Home / Articoli / Arte e mostre / Al Man di Nuoro dialogo sul Mediterraneo
Unica Radio App

Al Man di Nuoro dialogo sul Mediterraneo

Tre diversi progetti espositivi al Man di Nuoro per un dialogo a più voci che ha al suo centro il Mediterraneo

Arriva al Man di Nuoro “Sabir” e “Sogno d’oltremare”, prima personale in Italia dell’artista israeliano Dor Guez e del franco-ivoriano Francois-Xavier Gbré, e “O Youth and Beauty”, collettiva degli artisti Anna Bjerger, Louis Fratino e Waldemar Zimbelmann. Sono le opere scelte per la nuova stagione espositiva del Man di Nuoro firmata dal neo direttore Luigi Fassi.

“L’idea è quella di offrire un menù con una molteplicità di progetti contemporanei attraverso tre mostre differenti che testimoniano la necessità degli artisti di dar vita a un’indagine sulla propria identità culturale – ha spiegato Fassi nell’incontro per l’anteprima con la stampa – Dalle opere di Dor Guez, che raccontano la storia di sua nonna e della sua famiglia, l’infanzia a Jaffa, passando per le espulsioni del 1948, fino alla dispersione della famiglia in Europa, a quelle di Gbré, che espone una selezione fotografica che documenta l’Africa occidentale insieme a una serie di immagini realizzate nell’interno della Sardegna. E infine la collettiva che riunisce le opere di tre giovani artisti, la svedese Bjerger, il neworkese Fratino, e il tedesco cresciuto in Kazakistan Zimbelmann, che rappresentano frammenti di quotidianità e scene di vita intima mediante l’utilizzo della pittura figurativa. Tre diverse espressioni pittoriche che trasfigurano gesti e situazioni in una inquieta malinconia”.

Con queste mostre inedite – che si potranno visitare al Man dal 9 novembre al 3 marzo 2019 – il neo direttore presenta le linee guida che caratterizzeranno il museo nei prossimi mesi.

“Lavoreremo a stretto contatto con gli artisti – ha annunciato Fassi – non solo per esporre ma anche per produrre. Vogliamo così un museo capace di esprimere un proprio pensiero originale”

Francesco Renga Tour 2019

About Redazione

Redazione
Nata l'8 ottobre 2007 da un progetto di tre studenti universitari. Unica Radio vuole raccontare il territorio, la cultura e le attività dell'hinterland attraverso la voce dei protagonisti. Unica Radio racconta la città che cambia

Controlla anche

Mediterraneo: variabilità stagionali più marcate nel clima futuro

Un archivio naturale di 450 m di sedimenti sul fondo del Lago di Ocrida, al …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: