Home / Articoli / Università e Ricerca / Trentamila sardi fanno i conti con scompensi cardiaci
Unica Radio App

Trentamila sardi fanno i conti con scompensi cardiaci

Bilancio, attività e dati su una patologia molto grave e sull’ipertensione polmonare che colpisce trentamila sardi

Lo scompenso cardiaco, la più diffusa tra le malattie gravi, interessa circa trentamila sardi e la possibilità di sottoporsi all’assistenza ventricolare meccanica, viene effettuata con successo nel 100 per cento dei casi all’Azienda Brotzu di Cagliari.

Mentre il San Francesco di Nuoro è tra i maggiori punti di riferimento per il trattamento della tromboembolia polmonare. Entrambe le strutture mettono a disposizione della comunità competenze ed esperienze specifiche nel trattamento dell’Ipertensione polmonare, la condizione che interessa cuore e polmoni. A Nuoro attiva una rete ospedaliera nazionale ed internazionale ed anche Cagliari è inserita in un contesto di ricerca internazionale, oltre ad avere un Ambulatorio dedicato. In questo modo ai pazienti vengono assicurate diagnosi precoci e terapie mirate e tempestive. Si tratta di trattamenti farmacologici che possono migliorare le aspettative di vita anche di vent’anni.

Questi risultati sono il frutto delle competenze dei team multidisciplinari di medici specialisti ma anche della preziosa l’attività degli infermieri nella formazione ai pazienti per l’auto somministrazione delle terapie. Il Centro specialistico cardiologico dell’Azienda Brotzu è tra i pochi in Italia in grado di controllare sistematicamente lo scompenso cardiaco, la più diffusa tra le malattie gravi e, se necessario, eseguire anche il trapianto di cuore. “Lo scompenso cardiaco maggior causa di ipertensione polmonare, interessa circa 30 mila persone nella nostra Regione. Qui – spiega il dottor Maurizio Porcu, direttore della Struttura Complessa di Cardiologia e Unità di Terapia Intensiva Cardiologica della struttura ospedaliera – siamo in grado di gestirne tutte le problematiche

 La Struttura Complessa di Cardiologia e Unità di Terapia Intensiva Cardiologica dell’Ospedale San Francesco di Nuoro, Diretta dal dottor Gavino Casu, fa parte di una rete nazionale di Centri specialistici dedicati all’Ipertensione Polmonare tra cui il Policlinico Umberto I di Roma, l’Ospedale Monaldi di Napoli, il Policlinico S. Orsola di Bologna e quello di Pavia.“Grazie al confronto tra specialisti – illustra il dottor Casu – “oggi possiamo assicurare diagnosi precoci, quindi trattamenti mirati e tempestivi in grado di migliorare la qualità di vita di tutti questi pazienti ma anche di allungarla addirittura di vent’anni. Nel Centro di Nuovo sono in trattamento attualmente 70 pazienti”.

Il Centro cardiologico di Nuoro è uno dei pochi a livello nazionale che ha istituito un Ambulatorio osservazionale dedicato ai pazienti colpiti da tromboembolia polmonare, un evento che interessa circa trentamila persone in Italia (50 ogni 100mila). “Il 3, 4 per cento di questi pazienti sviluppa l’Ipertensione polmonare come complicanza, in genere nei tre anni successivi” – prosegue Gavino Casu – “ed è fondamentale individuarla. In questi casi, infatti, con un intervento chirurgico è possibile risolverla”.

Questi risultati di eccellenza dei due Centri cardiologici sardi sono frutto anche del lavoro dei team multidisciplinari. “Per la diagnosi ed il trattamento dell’Ipertensione Polmonare cardiologi, reumatologi e pneumologi uniscono le loro competenze specialistiche nell’interesse del paziente” – aggiunge Maurizio Porcu, che sottolinea anche l’importanza del rapporto con il medico di famiglia – “Tra i nostri obiettivi rientra l’ottimizzazione della sinergia con il medico di medicina generale che potrebbe avvalersi di indicazioni specialistiche specifiche sui sintomi che potrebbero far sospettare lo sviluppo di questa condizione, in particolare quelli più gravi di cui preoccuparsi, oltre che, ad esempio, su tempi e frequenza dei controlli cui è opportuno si sottoponga il paziente”.

Francesco Renga Tour 2019

About Valentina Meloni

Valentina Meloni
Ciao sono Valentina Meloni, ho 24 anni. Sono iscritta al corso di Laurea di Scienze della Comunicazione.

Controlla anche

nave da crociera

Stangata sull’Autotrasporto del caro traghetti “green”

Stangata sull’Autotrasporto del caro traghetti, rincari delle compagnie di navigazione da 5 a 8 €/mt …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: