Home / Articoli / Arte e mostre / Alfonso Silba, il pittore che incanta la Baronia

Alfonso Silba, il pittore che incanta la Baronia

A Nuoro una mostra con tutte le opere di Alfonso Silba più belle, mezzo secolo d’arte

Alfonso Silba, pittore avellinese residente in Sardegna da oltre cinquant’anni, il 5 aprile 2019 inaugura al Museo del Costume di Nuoro (alle ore 18,30 il taglio del nastro) una nuova esposizione antologica (Alfonso Silba | Opere – 1969-2019). La mostra – che chiude il 28 aprile – comprende alcuni tra i più importanti dipinti dell’artista, tra i quali quelli ispirati all’opera di Grazia Deledda, scrittrice nuorese premio Nobel per la Letteratura.

“La mostra” spiega Giuseppe Matteo Pirisi, Presidente ISRE “è un omaggio a un significativo artista, e nello specifico dice quanto ancora oggi l’opera di Grazia Deledda sia capace di riverberare sulla contemporaneità, fornendo spunti e stimoli culturali, poetici e visivi”.

L’esposizione, un compendio di circa cinquant’anni di ricerca artistica di Silba, si concentra soprattutto sui lavori dell’ultimo decennio, quelli in cui la ricerca del pittore si orienta verso un taglio interpretativo letterario: si spazia così dai romanzi della Deledda (CosimaMarianna SircaL’EderaCanne al ventoLa madreCenere) a Salvatore Satta e il suo Giorno del Giudizio; da Emilio Lussu e la sofferta testimonianza sulla Grande Guerra combattuta negli altipiani e nelle logoranti trincee del nord Italia fino a Sergio Atzeni e il suo Passavamo sulla terra leggeri.

Suddiviso in tre ambienti, il percorso di visita propone una sintesi del lavoro prolifico e poliforme dell’artista, presentandonovanta opere fra oli, acrilici, ceramiche, disegni.

Chi è l’autore. Alfonso Silba (Avellino 1945) nasce in Irpinia, Campania. Diplomatosi all’Istituto d’Arte di Avellino nel 1964, si è formato presso la Libera Scuola d’Arte del professore umanista Filippo de Jorio. In questa “bottega”, fra le altre attività artistiche (restauro, tecniche pittoriche, scultoree e incisorie) ha iniziato a cimentarsi con la ceramica, pratica scultorea che ha mantenuto parallela a quella pittorica. Nell’ottobre 1965 si è trasferito in Sardegna per insegnare Educazione Artistica nelle scuole Medie Statali di Orosei, centro della Baronia nel quale, dal quel momento, risiede e opera. Il suo esordio isolano risale al 1966 con la personale tenutasi a Orosei, saletta Savanella, segnalata il 1 marzo nella “Rassegna d’Arte” del quotidiano La Nuova Sardegna. Da allora, la sua vivace presenza nell’area baroniese, ha tessuto una fitta trama di impegni sociali, quale promotore, curatore e responsabile artistico per Enti pubblici, Istituti religiosi (suo, fra gli altri interventi nelle chiese di Orosei, il portale della parrocchiale di San Giacomo) o laici, in primis il Centro Studi “G. Guiso” di Orosei. La sede del Comune di Orosei conserva una sua vasta composizione ceramica dedicata all’eroe che contrastò le incursioni saracene, Tomaso Mojolu.

Listen Unica Radio on Spotify

About Redazione

Redazione
Nata l'8 ottobre 2007 da un progetto di tre studenti universitari. Unica Radio vuole raccontare il territorio, la cultura e le attività dell'hinterland attraverso la voce dei protagonisti. Unica Radio racconta la città che cambia

Controlla anche

Reati in calo: ecco i dati riguardo la Sardegna

I reati verso le abitazioni e le attività produttive della Sardegna sono in calo anche …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.