Home / Articoli / Interviste / Intervista ad Armando Punzo: «voglio lavorare con i non-professionisti»
Unica Radio App

Intervista ad Armando Punzo: «voglio lavorare con i non-professionisti»

Al Teatro Massimo di Cagliari va in scena “Beatitudo” con gli attori-detenuti della “Compagnia della Fortezza”

Ha debuttato mercoledì 24 aprile alle h. 20:30, al Teatro Massimo di Cagliari, la “Compagnia della Fortezza” diretta da Armando Punzo nello spettacolo “Beatitudo” in cartellone fino a domenica 28.

Per la prima volta sull’isola  ̶  sotto le insegne del Cedac, per l’ultimo appuntamento della stagione 2018/2019 con La Grande Prosa & Teatro Circo organizzata nell’ambito del Circuito Multidisciplinare dello Spettacolo in Sardegna  ̶  Armando Punzo, che ne firma la drammaturgia e anche la regia, ha raccontato ai microfoni di Unica Radio come è nato il suo ambizioso progetto che ha recentemente festeggiato i  trent’anni di attività.

Nella foto: Armando Punzo e Giulia Sanna durante l’intervista

La “Compagnia della Fortezza” ha infatti visto la luce per caso, nel 1988, a seguito della volontà e della necessità di Punzo di distaccarsi dalle esperienze teatrali fino ad allora conosciute. Il desiderio di allontanarsi dagli attori professionisti e dalle produzioni teatrali tradizionali e/o ufficiali o da quelle che all’epoca erano considerate “sperimentali” lo porta ad avvicinarsi, trovandosi in quel periodo in Toscana, alla Casa di Reclusione di Volterra. Qui, si era appena conclusa un’esperienza importante, quella del “Gruppo Internazionale Avventura” con focus sul lavoro di Grotowsky, che lo convince a voler entrare nel carcere. Dall’incontro con il regista e drammaturgo partenopeo nascerà dapprima un percorso laboratoriale che si trasformerà ben presto in un progetto di ricerca teatrale con una forte connotazione etica ed estetica.

Punzo svilupperà quindi un disegno artistico che non vuole inserire entro i cardini del teatro-sociale, definizione che pare non amare, poiché preferisce pensare che si tratti unicamente e semplicemente di teatro, in grado di raccontare l’attualità e le contraddizioni tipicamente umane attraverso la rilettura di grandi classici: da Shakespeare, passando per Genet e arrivando fino a Borges.

Beatitudo” è infatti il secondo capitolo del viaggio intrapreso nell’universo di Jorge Luis Borges, all’interno del “Progetto Hybris”, dove ci si interroga sulle alternative possibili e sulle vite ipotetiche che fluiscono tra le crepe di quella che comunemente definiamo “realtà” o più erroneamente “normalità”. La pièce che fedelmente riproduce il “realismo magico” di Borges, rompe gli schemi e ci trascina nella disperata e visionaria ricerca della felicità a partire da un luogo simbolo di costrizione e infelicità, il carcere, per un’evasione molto meno scontata di quella attesa.

ASCOLTA L’INTERVISTA!

Intervista ad Armando Punzo: «voglio lavorare con i non-professionisti»

 
 
00:00 / 15:33
 
1X
Listen Unica Radio on Spotify

About Giulia Sanna

Giulia Sanna
Nasce a Cagliari nell'ottobre del 1990. Consegue la maturità scientifica e si laurea in giurisprudenza. Da giurista pentita decide di cambiare le sue sorti e tenta di avvicinarsi al mondo della comunicazione, che da sempre la affascina e la appassiona. Le esperienze all'estero, a Parigi prima e a Londra poi, la aiutano a capire che la vita è veramente troppo breve per sprecarla a fare qualcosa che non dà stimoli e anzi demolisce la nostra curiosità e il nostro amore per la stessa. Un breve workshop di giornalismo a Roma, indetto da The Post Internazionale con la partecipazione di Limes, suggella per sempre questa sua convinzione e la condanna al precariato eterno. Amante della satira oltre ogni misura e della comicità dissacrante. Viaggia, legge, scrive, corre, mangia e ride. Mai contemporaneamente. Crede nel potere della musica terapeutica.

Controlla anche

Intervista a Jurijgami – “I talent? Mi hanno chiamato e ho rifiutato perché voglio essere un cantautore”

Jurijgami, la giovane promessa del pop italiano, presente il nuovo singolo “Pietra” in attesa del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.