 giugno. Molte le conferme e ben 12 (cinque in più rispetto alla scorsa edizione) le amministrazioni che per la prima volta aderiscono alla manifestazione in terra sarda (20 su scala nazionale con gli ingressi pugliesi e lombardi).

Fra i siti anche la chiesa di Santa Maria di Uta, meraviglioso esempio di architettura romanica in Sardegna, il Castello Malaspina a Bosa, la Cattedrale e la casa natale di Gramsci ad Ales, l’area archeologica di Nora, l’Argentiera – Museo della Miniera a Sassari, uno dei maggiori esempi di archeologia mineraria della Sardegna, la Chiesa di San Lorenzo di Porto Rotondo e la Torre della Quarta Regia in località Sa Scafa, a Cagliari.

Francesco Renga Tour 2019

About Redazione

Redazione
Nata l'8 ottobre 2007 da un progetto di tre studenti universitari. Unica Radio vuole raccontare il territorio, la cultura e le attività dell'hinterland attraverso la voce dei protagonisti. Unica Radio racconta la città che cambia

Controlla anche

Il Palazzo Regio apre le porte per Monumenti Aperti

La città metropolitana di Cagliari schiude al pubblico i tesori e le storie di Palazzo …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: