Home / Articoli / Arte e mostre / Donne e dee di Sardegna, in un docufilm prodotto dalla RAI
Unica Radio App

Donne e dee di Sardegna, in un docufilm prodotto dalla RAI

Sinergie al femminile con la mostra allestita al Museo Archeologico Donne o Dee, dedicata alle raffigurazioni femminili nella preistoria e protostoria sarda.

Dalle Donne alle dee per passare alle antiche raffigurazioni femminili alle innovazioni di Daniela Ducato. In una “trama” che fa luce anche su Eleonora D’Arborea, promulgatrice della Carta de Logu, l’artista Maria Lai, il premio Nobel per la letteratura Grazia Deledda, la banditessa Paska Devaddis, che rivive tra i murales di Orgosolo.

Queste e altre sono le protagoniste del docufilm “Donne e dee di Sardegna. Féminas e divas de Sardinia”, diretto da Daniela Vismara, prodotto da Rai Sardegna in collaborazione con il Centro di Produzione Rai di Milano. Donne che ieri e oggi hanno scritto e continuano a tracciare la storia della Sardegna. Dopo le fortunate tappe a Nuoro, Oristano e Fordongianus sarà il Museo Archeologico Nazionale di Cagliari giovedì 18 aprile alle 17 a presentare il filmato.

Il progetto in un gioco di preziose sinergie al femminile si intreccia con la mostra allestita al Museo Archeologico “Donna o Dea”, dedicata alle raffigurazioni femminili nella preistoria e protostoria sarda. Un affascinante percorso espositivo curato dalle archeoantropologhe Silvia Fanni, Laura Soro e Marcella Sirigu.

La tappa cagliaritana del filmato rientra nelle attività del Museo Archeologico Nazionale e il comitato organizzativo e scientifico della mostra “Donna o Dea”, Associazione White Rocks.

Tra riprese di siti e monumenti e interviste il docufilm conduce lo spettatore attraverso la testimonianza di donne di ieri e di oggi, inseguendo le tracce di antiche divinità femminili di cui l’Isola ancora conserva numerosi reperti. Focus anche su Chiara Vigo, che conserva la memoria del bisso o Grazia Dentoni con le sue rappresentazioni teatrali in contesti archeologici. E poi Maria Lai l’artista che ha lasciato la sua forte impronta nel mondo. Il suo telaio, elemento simbolico di tutta la narrazione, chiude la mostra.

Listen Unica Radio on Spotify

About Redazione

Redazione
Nata l'8 ottobre 2007 da un progetto di tre studenti universitari. Unica Radio vuole raccontare il territorio, la cultura e le attività dell'hinterland attraverso la voce dei protagonisti. Unica Radio racconta la città che cambia

Controlla anche

Duos sardos in cursa a sos Nastros de prata

Su regista tataresu Bonifacio Agus e s’atore Benito Urgu in cursa pro su prèmiu Nastros …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.