Home / Articoli / Incontri e workshop / Intervista a Françoise Kankinki: “il genocidio uccide due volte. La seconda con il silenzio”
Unica Radio App
hdrpl

Intervista a Françoise Kankinki: “il genocidio uccide due volte. La seconda con il silenzio”

Françoise Kankinki  ̶  presidente dell’associazione “Bene Rwanda Onlus”  ̶  ospite della Fondazione Siotto per testimoniare sul genocidio in Rwanda

Ultima serata, quella di ieri 13 aprile a Palazzo Siotto a Cagliari, per parlare di genocidi. “Musica e Storia” è la rassegna organizzata dalla Fondazione di ricerca Giuseppe Siotto con focus sulle stragi più violente del Novecento. Tra gli ospiti Françoise Kankinki che ha aperto l’evento con una narrazione a sfondo personale sul genocidio in Rwanda; a seguire la performance audiovisiva ad opera di Fabrizio Casti e Sandro Mungianu e la proiezione del film di Terry George “Hotel Rwanda”.

Unica Radio ha intervistato Françoise poco prima che salisse sul palco della sala conferenze di via dei Genovesi, a cui ha raccontato la sua vita di attivista in quanto donna impegnata nella divulgazione della storia del massacro Rwandese. Nata già profuga in Burundi, dove il padre si era rifugiato per scampare al primo genocidio del 1959, la vita di Françoise è presto segnata dalle sofferenze. Nascere in un paese straniero – senza diritti e privati di quel senso di appartenenza e di radici che contribuiscono a creare l’identità di una persona – porta Françoise, ultimati gli studi superiori, a trasferirsi ben presto in Italia dove, all’Università Cattolica di Milano, si laurea in Economia e Commercio.

Nel 1994 segue, da lontano, i tragici eventi che immobilizzano il suo paese d’origine, in cui fiumi di sangue vengono versati tra la guerra civile e il genocidio dei Tutsi. Nel 2005, decisa a interrompere il silenzio omertoso che aleggia su una storia così profondamente ingiusta ed evitabile, fonda la onlus “Bene Rwanda” e insieme a Erin Wibabara, diventato suo marito e reduce del Fronte Patriottico Rwandese, si impegna a diffondere la verità e a sensibilizzare l’opinione pubblica sul genocidio che ha lasciato indifferente il mondo, come titola lo stesso libro “Rwanda, la cattiva memoria” infinito edizioni, che la Kankindi ha scritto, insieme a Daniele Scaglione, per denunciarne le nefandezze e costruirne una memoria.

ASCOLTA L’INTERVISTA!

Intervista a Françoise Kankinki: “il genocidio uccide due volte. La seconda con il silenzio”

 
 
00:00 / 12:55
 
1X
 
Francesco Renga Tour 2019

About Giulia Sanna

Giulia Sanna
Nasce a Cagliari nell'ottobre del 1990. Consegue la maturità scientifica e si laurea in giurisprudenza. Da giurista pentita decide di cambiare le sue sorti e tenta di avvicinarsi al mondo della comunicazione, che da sempre la affascina e la appassiona. Le esperienze all'estero, a Parigi prima e a Londra poi, la aiutano a capire che la vita è veramente troppo breve per sprecarla a fare qualcosa che non dà stimoli e anzi demolisce la nostra curiosità e il nostro amore per la stessa. Un breve workshop di giornalismo a Roma, indetto da The Post Internazionale con la partecipazione di Limes, suggella per sempre questa sua convinzione e la condanna al precariato eterno. Amante della satira oltre ogni misura e della comicità dissacrante. Viaggia, legge, scrive, corre, mangia e ride. Mai contemporaneamente. Crede nel potere della musica terapeutica.

Controlla anche

Festival Officine Permanenti: #disobbedienza

Festival Officine Permanenti #disobbedienza V Edizione – 15, 18 e 19 Luglio 2019Teatro Massimo & Fondazione Siotto, Cagliari  Disobbedienza: …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: