Home / Articoli / Arte e mostre / Murales, la mostra di Crisa a Cagliari
Unica Radio App

Murales, la mostra di Crisa a Cagliari

Lo studio LI-XI in Via Ada Negri 21 a Cagliari ospita in una mostra il murales di Crisa. Inaugurazione venerdì 14 dicembre

La sala si apre con una serie di travi di legno orizzontali intervallate da finestre e porte. Ricordano un luogo abbandonato e pieno di sporcizia. Sopra una serie di parole sovrapposte talvolta le une alle altre. Questo è lo scenario che accoglierà i visitatori alla mostra di Crisa. Uno spazio, quello dello studio LI-XI che ha voluto osare accogliendo al suo interno l’arte.

La mostra, a cura di Marco Peri e ospitata dallo Studio Li-Xi di via Negri (inaugurazione venerdì 14 alle 19), raccoglie una serie di lavori realizzati nell’ultimo anno circa.

Sono stato fuori per un po’ di tempo e avevo bisogno di tornare a casa e fare il punto della situazione. Mettere insieme tutte le visioni raccolte nei viaggi che ho fatto, riflettere un pochino, stare in ascolto e prendere il tempo necessario per l’esposizione. La mostra è il risultato di questo periodo

Quelle parole sono come un rumore di fondo e si riferiscono a qualcosa che mi ha colpito anche a livello inconscio

“Ad esempio ci sono riferimenti al mare e alle navi, nel duplice significato di possibilità di incontro e speranza ma anche di pericolo, come per i migranti che viaggiano per raggiungere l’Europa. Altri alla natura e alla sua forza immensa. Li ho ricopiati da libri che ho letto e che mi hanno spinto a riflettere”. Questo muro di legno è una installazione, una sorta di divertissement, che gioca sulla doppia natura dell’artista: nato e cresciuto per strada, dalle “tag” adolescenziali alle opere della maturità, e poi approdato nelle gallerie e nelle istituzioni dell’arte contemporanea senza mai rinunciare ai muri e alle facciate degli edifici. Questa ambivalenza è uno dei significati di Esterno/Interno, la prima personale di Crisa a Cagliari da quattro anni a questa parte.

L’ultima personale di Crisa a Cagliari risale al 2014, a “Puente de raíces”, con la testimonianza dei lavori realizzati in giro per il Messico e il Chiapas. Anche gli ultimi “pezzi” risentono dei viaggi di Crisa, del suo confronto con culture diverse e in particolare modo della sua relazione col paesaggio: dalle periferie urbane all’incontro con la natura. Nel periodo bolognese, ad esempio, Crisa ha passato molto tempo a Staveco, una ex area militare dove per anni si sono aggiustati i carri armati. Uno spazio enorme e silenzioso pieno di magazzini, padiglioni, depositi, officine, cunicoli: tutto abbandonato. “In posti come questi si intuisce la forza della natura, che è imponente e interagisce con l’urbano”, racconta Crisa. “Sono affascinato dalla decadenza, che in realtà non è nemmeno tale: è vita. Una radice che esce fuori da un muro di cemento armato che altro è se non vita?”. Dopo Bologna ci sono state altre tappe: il “caos totale marsigliese” alla ricerca di “una seconda Cagliari” nel rapporto col mare, col porto e con le salite e le discese che gli ricordavano quelle di Castello. Poi Lisbona, con la sua “luce potentissima”. Il Brasile, dove ha dipinto nelle immense periferie urbane di Rio de Janeiro, e di nuovo la Francia, a Parigi. E ancora: Atene, Napoli, diverse tappe nel nord Italia.

La nuova mostra mette un punto a questo lungo periodo e lo racconta. Ecco un altro significato di Esterno/Interno, quello più importante: il modo in cui paesaggio, ambiente e tessuto urbano influenzano il mondo interiore dell’artista e come tutto questo viene rielaborato e riportato fuori nei suoi lavori. L’esperienza si traduce in una serie di motivi ricorrenti, intrecci di simboli in cui tutto è vivo, tutto è connesso. Nelle sue opere si riconoscono i tubi fluviali, da cui passa l’acqua piovana e che per Crisa rappresentano un “canale di scambio, da cui passa l’energia”. Ci sono le città, vedute di palazzi che richiamano grandi metropoli, e poi le antenne, un altro simbolo importante: “Le antenne ci connettono col divino”, dice. “Non credo nel dio canonico ma ho una visione molto spirituale della vita. Credo che siamo tutti collegati. È un concetto legato alla religiosità orientale”. Gli occhi rappresentano la vita: nelle sue opere le stesse case o i tubi pluviali a volte hanno un occhio aperto, segno che “tutto è animato, tutto è vivo”. E ancora i fili, che rappresentano legami e connessioni tra persone e tra mondi. I lavori sono realizzati su un fondo di bitume, l’asfalto liquido usato per isolare i tetti delle case. “Asfalto le tele”, spiega, “e le mischio col caffè per renderle materiche. Quando si asciugano inizio a lavorare sugli strati e passo al colore. Ma al posto di dipingere le linee uso un raschietto e vado per sottrazione. Come se incidessi”. E i nuovi pezzi in mostra sono molto istintivi: “Rappresento i paesaggi con un segno molto spontaneo –  spiega – con delle linee che seguono un ritmo, disegnati come seguendo uno spartito musicale”.

Francesco Renga Tour 2019

About Redazione

Redazione
Nata l'8 ottobre 2007 da un progetto di tre studenti universitari. Unica Radio vuole raccontare il territorio, la cultura e le attività dell'hinterland attraverso la voce dei protagonisti. Unica Radio racconta la città che cambia

Controlla anche

Premio Luigi Pu, street art e murales a Selegas

Ha preso il via a Selegas il Premio d’arte Luigi Pu, manifestazione artistica e culturale …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: