Home / Articoli / Altro / Agnelli, Contas insieme agli altri Consorzi a tutela degli animali a marchio
Unica Radio App

Agnelli, Contas insieme agli altri Consorzi a tutela degli animali a marchio

Il Consorzio di tutela degli agnelli di Sardegna Igp mette in campo un altro tassello

Un accordo in cui si uniscono le forze per tutelare gli agnelli a marchio, da speculazioni e frodi e che possa garantire un prezzo equo ai pastori. Il primo obiettivo è quello della Pasqua, festività ormai alle porte, quando oltre 4 italiani su 10 (45%) porteranno nelle proprie tavole proprio l’agnello, anche se il vero obiettivo è quello di mettere in campo azioni incisive con risultati che siano tangibili durante tutto l’anno.

“Oltre alla ricerca di nuovi mercati e alla destagionalizzazione del consumo accompagnati dalla sperimentazione di un prodotto, l’agnello, che si possa conservare più a lungo e che si possa vendere in tagli più piccoli come li chiede oggi il mercato – afferma il presidente del Contas Battista Cualbu che ha sottoscritto l’accordo insieme ai colleghi degli altri Consorzi Natalino Talanas e Virgilio Manini – stiamo lavorando molto anche sulla filiera, con macellatori e mondo della distribuzione, affinché si garantisca un prezzo equo al pastore, spesso unica vittima delle crisi”.

Con questo accordo i Consorzi stanno mettendo in campo una serie di iniziative per rafforzare l’immagine del marchio  e la tutela del prodotto, dando vita ad una seria organizzazione e programmazione della vigilanza e del monitoraggio. L’accordo prevede un’azione congiunta di controllo a livello locale e nazionale affinché nei banconi di vendita delle nostre carni sia ben specificato se il prodotto è di origine nazionale o UE o extra UE e si enfatizzi il marchio IGP come garanzia della qualità e della provenienza.

“In questo modo – sottolinea il Presidente del Consorzio dell’Agnello del Centro Italia Virgilio Manini – gli agenti vigilatori dei Consorzi espleteranno la propria attività a tutela dei tre agnelli con un azione sinergica e pianificata”.

“Insomma con un semplice accordo – specifica il Presidente Natalino Talanas del Consorzio Abbacchio romano – si triplica la vigilanza a costo zero. “E’ un’azione di importanza fondamentale – evidenzia il direttore del Contas Alessandro Mazzette – perché come abbiamo visto lo scorso anno grazie all’azione di rafforzamento della vigilanza abbiamo smascherato la truffa degli agnelli rumeni, un giro di affari di oltre 1 milione di euro sottratti ai pastori sardi”.

Francesco Renga Tour 2019

About Marco Meli

Marco Meli
Un giovane imprenditore laureato in economia e management. Appassionato di sport (work out) ed arte contemporanea. Per via della mia scelta lavorativa passo gran parte del tempo nel locale che da poco ho aperto in centro a Cagliari, frutto di tanto impegno e grande passione per il mestiere. Nel frattempo sono riuscito ad ottenere l'attestato di Sommelier per soddisfazione strettamente personale. Avendo un socio in azienda in sede distaccata, approfitto periodicamente per viaggiare nel nord Italia, precisamente a Como dove abbiamo un attività di abbigliamento in condivisione.

Controlla anche

Cani randagi pericolo per le aziende agricole: ammazzate 30 pecore

Coldiretti Sardegna lancia l’allarme. Cani randagi mettono in pericolo le aziende agricole Non bastava il prezzo del latte …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: